La subacquea diventerà un hobby per pochi?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Originariamente inviato da paolo55 Visualizza il messaggio
    Aggiungi che per scelta antica ho voluto essere autonomo in acqua e che per me il barchino e' parte sostanziale ed integrante della attrezzatura subacquea.
    Mio figlio ha patente nautica e gli manca la BE per essere autonomo
    Poi o si decidera' ad andare da solo o convincera' la sua compagna ad immergersi, come con quella santa donna di mia moglie che si e' trovata nel blu con un bibo sulle spalle .
    cordialmente
    Paolo
    Paolo, diciamo che anche senza un barchino si può arrivare a fare immersioni in autonomia.

    Premesso questo tu hai costruito tutta una serie di esperienze e situazioni molto personali ad iniziare dall'approccio alla subacquea che ti permettono di fare quello che fai.
    Bene, benissimo non posso che considerarti un appassionato che ha potuto anche vivere il mare a 360 gradi ma questo non è una cosa comune e soprattutto fattibile da tutti.

    Tu hai fatto delle scelte molto particolari potendo anche permetterti queste scelte.


    Rana

    Commenta


    • #17
      Originariamente inviato da RANA Visualizza il messaggio

      Purtroppo i costi ci sono anche minimi ma ci sono, se poi questi costi riguardano un minore (come i nostri figli) la spesa, grande o piccola va a carico delle famiglie che già fanno i "salti mortali".
      Quindi si comprendo benissimo le difficoltà, ci sono e non sono poche.

      Quanto ai figli d'arte, ovvio che per me è più facile ed anche molto meno costoso coinvolgere mia figlia.
      Il mio intervento non voleva indicare un "metro" con cui misurare anche le altre realtà ma ribadire l'eccezionalità della situazione che vivo io, egoisticamente ho le capacità da istruttore, le attrezzature, per portare mia figlia in autonomia, ovvio che i costi sono minimi e non paragonabili a quelli che hanno altri per quanto contenuti.


      Rana
      perdonami sono stato frainteso, il mio intervento era proprio per confermare il tuo concetto

      Commenta


      • #18
        RANA
        Di DIR-GUE ce ne sono ancora tanti e per loro è ancora uno status symbol essere GUE, anche a ragione, la differenza c'è...io non posso far parte di questa cerchia perchè fumo, ma la maggior parte dei compari di immersione che frequento sono proprio GUE o didattiche affini, quindi non sono estinti...anzi, se prendessimo in considerazione solo la subacquea "profonda" parlo dai 75-80 metri in giù sono ancora una buona percentuale.

        Discorso sulla quantità di negozi o/e circoli sub, penso sia tutto correlato al discorso di un boom "una tantum" troppo sfruttato (anni '90), ma non basato su di un mercato stabile, prima, penso (anni '70-'80) che ce ne fossero meno di adesso di negozi di sub...Tutti concentrati o in grandi città o in località marittime-lacustri, non di certo non in campagna-collina da me...Calcola che mio nonno non ha mangiato vongole di mare almeno fino i primi anni '90... roba che se mio padre non faceva naja in marina neanche sapevamo cosa fosse il mare in famiglia....

        Discorso costi...beh, se parliamo di una subacquea fino a quota -40 (-60 per aria profonda) allora si, i costi si possono tagliare, rimandare, ottimizzare, ma quando si cade nella spirale della tecnica (trimix-bibo-stage-reb-scooter-stagna-corsi) i costi montano e non ci si può far nulla, qua infatti c'è un altro scalino dove molti si arenano, ma visto che non è il dottore che ci manda in acqua ognuno si farà i propri conti in tasca per non morir di fame o di divorzio (causato dalla subacquea).

