Nuove linee guida decompressione

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • dsat
    ha risposto
    Originariamente inviato da Lorescuba Visualizza il messaggio
    Ma cosa discutiamo a fare?
    Non ne sappiamo nulla, per saperne dobbiamo fare tutti i corsi del percorso tecnico della didattica, però se uno dice che la ratio deco si fa anche in aria, gli si risponde che è per EAN32 (anche, ma non solo), perchè non siamo informati, nemmeno se la usiamo o l'abbiamo usata.
    Fino ad oggi, se sommiamo le immersioni che tutti noi abbiamo fatto, credo che ne mettiamo insieme qualche migliaio, però abbiamo sempre sbagliato e non capiamo nulla perchè sono 20 anni che i migliori usano il miglior sistema, e - naturalmente - senza incidenti!!!
    Basta attendere, a brevissimo il sistema sarà adottato dalla Us navy, il comsubin, e dai professionisti di tutto il mondo che ad oggi ancora buttano soldi in sperimentazione e ricerca. Strano che non sia già successo in 20 anni e migliaia di immersioni (forse quelle che ha fatto bludive da solo nello stesso periodo di tempo, forse).
    Finora hanno usato (anche) shearwater che ha ammesso che i suoi computer hanno un algoritmo sbagliato.
    Mi arrendo, non ce la posso fare, vado su you tube a guardare qualcosa di ludico.

    https://www.youtube.com/watch?v=etotT-VZgvI
    Shearwater non ha ammesso che usa un algoritmo sbagliato... Leggi bene

    Ha dichiarato che l'algoritmo bhu che usato sui computer penalizza erroneamente Lelio perché ha inserito valori errati di solubilità e diffusibilità dell'elio generando profili più lunghi e distribuiti male.

    Il fatto che voi x 20 anni abbiate fatto in un certo modo non vuol dire niente.

    Purtroppo o per fortuna, una deco sbagliata, non si manifesta ogni volta con un episodio di mdd.

    A volte è stanchezza a volte niente a volte incidente.

    Questo dipende come ti dicevo dalle variabili personali che magari cambiano da volta a volta.

    È come uno che gioca a calcetto. Una volta si fa una distorsione, una volta zoppica, una volta niente e magari la volta che è più stanco, si rompe i legamenti. Certo è che ogni volta rende il suo corpo meno performante.

    Poi certo più i tuffi sono corti poco impegnativi etc più è difficile farsi male...ma Certo non perché si sta decomprimendo correttamente.


    Il consubin la US navy etc non prenderanno mai in considerazione qst sistema.

    Le loro missioni/immersioni Hanno obbiettivi diversi prof di erse tempi diversi...

    Il video che posti non vuol dire nulla. Magari è spiegato male ma i concetti espressi sono corretti.

    Almeno lui la faccia ce la mette...lui

    Saluti

    Lascia un commento:


  • Lorescuba
    ha risposto
    Ma cosa discutiamo a fare?
    Non ne sappiamo nulla, per saperne dobbiamo fare tutti i corsi del percorso tecnico della didattica, però se uno dice che la ratio deco si fa anche in aria, gli si risponde che è per EAN32 (anche, ma non solo), perchè non siamo informati, nemmeno se la usiamo o l'abbiamo usata.
    Fino ad oggi, se sommiamo le immersioni che tutti noi abbiamo fatto, credo che ne mettiamo insieme qualche migliaio, però abbiamo sempre sbagliato e non capiamo nulla perchè sono 20 anni che i migliori usano il miglior sistema, e - naturalmente - senza incidenti!!!
    Basta attendere, a brevissimo il sistema sarà adottato dalla Us navy, il comsubin, e dai professionisti di tutto il mondo che ad oggi ancora buttano soldi in sperimentazione e ricerca. Strano che non sia già successo in 20 anni e migliaia di immersioni (forse quelle che ha fatto bludive da solo nello stesso periodo di tempo, forse).
    Finora hanno usato (anche) shearwater che ha ammesso che i suoi computer hanno un algoritmo sbagliato.
    Mi arrendo, non ce la posso fare, vado su you tube a guardare qualcosa di ludico.

