deco accelerata

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Originariamente inviato da Giudiver
    Originariamente inviato da citocromo
    Originariamente inviato da "paolinus
    3)finestra ossigeno, ammanco di c02 nel sistema venoso che viene compensato cedendo azoto....
    qui mi sa che intendiamo 2 cose diverse...
    La Oxygen window è la differenza di Pp tra il sangue venoso e quello arterioso. Tanto maggiore è la PpO2 che respiro tanto minore sarà PpO2 nel sangue venoso che non riesce ad essere equilibrata dalla PpCO2. Per cercare di equilibrare le Pp tra sangue arterioso e venoso è richiamato gas inerte che viene quindi eliminato più velocemente a livello polmonare.
    NB: Per una molecola di O2 consumata produciamo circa 1 molecola di
    CO2, quindi le loro pressioni a livello plasmatico dovrebbero equilibrarsi,
    questo non avviene perché la CO2 ha una solubilità circa 21 volte maggiore
    di quella dell’O2 per cui la pressione che esercita è decisamente minore
    a parità di concentrazione molecolare
    perdonami ma questo cozza con il 90 %della fisica e della fisiologia generale che ho studiato.....

    Fisica: le pp di una gas presente in un mezzo, è proporzionale alla pp del gas nel mix di partenza

    Fisica :la solubilità del gas in un mezzo è proporzionale alla grandezza della molecola, ingombro sterico, pressione parziale della miscela di origine, mezzo in cui viene sciolto

    Fisiologia: L'o2 si lega all'emoglobina in località gruppo eme, il cui sito di legame è conformato per accogliere sia O2 che Co2.Chi lega?lega quella che ha la pressione parziale più alta, poiché le affinità per il sito di legame sono simili.

    Se vuoi continuo, ma non credo sia utile al momento.

    Quindi o ti spieghi un po' meglio o io non ci capisco una fava.......porta molta pazienza....a me serve deco for dummies!!!!!!!!
    "Dio li fa, Chuck Norris li accoppa, MacGyver li aggiusta" [cit.]

    Commenta


    • #17
      Originariamente inviato da citocromo
      .....

      Se vuoi continuo, ma non credo sia utile al momento.

      Quindi o ti spieghi un po' meglio o io non ci capisco una fava.......porta molta pazienza....a me serve deco for dummies!!!!!!!!
      Ciao.

      Giudiver ti ha dato una definizione che possiamo definire scientifica - perfetta.

      Tradotta in "soldoni".
      L'ossigeno è un gas metabolico e cosi anche la CO2 - mentre tutti gli inerti non sono gas metabolici.

      Cosa vuol dire gas metabolico ?
      Vuol dire che un determinato gas (O2) serve per far avvenire i processi (biochimici) che permettono la produzione di energia (necessaria a mantenerci vivi) ma non solo, è metabolico anche il gas di scarico (CO2).

      In poche parole, le nostre cellule prendono l'O2 lo ossidano in un processo biochimico con il carbonio contenuto nei cibi e nel far questo generano energia e uno scarto che è la CO2 (diossido di carbonio).

      Se hai compreso fino a questo punto possiamo anche dire (tanto per capirci) che l'O2 entra nel nostro corpo ed esce come CO2 dopo essere stato trasformato dal lavoro metabolico.

      Possiamo dire che la mandata arteriosa nel grande circolo è ricca di O2 mentre il ritorno venoso contiene l'ossigeno "bruciato" CO2.

      Sia l'andata che il ritorno devono avere la stessa tensione data dai gas disciolti ma cosi non è.

      Non è in quanto la CO2 è circa 21 volte (come ha detto Giudiver) più solubile per cui non riesce a creare la tensione iniziale (andata arteriosa) data dall'O2 meno solubile.

      Si crea un ammanco - dato proprio dal fatto che l'O2 viene trasformato in CO2 dal lavoro metabolico - tra l'andata arteriosa e il ritorno venoso, ammanco che viene colmato richiamando l'unico altro gas a disposizione - l'inerte che cosi viene estratto con maggior velocità.