        Il tempo è sempre stato poco sia negli anni 90 che adesso, ma per una passione ce lo trovi, è che prima di passione ne avevi una, ora ne abbiamo mille ma mille approfondite male...
        Buone bolle a tutti!!!
        http://4th-dimension.detidecosystem.com/

        Commenta


        • #19
          Originariamente inviato da firer84 Visualizza il messaggio
          RANA
          Di DIR-GUE ce ne sono ancora tanti e per loro è ancora uno status symbol essere GUE, anche a ragione, la differenza c'è...io non posso far parte di questa cerchia perchè fumo, ma la maggior parte dei compari di immersione che frequento sono proprio GUE o didattiche affini, quindi non sono estinti...anzi, se prendessimo in considerazione solo la subacquea "profonda" parlo dai 75-80 metri in giù sono ancora una buona percentuale.

          Ciao Firer84,
          mi scuso, probabilmente mi sono espresso male.

          DIR - GUE - non discuto la validità, io non fumo, non ho mai fatto corsi GUE ne mai ne farò (anche se mai dire mai nella vita) non perché non sono validi, il mio rifiuto a questa didattica si lega al mio percorso personale - io amo l'aria profonda - che mi ha portato a vivere una certa subacquea e a fare certe esperienze nel bene e nel male che mi hanno legato ad un certo ambiente, amicizie ecc, ma non nego la validità di questa didattica nel trimix, il resto lasciamo stare semplicemente non lo fanno non è il loro "focus", nel trimix "chapeau !!!" sono senza dubbio il "top !!!" .

          Commercialmente rimane nonostante tutto estinta e le tue parole ne sono la conferma.
          Io in 28 anni - persone che scendono regolarmente a 75-80 metri ne conosco meno di 10, mentre conosco un infinità di persone che hanno il brevetto di subacquea.
          Non penso che tu sei differente da me, di persone che vanno a quelle quote regolarmente ne conosci una manciata, non penso che parli di un gruppo di due o trecento subacquei.
          Quindi di cosa parliamo a livello commerciale in termini di numeri ???
          Del nulla.
          Puoi citarmi 10 e dico 10 persone che hanno fatto il famoso corso iniziale, in anni passati tanto annunciato, della GUE per neofiti, il corso che avrebbe dovuto prendere un non brevettato e portarlo al primo livello ???

          Ho detto 10 ma potevo dirti 5 - un corso che sulla carta, in teoria dava tantissimo ma il cui costo era del tutto fuori mercato .... probabilmente se arrivi a citare un nome o due è tanto (ma non penso).

          Se proprio vogliamo dircela tutta nei corsi base (open) non c'è gara vincono le altre didattiche, i corsi base che teniamo nel circolo a cui sono iscritto, non temono confronto con nessuno .....

          Il "fundamental" oggi che numeri fa ???
          Mi pare che anche il portale GUE Italia sia fermo.

          Ripeto, purtroppo e lo dico a malincuore, la DIR - GUE commercialmente in Italia è estinta anche se sopravvive qualche nicchia.

          Originariamente inviato da firer84 Visualizza il messaggio
          Discorso costi...beh, se parliamo di una subacquea fino a quota -40 (-60 per aria profonda) allora si, i costi si possono tagliare, rimandare, ottimizzare, ma quando si cade nella spirale della tecnica (trimix-bibo-stage-reb-scooter-stagna-corsi) i costi montano e non ci si può far nulla, qua infatti c'è un altro scalino dove molti si arenano, ma visto che non è il dottore che ci manda in acqua ognuno si farà i propri conti in tasca per non morir di fame o di divorzio (causato dalla subacquea).
          La subacquea tecnica è una nicchia della subacquea, non ha numeri appetibili, il 90% del mercato è e rimane il subacqueo ricreativo più o meno avanzato a cui vendere gav tecnici che non sfrutterà mai, o computer a colori di ultima generazione.

          Hai ragione oggi la subacquea tecnica la fai a colpi di "palanche", o come direbbe Crozza quando imita Razzi: "amico caro, ci vuole la grana"

          E' tutto correlato: se hai la "grana" > hai anche il tempo per fare > se hai il tempo puoi fare fai anche i corsi e le immersioni.
          Persone che hanno la "grana" per fare a quel livello sono relativamente poche rispetto la popolazione subacquea.
          I corsi GUE - DIR sono ben fatti capisco chi li sceglie ma qui fermiamoci.
          Di questa popolazione quelli che sanno andare ad un certo livello, perché hanno quelle doti personali particolari sono veramente mosche bianche.