    https://www.youtube.com/watch?v=etotT-VZgvI

    Lascia un commento:


  • paolo55
    ha risposto
    Caro dsat, da parte mia nessuna sperimentazione ma solo rispetto ferreo di regole condivise. I computer usano le tabelle ed io non ho mai sgarrato di un minuto
    Ti ho solo fatto presente alcuni dati storici relativi alle mie esperienze in acqua e non davanti ad una tastiera
    Cordiali saluti
    Paolo

    Lascia un commento:


  • paolinus
    ha risposto
    Originariamente inviato da dsat Visualizza il messaggio

    paolino caro, non è esattamente cosi, primo cambio gas a 65 con 18/45 dipende dalla prof max dal back gas e dalla permanenza. non è sempre e solo come scritto mi spiace ti mancano info.

    Il discorso delle tappe fonde di Longobardi ha senso usando i sistemi "tradizionali" che ti allungherebbero le tappe in alto rendendo la deco più lunga e meno efficace.


    la deco mnemonica utr, ragiona diversamente. alla base ci sono i gas usati con i giusti gradienti e velocità di risalita differenziate in base al tempo di fondo e prof max.

    Come deco totale utr è più corto rispetto ad un computer anche se inizia più in basso.

    Il classico modello bhu ti spara alto e ti fa cuocere alle tappe superficiali.

    Crea i classici profili a v incurante dei gas pp e tempi di fondo.

    Ti giro un grafico esemplificativo

    Screenshot 2023-01-23 19.44.10.png

    Stesso runtime stessa profondità peccato che ci sono 35 minuti di fondo in più con 35 minuti di deco in meno.

    A quelle quote, non è fortuna o punti di vista la cosa è oggettiva. E non ci sono super uomini che fanno questi profili.

    La differenza sta nella scelta dei gas e la corretta strategia decompressiva. Quinfi il sistema utr usa i deep stop ma nella sua strategia decompressiva non sono penalizzanti ma propedeutici alla corretta desaturazioni con i gas utilizzati


    Screenshot 2023-01-23 19.52.37.png

    Qui abbiamo 64 minuti di deco in più.. e ti assicuro che chi l ha fatto non è un atleta.

    con questo non voglio convincere nessuno ma non mi piace si parli di cose che non si conoscono a scapito del lettore meno scaltro ( non parlo di te ).

    Sopratutto, non voglio avere discussioni con te .. ognuno alla fine fa come crede meglio..a questo ci tengo.


    Un abbraccio a presto
    Ciao Enrico
    la comparazione che posti l' ho già vista e se ne anche già discusso da altre parti.
    in effetti come dicevo sopra nn sappiamo come è settato quel computer , pertanto la comparazione è un pò strumentale

    18/45 è il primo gas che prendi da un tuffo a 100mt in UTR è cosi per immersioni di 20/25 di fondo .Esempio che citavo era questo.

    Però io nn sono a qua discutere del sistema UTR che reputo un sistema anche facile da applicare , lo sai che mi immergo da 13 anni con persone che usano questo sistema , ho avuto modo di leggere tutti i manuali fino al Professional davvero ben fatti ed esaustivi , non sono prevenuto anzi , di certo che non ti seguo quando dici che è diverso da Ratio deco, i principi sono quelli.

    Per quanto mi riguarda mi posiziono in mezzo, no computer e no menonico, per non scontentare nessuno usavo TABELLE E PROFONDIMENTO .


    I profili che si vedono da amici in comune sono davvero strong, non discuto , il sistema funziona per carità di dio.... come funzionano anche gli altri..

    Quello che volevo dire che il patrocino di Longobardi sul sistema UTR lo trovavo un pochino strano perchè qualche anno prima dava delle linee guide che andavano esattamente nella direzione opposta.