          Tutto questo discorso per dire che i numeri della subacquea tecnica sono numeri ridicoli dal punto di vista dei mercati, figuriamoci una nicchia nella nicchia come i GUE ..... commercialmente parlando.

          Originariamente inviato da firer84 Visualizza il messaggio
          Il tempo è sempre stato poco sia negli anni 90 che adesso, ma per una passione ce lo trovi, è che prima di passione ne avevi una, ora ne abbiamo mille ma mille approfondite male...
          Qui sono assolutamente d'accordo con te.

          Il gande problema di oggi: facciamo tantissime cose ma tutte ad un livello superficiale, non si può fare tutto e tutto approfondito.


          Rana

          Commenta


          • #20
            Originariamente inviato da cragene Visualizza il messaggio
            Spero che non accada, anche se è vero che ormai i nuovi subacquei sono sempre meno ed è sempre più raro vedere sub "giovani".
            Personalmente non credo che il problema sia poi tanto il tema economico: altri hobby come lo sci costano infinitamente di più della subacquea, e hanno anche parecchie spese accessorie "continue".

            Il problema principale per come la vedo io è che è un hobby che viene sempre pubblicizzato come "un'esperienza che fai quella settimana all'anno tutto guidato e senza troppi pensieri", basti vedere quanti pochi sono i diving che restano aperti anche in inverno e il fatto che invece nei laghi di diving non ne esistono proprio...
            Non sono molto pratico di sci come puoi affermare che lo sci costa infinitamente più della Subacquea?
            quale Subacquea?
            Quella tecnica ha costi significativi ma anche quello ricreative penso costi di più dello sci.

            spese accessorie e manutenzione se vai in acqua settimanalmente sono sempre presenti.

            Fare Subacquea tecnica ha dei costi non per tutti.


            Trasferimento Vs mare carburante e caselli

            Servizio diving costi +50% vs il costo immersione rec .
            le immersione durano il doppio è corretto pagare di più

            gas elio e ossigeno in bibombola da 32 0 36 litri
            3o 4 s80 piene di oxy e elio

            superi tranquillamente i 200/230e per un tuffo.
            prezzi sono riferiti ad elio a 30mc ora è a 50mc ..
            Fortunamente ora carico 3litri...ma cmq i costi per praticare ci sono....



            http://profondeemozioni.blogspot.com...V5SQJ1vZvQ6WZR
            http://profondeemozioni.blogspot.com/

            Commenta


            • #21
              Viaggiare dormire e mangiare non cambiano molto che si tratti di andare al mare o in montagna
              impianti di risalita piu' o meno in linea con i diving
              rimane la attrezzatura che costa piu' o meno allo stesso modo e dipende da quanto te la fai durare
              Andando ad aria secondo me siamo li, almeno in base alla mia esperienza personale
              Senza lalleri non si lallera
              Paolo
              Paolo

              Commenta


              • #22
                Concordo con paolinus e visto che sono le mie due passioni a confronto non c'è storia se parliamo di costi tra sci e subacquea tecnica, basta pensare che un'attrezzatura top in snow la paghi sui 1500€ Tavola attacchi scarponi, praticamente meno di una muta stagna di buona qualità, mettiamo 2000€ per star bassi.
                L'abbigliamento da snow per essere "veri finti super PRO" ti può partire 2000€ ma basta pensare che uno scooter sub medio nuovo sotto ai 3000€ non te lo fanno neanche vedere.
                Benza e costi vari per uno di Modena si equivalgono perchè sono a 250/300 KM sia dalle dolomiti, sia dal mare.
                poi bisogna metterci tre stage S80 complete (con erogatori), una S40 e un bombolino per la stagna...1600-2000€ anche li. (le bobbole possono variare..io uso queste)
                Aggiungiamo un CPU tec...650€ a star bassi considerando che uno può scendere con i profondimetri, ma anche con due CPU da 800€ ciascuno...
                Bibo completo D12 tra una bottiglie e Erogatori nuovi...1500€
                Skipass stagionale sulle dolomiti:900€ circa ma se metto 11-12 immersioni invernali in diving sono già lì (80€ ad immersione esclusi i gas)
                Come vedete siamo già oltre....senza contare le ricariche gas...
                Sostituisci il bibo con un reb.. e triplichi o più la spesa dell'andare a sciare.
                Ovviamente i costi della subacquea saranno più dilatati nel tempo...ma con un anno di subacquea tec ti paghi tutto dello sci per anni.
                Ultima modifica di firer84; 16-11-2022, 09:15.
                Buone bolle a tutti!!!
                http://4th-dimension.detidecosystem.com/

                Commenta


                • #23
                  Originariamente inviato da firer84 Visualizza il messaggio
                  Concordo con paolinus e visto che sono le mie due passioni a confronto non c'è storia se parliamo di costi tra sci e subacquea tecnica, basta pensare che un'attrezzatura top in snow la paghi sui 1500€ Tavola attacchi scarponi, praticamente meno di una muta stagna di buona qualità, mettiamo 2000€ per star bassi.
                  L'abbigliamento da snow per essere "veri finti super PRO" ti può partire 2000€ ma basta pensare che uno scooter sub medio nuovo sotto ai 3000€ non te lo fanno neanche vedere.
                  Benza e costi vari per uno di Modena si equivalgono perchè sono a 250/300 KM sia dalle dolomiti, sia dal mare.
                  poi bisogna metterci tre stage S80 complete (con erogatori), una S40 e un bombolino per la stagna...1600-2000€ anche li. (le bobbole possono variare..io uso queste)
                  Aggiungiamo un CPU tec...650€ a star bassi considerando che uno può scendere con i profondimetri, ma anche con due CPU da 800€ ciascuno...
                  Bibo completo D12 tra una bottiglie e Erogatori nuovi...1500€
                  Skipass stagionale sulle dolomiti:900€ circa ma se metto 11-12 immersioni invernali in diving sono già lì (80€ ad immersione esclusi i gas)
                  Come vedete siamo già oltre....senza contare le ricariche gas...
                  Sostituisci il bibo con un reb.. e triplichi o più la spesa dell'andare a sciare.
                  Ovviamente i costi della subacquea saranno più dilatati nel tempo...ma con un anno di subacquea tec ti paghi tutto dello sci per anni.
                  Il paragone con la subacquea tecnica non regge, devi farlo con tuffi rec.
                  Di sciare ho smesso per mancanza di compagnia ma se prendo me come esempio, togliendo i costi di trasporto mare e montagna da casa mia sono alla stessa distanza, al netto delle due attrezzature che come prezzi si equivalgono, considerando che in estate vado al mare e in inverno in montagna e quindi togliendo la stagna dall'equazione, il costo di uno ski-pass giornaliero in valle d'Aosta costa qualcosa di più di un uscita (rec) con un diving in Liguria.
                  Sono ragionamenti che un paio di anni fa, feci proprio per fare un paragone quando a casa mi chiesero i costi... quando spiegai che andando a sciare, attività più affine alla famiglia, avrei speso pressochè le stesse cifre smisero di triturarmi i cosiddetti...
                  Se poi ho scritto cose dettate dal non più essere aggiornato sui prezzi montani correggetemi pure

                  Commenta


                  • #24
                    Io ho fatto il confronto tra le mie due passioni riprendendo il post di Paolinus, la subacquea rec non era menzionata se non di striscio nel post a cui io ho risposto...sicuramente tra rec e sci ci può essere un paragone di prezzi...

                    Come prezzi sei ancora abbastanza aggiornato...i giornalieri vanno dai 50 ai 65€ (circa)a seconda delle località, ma se metti anche solo due tuffi al giorno in rec e la ricarica non so se ci stai dentro nei 65€...