    In bocca al lupo ciaoo


    Lascia un commento:


  • dsat
    ha risposto
    Originariamente inviato da paolo55 Visualizza il messaggio
    Come spalmare il totale
    Ho usato orca e bravo one che spalmavano alto e due aladin che spalmavano basso da tempi lontani. Alcuni dei miei computer hanno piu' di trenta anni
    Adottare aladin come riferimento e' stata una scelta obbligata per sapere la deco di mia moglie o di mio figlio guardando il mio polso
    Mai avuto un problema qualsiasi fosse l"algoritmo seguito
    E' da molto tempo che esprimo la convinzione che la decompressione non sia un problema
    Mi preoccupano di piu' le reazioni improvvise di un organismo a profondita' elevate ossia il fatto che se giro la testa e vado a curiosare qualcuno possa avere problemi e vada a farsi benedire la meravigliosa condizione di benessere che il mare sa regalare
    Ciao
    Paolo
    scusa non per polemizzare sempre ma siete tutti a parlare di casistica sperimentazione e richiedere migliaia di tuffi per validare una decompressione e poi tu scrivi cosa fai tu che magari va bene per te e deve essere più attendibie di un sistema usato da una didattica e convalidato da un assicurazione subacquea???

    Cioè è un controsenso.... il fatto che tu faccia cosi non ha alcun valore... e come se dicessi che io scendo senza strumenti e quando sento male al gomito mi fermo ..

    Lascia un commento:


  • dsat
    ha risposto
    Originariamente inviato da paolinus Visualizza il messaggio

    Ovvio Ratio deco non usa aria e UTR si .


    Longobardi parlava di nn fare tappe fonde respirando gas a ppo2 alte e di portarsi sempre in alto.
    Questo cozza con sistema UTR oppure no?

    Esempio pratico
    Immersione a 100mt coN sistema utr la prima tappa e piu o meno a 65mt con switch con la 18/45 da lì tappe ogni 3mt
    a 36mt switch 35/30 e via tapponi estesi da 3/4 minuti fino a 21mt
    A21mt switch 50/20 e via tampone estesi da 3/4 minuti

    Mentre Bulhaman 50/85 prima tappa più o meno a 50mt tappe brevi di qualche minuto passanti.
    un altro film , poi botta a 6nt di oxy.


    tutto questo crea infiammazione secondo Longobardi
    Almeno un anno fa o giu di li.
    http://www.ocean4future.org/savetheocean/archives/22700

    02_PL_modello_compartimentale.jpg


    Cattura2.PNG



    Mi fa piacere che convieni che le differenze, se ci sono sono su profili oltre i 30minuti e io concordo con te che può capitare chi usa computer non affronta il discorso pianificazione nel migliore dei modi
    un abbraccio e buona fortuna!​
    paolino caro, non è esattamente cosi, primo cambio gas a 65 con 18/45 dipende dalla prof max dal back gas e dalla permanenza. non è sempre e solo come scritto mi spiace ti mancano info.

    Il discorso delle tappe fonde di Longobardi ha senso usando i sistemi "tradizionali" che ti allungherebbero le tappe in alto rendendo la deco più lunga e meno efficace.


    la deco mnemonica utr, ragiona diversamente. alla base ci sono i gas usati con i giusti gradienti e velocità di risalita differenziate in base al tempo di fondo e prof max.

    Come deco totale utr è più corto rispetto ad un computer anche se inizia più in basso.

    Il classico modello bhu ti spara alto e ti fa cuocere alle tappe superficiali.

    Crea i classici profili a v incurante dei gas pp e tempi di fondo.

    Ti giro un grafico esemplificativo

    Screenshot 2023-01-23 19.44.10.png

    Stesso runtime stessa profondità peccato che ci sono 35 minuti di fondo in più con 35 minuti di deco in meno.

    A quelle quote, non è fortuna o punti di vista la cosa è oggettiva. E non ci sono super uomini che fanno questi profili.