                    Ultima modifica di firer84; 16-11-2022, 10:01.
                    Buone bolle a tutti!!!
                    http://4th-dimension.detidecosystem.com/

                    Commenta


                    • #25
                      Originariamente inviato da firer84 Visualizza il messaggio
                      Come prezzi sei ancora abbastanza aggiornato...i giornalieri vanno dai 50 ai 65€ (circa)a seconda delle località, ma se metti anche solo due tuffi al giorno in rec e la ricarica non so se ci stai dentro nei 65€...
                      Con € 65 non fai due immersioni dal diving anche se concordi una convenzione, non oggi.

                      Non scio ma chi scia mi dice che c'è una differenza, con un giornaliero si scia tutta la giornata, mentre normalmente sott'acqua ci stai 60 minuti e poi fine, quindi se si pondera la spesa al tempo in cui si fruisce dell'attività, sciare sembra un'attività più conveniente dello subacquea.

                      Ovviamente questi sono discorsi fatti senza l'oste, perché la passione è l'ago della bilancia.
                      Per chi è appassionato di subacquea 1 ora sott'acqua vale più di una giornata passata a sciare e vice versa.

                      L'attrezzatura da sci la metterei al pari di una buona attrezzatura subacquea ricreativa.
                      Il tec, lasciamo stare costa molto di più rispetto all'attività sciistica ovviamente non conosco il settore ci possono essere situazioni agonistiche legati allo scii che per tutto quello che comportano hanno un costo vicino all'attività tec nella subacquea ma questo è un altro discorso.

                      Lo sci rimane comunque un attività rispetto alla subacquea dove meglio la famiglia nel suo insieme può trovare i suoi spazzi di condivisione.

                      Nello scii per giunta hanno saputo difendere il valore dell'istruttore e della sua formazione.

                      Sono due settori con analogie ma anche profonde differenze, ma ritengo che la crisi si avverta anche in questo settore, ma non ho dati per affermarlo con certezza.

                      Cordialmente
                      Rana



                      Commenta


                      • #26
                        Originariamente inviato da firer84 Visualizza il messaggio
                        Io ho fatto il confronto tra le mie due passioni riprendendo il post di Paolinus, la subacquea rec non era menzionata se non di striscio nel post a cui io ho risposto...sicuramente tra rec e sci ci può essere un paragone di prezzi...

                        Come prezzi sei ancora abbastanza aggiornato...i giornalieri vanno dai 50 ai 65€ (circa)a seconda delle località, ma se metti anche solo due tuffi al giorno in rec e la ricarica non so se ci stai dentro nei 65€...

                        Scusami non voleva essere un critica sono partito a razzo a scrivere, volevo avvalorare il tuo ragionamento e chiarire che al più il paragone doveva essere fatto con le rec.

                        No non ci stai, con due tuffi non ci siamo proprio una doppia da gommone sono almeno 70€ con 50€ nei miei giri ci sto dentro solo in un posto dove una la faccio da riva e l'latra da gommone.
                        D'altro canto se porto la famiglia al mare, stare in spiaggia libera non mi costa nulla. Se li porto in montagna sulle piste solitamente c'è il biglietto andata e ritorno.

                        Commenta


                        • #27
                          Originariamente inviato da RANA Visualizza il messaggio

                          ... ma ritengo che la crisi si avverta anche in questo settore, ma non ho dati per affermarlo con certezza.


                          Lo scorso capodanno ho passato qualche giorno in montagna con famiglia e amici, località diversa dalle mie solite perchè ero sulle alpi bergamasche, ma per essere un periodo di alta stagione ho proprio pensato che ci fosse meno gente alla quale ero abituate, ma ho dato anche la colpa al fatto che non fosse una località "famosa" tantè che il giornaliero era molto appetibile.
                          Parlando con un istruttore del luogo, lamentava la crisi.
                          Certo è che per trovare un posto libero dove soggiornare a prezzi abbordabili abbiamo dovuto sondare strutture dalla valle d'Aosta al Trentino.
                          In Valle d'Aosta è stato praticamente impossibile trovare posti liberi.

                          Commenta


                          • #28
                            Originariamente inviato da RANA Visualizza il messaggio

                            Con € 65 non fai due immersioni dal diving anche se concordi una convenzione, non oggi.