    La differenza sta nella scelta dei gas e la corretta strategia decompressiva. Quinfi il sistema utr usa i deep stop ma nella sua strategia decompressiva non sono penalizzanti ma propedeutici alla corretta desaturazioni con i gas utilizzati


    Screenshot 2023-01-23 19.52.37.png

    Qui abbiamo 64 minuti di deco in più.. e ti assicuro che chi l ha fatto non è un atleta.

    con questo non voglio convincere nessuno ma non mi piace si parli di cose che non si conoscono a scapito del lettore meno scaltro ( non parlo di te ).

    Sopratutto, non voglio avere discussioni con te .. ognuno alla fine fa come crede meglio..a questo ci tengo.


    Un abbraccio a presto

    Lascia un commento:


  • dsat
    ha risposto
    Originariamente inviato da Lorescuba Visualizza il messaggio
    Si usa l'aria, si usa... Ti dice niente il termine "Minima Deco"? Ecco, inizialmente era utilizzato per immersioni ad aria, poi hanno deciso che con l'aria si dovevano gonfiare solo le bombole e l'hanno "abolita" dalle tradizioni sciamatiche.



    Il cambio gas lo si fa più fondi con la mnemonica, come ha sottolineato Paolinus.




    Dipende da chi ti fa il corso.
    La mnemonica è tramandata da istruttore a allievo: non esiste un manuale in commercio, come diceva Bludive.



    E' la parte di cui si hanno minori informazioni e statistiche, chi la pratica è ancora più cavia degli altri. Come dicevo sopra, tempo fa si vociferava che la differenza era stata notata anche in modo "negativo", probabilmente solo voci di invidiosi.



    Sui computer non sono errati, solo tengono conto di un pubblico di utilizzatori molto più vasto e delle eventuali responsabilità derivanti dalla vendita di un prodotto invece che di una tradizione verbale.




    Come dicevo sopra, la conoscenza più approfondita ce l'ha chi ha avuto un buon istruttore e chi è "curioso e si informa anche fuori dai corsi, come hanno ampiamente dimostrato in alcuni interventi (non miei), in questo Thread.
    Tutte le mnemoniche sono disciplinate dal passaparola. Se si sa che qualcosa in proposito è perchè c'è stato qualche "pentito".
    fai confusione la deco mnemonica utr è standardizzata convalidata dalla dan e ha una manualistica e un percorso dedicato informati meglio.

    la minimun deco è con nitrox 32%

    ci sono 20 anni e migliaia di tuffi fino a due ore di permanenza il fatto che uno non conosca o non trovi le fonti non vuol dire che non ci siano.cerca meglio

    qui erri alla grande sui computer sono sbagliati come ammesso da shearwater in un articolo. i computer creano runtime più lunghi del dovuto e questa pratica, va controtendenza con le informazioni odierne che suggeriscono una decompressione il più corta possibile in ragevolmente all'età e condizioni fisiche.

    sbagli nuovamente la mnemonica utr non ha nulla a che vedere con ratio deco e similari... uno si informa chiede ma devi avere un istruttore che conosce la materia e la applica.
    Il passaparola lo usa chi pensa di sapere più di un istruttore qualificato e crede che i corsi sono soldi buttati.


    LA mnemonica utr è a pagamento giustamente... gli interventi nel post dimostrano la non conoscenza del sistema perché non studiato.

    Infatti si fanno minestroni di sistemi decompressivi, teorie e alchimie quando basterebbe studiare un sistema, applicarlo e poi trarne le conclusioni

    Lascia un commento:


  • dsat
    ha risposto
    Originariamente inviato da Ptranquillini Visualizza il messaggio


    Ci sono fonti documentate, a parte aneddoti verbali? Ho provato a cercare in rete, in inglese ed in tedesco, ma non ho trovato nessun riferimento a riguardo.


    certo e chi ha raccontato l'anedotto è un medico iperbarico che ha lavorato con lui

    Lascia un commento:


  • Lorescuba
    ha risposto
    Originariamente inviato da dsat Visualizza il messaggio
    Ratio deco non usa aria come gas decompressivo utr si
    Si usa l'aria, si usa... Ti dice niente il termine "Minima Deco"? Ecco, inizialmente era utilizzato per immersioni ad aria, poi hanno deciso che con l'aria si dovevano gonfiare solo le bombole e l'hanno "abolita" dalle tradizioni sciamatiche.