                            Non scio ma chi scia mi dice che c'è una differenza, con un giornaliero si scia tutta la giornata, mentre normalmente sott'acqua ci stai 60 minuti e poi fine, quindi se si pondera la spesa al tempo in cui si fruisce dell'attività, sciare sembra un'attività più conveniente dello subacquea.

                            Ovviamente questi sono discorsi fatti senza l'oste, perché la passione è l'ago della bilancia.
                            Per chi è appassionato di subacquea 1 ora sott'acqua vale più di una giornata passata a sciare e vice versa.

                            L'attrezzatura da sci la metterei al pari di una buona attrezzatura subacquea ricreativa.
                            Il tec, lasciamo stare costa molto di più rispetto all'attività sciistica ovviamente non conosco il settore ci possono essere situazioni agonistiche legati allo scii che per tutto quello che comportano hanno un costo vicino all'attività tec nella subacquea ma questo è un altro discorso.

                            Lo sci rimane comunque un attività rispetto alla subacquea dove meglio la famiglia nel suo insieme può trovare i suoi spazzi di condivisione.

                            Nello scii per giunta hanno saputo difendere il valore dell'istruttore e della sua formazione.

                            Sono due settori con analogie ma anche profonde differenze, ma ritengo che la crisi si avverta anche in questo settore, ma non ho dati per affermarlo con certezza.

                            Cordialmente
                            Rana


                            Non scrivo di dati certi, ma mi baso su quello che vedo sulle piste da 30 anni di sci/snowboard.
                            Ho iniziato a sciare da bambino, 7/8 anni circa, non ricordo di preciso, quindi mettiamo anni 90...lo sci era per molti ma non per tutti, poi sui 17 anni ho preso la tavola, quindi anni 2000, boom degli snowboard (in Emilia si è sentito molto), magicamente tutti andavano a sciare, poi la botta dello snow si è riassorbita e guarda caso i numeri sono tornati come negli anni 90 o poco di più, proprio come nella subacquea, ma 10 anni dopo...e ti pareva...

                            Fare un paragone con due/tre ore d'acqua con una giornata di sci, proprio come di tu, è sbagliato perchè non sci tutto il giorno, anzi... devi tener conto che in una giornata passerai più tempo sugli impianti di risalita che sulle piste, quindi se paragoniamo il tempo effettivo in acqua e quello sulla tavola sciando siamo lì...se non meno sulla tavola...

                            Concordo pienamente invece sul discorso maestri di sci/istruttori sub
                            Buone bolle a tutti!!!
                            http://4th-dimension.detidecosystem.com/

                            Commenta


                            • #29
                              Dico la mia.

                              Capitolo costi: non so come fosse negli anni 90, ma negli ultimi dieci/dodici anni (da quando ho iniziato a praticare subacquea) i costi sono saliti davvero molto. Ricordo le prime immersioni REC anche a 20/25 euro - ma lo standard era circa 30. Oggi si parte da 45 se vuoi il Nitrox, ma non ci vuole molto ad arrivare a 50 o 60 euro a tuffo in alcune zone.

                              Dunque per chi non vive a ridosso del mare e non ha possibilità di fare tuffi da riva (ad esempio nel Lazio, dove vivo, io non conosco posti interessanti dove entrare da riva, ma se ci fossero segnalatemeli!), una giornata fatta bene, con due tuffi e costi annessi (trasporto, parcheggio, pasti) viaggia serenamente sui 150 euro, quando va bene. Non sono pochi, ma se rinunci ad altre cose puoi affrontare la spesa: diventa una questione di scelta e di costo opportunità. Ovvio che i giovani in questo contesto o sono figli di persone benestanti o sono figli di subacquei.

                              Certo, ci sono eccezioni e strategie: si viaggia in gruppo e si smezzano i costi, si cercano soluzioni economiche in posti vicini, il pranzo è al sacco o ci si rimette in auto con una banana sullo stomaco e poi si mangia a casa. E così si lima qualche decina di euro che rende possibile all'appassionato di farsi tre uscite mensili invece di due, ma sempre nell'ambito della passione rimaniamo.

                              Di recente un collega - non sposato, che vive a casa dei genitori e con un buon reddito - mi ha chiesto informazioni sui costi per iniziare a praticare subacquea. Non ne abbiamo parlato più...nonostante si fosse mostrato in teoria molto interessato.

                              Per quanto riguarda il confronto con lo sci, a mio avviso nonostante le grandi differenze "ambientali", il paragone è tutto sommato centrato, se confrontiamo una giornata sulle piste con un full day in barca, che oggi si aggira sul centinaio di euro. In acqua non puoi oggettivamente stare per più di due ore al giorno, ma fare una bella giornata in mare, con pranzo a bordo e due tuffi credo equivalga in termini emozionali e di soddisfazione a una giornata di sci e con i costi siamo più o meno lì.

                              La subacquea tecnica è un capitolo a parte – costa davvero un botto, tenuto conto del costo tanto delle attrezzature, quanto dell’addestramento e dei gas. Ma stiamo parlando di un’attività davvero di nicchia, uno sport “estremo”, intendendo con ciò un’attività che richiede altissimi livelli di applicazione, dedizione e passione: una cosa non per tutti e per questo credo che chiedersi se sia costosa o meno abbia poco senso, perché è per sua natura destinata ad un pubblico ristrettissimo.
                              “Call me Ishmael. Some years ago - never mind how long precisely - having little or no money in my purse, and nothing particular to interest me on shore, I thought I would sail about a little and see the watery part of the world."

                              Commenta


                              • #30
                                Originariamente inviato da firer84 Visualizza il messaggio
                                Fare un paragone con due/tre ore d'acqua con una giornata di sci, proprio come di tu, è sbagliato perchè non sci tutto il giorno, anzi... devi tener conto che in una giornata passerai più tempo sugli impianti di risalita che sulle piste, quindi se paragoniamo il tempo effettivo in acqua e quello sulla tavola sciando siamo lì...se non meno sulla tavola...
                                Io non conosco il settore, mi baso solo su quello che a me hanno detto chi scia, per cui mi scuso se ho scritto inesattezze.

                                Effettivamente dopo aver letto il tuo intervento comprendo che non è esattamente come mi è stato detto.

                                Il paragone effettivamente non è facile farlo ponderando tutti gli aspetti.

                                Lo scii comunque come dici tu rimane un attività per tanti ma non per tutti anche se correggimi se sbaglio oggi con tutte le possibilità di affittare l'attrezzatura è diventato più abbordabile (anche in questo caso mi baso su mie percezioni ergo potrei aver scritto castronerie).

                                La subacquea idem e forse ancora a maggior ragione perché non è solo una questione di costi ma anche di affinità con l'acqua è un attività per tanti ma non per tutti i cui costi si fanno sentire soprattutto per chi inizia (mi dirai anche chi scia).

                                In periodi di crisi sono attività che subiscono delle contrazioni.

                                La subacquea è in recessione ancora prima della pandemia dal mio personale punto di vista, nonostante ci sono delle oasi felici (circoli che ancora riescono a fare numeri importanti anche al giorno d'oggi).
                                La crisi del settore è dovuta ad una serie di fattori, non solo economici che comunque si fanno sentire, ma anche per scelte sbagliate ad iniziare dalla gestione del turismo.
                                Noi in Italia abbiamo un patrimonio di coste e strutture, solo che vediamo il turismo solo come le vacanze di agosto, o gli stranieri.

                                In Francia già più di 20 anni fa vedevo colonie di bambini trascorrere periodi organizzati al mare che prevedevano l'attività subacquea in centri che al pomeriggio si occupavano di loro, per noi tutto questo è ancora un miraggio.


                                Rana




                                Commenta

                                Riguardo all'autore

                                Comprimi

                                mad Per saperne di più su mad

                                Statistiche comunità

                                Comprimi

                                Attualmente sono connessi 23 utenti. 1 utenti e 22 ospiti.

                                Il massimo degli utenti connessi: 1,553 alle 06:45 il 16-01-2023.

                                Scubaportal su Facebook

                                Comprimi

                                Sto operando...
                                X