    Originariamente inviato da dsat Visualizza il messaggio
    Tappe fonde si intende cambio gas... Longobardi parla di alte ppo2 cm back gas. La decompressione è gradiente e usando gas ioerossigenati abbassi il tempo totale di esposizione quindi non mi sembra n in linea
    Il cambio gas lo si fa più fondi con la mnemonica, come ha sottolineato Paolinus.


    Originariamente inviato da dsat Visualizza il messaggio
    USare il sistema mnemonico ti dà una formazione e conoscenza che il computer n ti dà. In molti neanche leggono le istruttori e a volte i settaggi si tramandano da istr ad allievo.
    Dipende da chi ti fa il corso.
    La mnemonica è tramandata da istruttore a allievo: non esiste un manuale in commercio, come diceva Bludive.

    Originariamente inviato da dsat Visualizza il messaggio
    IL gap vero cn i computer è usando elio in immersioni cn tempi di fondo di almeno 30 minuti.

    È lì che vedi la differenza.
    E' la parte di cui si hanno minori informazioni e statistiche, chi la pratica è ancora più cavia degli altri. Come dicevo sopra, tempo fa si vociferava che la differenza era stata notata anche in modo "negativo", probabilmente solo voci di invidiosi.

    Originariamente inviato da dsat Visualizza il messaggio
    Semplicemente utr ha aggiustato i parametri di solubilità e diffusibilità dei gas elio e azoto che sui computer sono errati e creano tempi sbagliati ma soprattutto distribuzione sbagliata.

    La decò mnemonica utr implementa n solo numeri ma altre variabili che con il computer non prendi semplicemente in considerazione.
    Sui computer non sono errati, solo tengono conto di un pubblico di utilizzatori molto più vasto e delle eventuali responsabilità derivanti dalla vendita di un prodotto invece che di una tradizione verbale.


    Originariamente inviato da dsat Visualizza il messaggio
    In soldoni, hai una conoscenza della materia più approfondita e in fase di pianificazione haiinee guida precise dettate dalla didattica e non dal passa parola per gas da usare in base al tuffo , piano decompressivo tempo etc..
    Come dicevo sopra, la conoscenza più approfondita ce l'ha chi ha avuto un buon istruttore e chi è "curioso e si informa anche fuori dai corsi, come hanno ampiamente dimostrato in alcuni interventi (non miei), in questo Thread.
    Tutte le mnemoniche sono disciplinate dal passaparola. Se si sa che qualcosa in proposito è perchè c'è stato qualche "pentito".

    Lascia un commento:


  • paolinus
    ha risposto
    Originariamente inviato da dsat Visualizza il messaggio

    Ciao,

    Ratio deco non usa aria come gas decompressivo utr si
    Tappe fonde si intende cambio gas... Longobardi parla di alte ppo2 cm back gas. La decompressione è gradiente e usando gas ioerossigenati abbassi il tempo totale di esposizione quindi non mi sembra n in linea

    Utr n ha inventato nulla. La parte aria sono le tabelle bhu applicate mnemonicamente con adattamenti.

    La strategia sono i gas usati in funzione del tuffo fatto.

    USare il sistema mnemonico ti dà una formazione e conoscenza che il computer n ti dà. In molti neanche leggono le istruttori e a volte i settaggi si tramandano da istr ad allievo.

    IL gap vero cn i computer è usando elio in immersioni cn tempi di fondo di almeno 30 minuti.

    È lì che vedi la differenza.

    Semplicemente utr ha aggiustato i parametri di solubilità e diffusibilità dei gas elio e azoto che sui computer sono errati e creano tempi sbagliati ma soprattutto distribuzione sbagliata.

    La decò mnemonica utr implementa n solo numeri ma altre variabili che con il computer non prendi semplicemente in considerazione.

    In soldoni, hai una conoscenza della materia più approfondita e in fase di pianificazione haiinee guida precise dettate dalla didattica e non dal passa parola per gas da usare in base al tuffo , piano decompressivo tempo etc..

    È quello il vero valore aggiunto.

    Saluti
    Ovvio Ratio deco non usa aria e UTR si .


    Longobardi parlava di nn fare tappe fonde respirando gas a ppo2 alte e di portarsi sempre in alto.
    Questo cozza con sistema UTR oppure no?

    Esempio pratico
    Immersione a 100mt coN sistema utr la prima tappa e piu o meno a 65mt con switch con la 18/45 da lì tappe ogni 3mt
    a 36mt switch 35/30 e via tapponi estesi da 3/4 minuti fino a 21mt
    A21mt switch 50/20 e via tampone estesi da 3/4 minuti

    Mentre Bulhaman 50/85 prima tappa più o meno a 50mt tappe brevi di qualche minuto passanti.
    un altro film , poi botta a 6nt di oxy.


    tutto questo crea infiammazione secondo Longobardi
    Almeno un anno fa o giu di li.
    http://www.ocean4future.org/savetheocean/archives/22700

    02_PL_modello_compartimentale.jpg


    Cattura2.PNG



    Mi fa piacere che convieni che le differenze, se ci sono sono su profili oltre i 30minuti e io concordo con te che può capitare chi usa computer non affronta il discorso pianificazione nel migliore dei modi
    un abbraccio e buona fortuna!​
    File allegati
    Ultima modifica di paolinus; 23-01-2023, 16:41.

    Lascia un commento:


  • Ptranquillini
    ha risposto
    Originariamente inviato da dsat Visualizza il messaggio


    E se avessi ascoltato o visto con attenzione, ti saresti reso conto che bhu le tabelle che ha fatto non le ha fatte con studi e sperimentazioni come credere tutti ma comprimendo e decomprimendo galeotti ( in cambio di uno sconto di pena) per ottimizzare le decompressioni nelle saturazioni rendendole il più corte ( non sicure) possibili.

    Ci sono fonti documentate, a parte aneddoti verbali? Ho provato a cercare in rete, in inglese ed in tedesco, ma non ho trovato nessun riferimento a riguardo.



    Lascia un commento:


  • paolo55
    ha risposto
    Come spalmare il totale
    Ho usato orca e bravo one che spalmavano alto e due aladin che spalmavano basso da tempi lontani. Alcuni dei miei computer hanno piu' di trenta anni
    Adottare aladin come riferimento e' stata una scelta obbligata per sapere la deco di mia moglie o di mio figlio guardando il mio polso
    Mai avuto un problema qualsiasi fosse l"algoritmo seguito
    E' da molto tempo che esprimo la convinzione che la decompressione non sia un problema
    Mi preoccupano di piu' le reazioni improvvise di un organismo a profondita' elevate ossia il fatto che se giro la testa e vado a curiosare qualcuno possa avere problemi e vada a farsi benedire la meravigliosa condizione di benessere che il mare sa regalare
    Ciao
    Paolo

    Lascia un commento:


  • dsat
    ha risposto
    Originariamente inviato da paolinus Visualizza il messaggio

    Enrico ciao!

    Che non abbia nulla a che vedere con ratio deco o similiari non si può dire...
    Non è che UTR hanno scoperto l'acqua calda!

    Sappiamo tutti che il sistema memonici funzionano, sono anche semplici da applicare ma alla fine al netto di alcuni accorgimenti partono tutti da quanto elaborato oltre oceano.
    Quindi forse un po' di "sperimentazione" si è fatta soprattutto li , qui ci si è trovati il lavoro già fatto.

    i principi tra il sistema UTR e la Ratio deco GUE io li trovi abbastanza simili.
    Infatti ho buddies GUE e UTR che se la intendono molto come approccio alla Deco.

    I profili estremi penso si facciano anche con altri sistemi certo non hanno la visibilità che riesce a dargli UTR, fermo restando che sono immersioni toste , toste davvero.


    Detto questo per entrare nel vivo, si sente dire spesso ma se usavi il computer uscivo 30 minuti dopo.
    mah a volte è un pretestuoso e si fa confusione.
    Si cerca sempre di valorizzare il sistema memonico sul fatto che ti fa uscire prima , secondo me invece è un buon sistema sicuro come lo può essere un computer e bon.

    Anzitutto bisogna capire come è settato il computer

    Detto questo penso che allo stacco dal fondo il tempo deco sia uguale per un sistema memonico e un sistema bulhaman
    cosa differenzia? la distribuzione delle tappe e filosofie diverse

    Per il sistema memo/ratio in soldoni per farla semplice tappe fonde ed estese/sfruttare al massimo oxigen window/ pochi cigli oxy sopra.
    Ma le tappe fonde respirando alte pp02 non creavano infiammazione secondo Longobardi?
    non andavano evitate?
    Mi sembra vadano in senso opposto al sistema MEMO
    Cosa mi perdo'???



    Bulhaman sempre per fala semplice sfrutti al massimo gradiente pressorio tappe alte , tanto ossigeno

    Spesso si fanno confronti del tipo se seguivo il computer sarei uscito 30 minuti dopo….
    ma in realtà non è proprio cosi .

    Se fai un profilo memonico con un computer al polso settato bulhaman si crea il gap. diversamente non penso si creino differenze abissali.




    .
    E cmq n voglio convincere nessuno.

    Io n la conoscevo l ho studiata applicata e me ne sono innamorato tutto qui.

    Un abbraccio

    Lascia un commento:


  • dsat
    ha risposto
    Originariamente inviato da paolo55 Visualizza il messaggio
    Con algoritmo Aldane (bravo one) ci si trova a decomprimere a quote inferiori,solitamente 3 metri. Quando si vede la tappa a 6 e' perche' aladin segna 2 o 3 minuti a 9 mentre i 9 inziano quando aladin e' gia' a 12
    In ogni caso il tempo totale di decompressione e' circa lo stesso a dimostrare che e' la somma che fa il totale come diceva il grande Toto'
    Basta decidere come spalmare il totale
    Paolo
    Giusto, il problema sta proprio nel "basta decidere come spalmare il totale" ...
    libero arbitrio e opinioni non contano.

    L esperienza a volte per farsela si rischia di farsi male.

    Molto meglio un sistema che ti spiega esattamente come spalmarla in base al tuffo fatto e soprattutto perché... Penso faccia tutta la differenza del mondo

    Lascia un commento:


  • dsat
    ha risposto
    Originariamente inviato da RANA Visualizza il messaggio

    Questo non lo sapevo, non ho guardato il link che hai postato dato che non mi si apre.
    Ok quindi il metodo "menmonico" è stato calibrato sulle tabelle "Bhu".



    Per me è la prima volta che sento parlare di Bhu, il fatto che sia gratis non vuol dire che sia testato enne volte, dubito che possano vantare la statistica dei modelli di Biulman.

    Il fatto che siano state testate sui galeotti sinceramente è "medioevo" ed ha valore solo come testimonianza storica di quello che si è arrivati a fare in nome della scienza, anche i nazzisti testavano sui soggetti che ritenevano cavie.
    La sperimentazione umana a questi livelli è per me indegna di una sperimentazione vera ed etica.

    Cordialmente
    Rana




    https://fb.watch/iebvtvpvjk/

    Guarda il video così riesci a comprendere meglio...

    Viene detto chiaramente che bhu l obbiettivo di bhu era di fare uscire prima i subacquei dall' acqua per risparmiare nelle immersioni in saturazione.

    Sperimentando come descritto era arrivato a risparmiare due giorni di decompressione e milioni risparmiati.

    Ma nel video è spiegato bene

    Lascia un commento:

Riguardo all'autore

Comprimi

dsat Per saperne di più su dsat

Statistiche comunità

Comprimi

Attualmente sono connessi 89 utenti. 3 utenti e 86 ospiti.

Il massimo degli utenti connessi: 1,553 alle 05:45 il 16-01-2023.

Scubaportal su Facebook

Comprimi

Sto operando...
X