      Cordialmente
      Rana

      Commenta


      • #18
        Le approfondite spiegazioni le hai "giustamente" durante un corso....
        Personalmente disapprovo il dare spiegazioni approfondite a chi cerca scorciatoie... Perché? Perché, anche dalla tua ultima risposta dimostri di aver compreso solo la scelta del 50 a 21mt spiegata da Rana ma, non il concetto che sta alla base che di fatto ti impedisce di andare oltre al 50, come tu stesso scrivi ( tra l'altro, leggendo attentamente la spiegazione è facilmente risolvibile)! Questo è MOLTO pericoloso!!!!
        http://www.youtube.com/user/ugosgrevi?feature=mhee#p/u
        Sul mare non è come a scuola, non ci stanno professori. Ci sta il mare e ci stai tu. E il mare non insegna, il mare fa, con la maniera sua.
        Erri De Luca, I pesci non chiudono gli occhi

        cit. giordydiver: "un subacqueo GUE ben addestrato(il 99% dei casi)"
        cit. giordydiver: "gli utenti sono nella mia testa e sanno meglio di me quello che volevo dire !!"

        Commenta


        • #19
          Originariamente inviato da lo scrondo
          Le approfondite spiegazioni le hai "giustamente" durante un corso....
          Personalmente disapprovo il dare spiegazioni approfondite a chi cerca scorciatoie... Perché? Perché, anche dalla tua ultima risposta dimostri di aver compreso solo la scelta del 50 a 21mt spiegata da Rana ma, non il concetto che sta alla base che di fatto ti impedisce di andare oltre al 50, come tu stesso scrivi ( tra l'altro, leggendo attentamente la spiegazione è facilmente risolvibile)! Questo è MOLTO pericoloso!!!!
          scrondo , te lo dico spassionatamente e nel modo migliore di cui sono capace ora, : lascia stare, per favore, non intervenire con considerazione su scorciatoie e libertà di chiedere e spiegare, perché stai sbagliando parrocchia.Dimostri di giudicare senza aver letto un cazzo di quello che ho scritto prima.
          Non sono , in questo momento in grado di mediare, e scherzare.

          Quindi prima di innescare l'ennesima polemica inutile, di cui non ho voglia di leggere una sola parola di più , ma invece avendo trovato qualche buon anima che mi spiega ciò che chiedo, che sòBENE NON ESSEER SOSTITUTIVO DI UN CAZZO DI CORSO DI MERDA, ma di cui ho bisogno ora per i motivi suddetti, ti ripeto: lasci stare. e lasciami avere per una volta risposte no polemiche chiare ed esaustive.
          "Dio li fa, Chuck Norris li accoppa, MacGyver li aggiusta" [cit.]

          Commenta


          • #20
            In una situazione normale il gruppo eme dell'emoglobina lega ossigeno fino a saturazione di tutti i legami. NB: l'ossigeno nel sangue non "viaggia" solo trasportato dall'emoglobina ma anche disciolto. Il nostro metabolismo, come detto da Rana, usa ossigeno per ossidare i carboidrati e ottenere energia con produzione di CO2 come scarto. (Il contrario della fotosintesi dove parti da CO2 e ottieni O2 e glucosio, giusto per intenderci). La CO2 è uno scarto ed è trasportata nel circolo venoso dove essendo più solubile dell'ossigeno crea questa differenza di pressione col circolo arterioso. Il gradiente di pressione richiama inerme.
            "Do you come from a land Down Under?
            Where women glow and men plunder?" Men at work

            Commenta


            • #21
              Originariamente inviato da Giudiver
              In una situazione normale il gruppo eme dell'emoglobina lega ossigeno fino a saturazione di tutti i legami. NB: l'ossigeno nel sangue non "viaggia" solo trasportato dall'emoglobina ma anche disciolto. Il nostro metabolismo, come detto da Rana, usa ossigeno per ossidare i carboidrati e ottenere energia con produzione di CO2 come scarto. (Il contrario della fotosintesi dove parti da CO2 e ottieni O2 e glucosio, giusto per intenderci). La CO2 è uno scarto ed è trasportata nel circolo venoso dove essendo più solubile dell'ossigeno crea questa differenza di pressione col circolo arterioso. Il gradiente di pressione richiama inerme.
              scusami ma non è proprio così....l'o2 respirato al livello alveolare lega l'eme in funzione di una pp più alta dell'O2 stesso, e rimane disciolto in bassa quantità nel flusso sanguigno. La Co2 libera nel flusso è (andando a memoria )molto ma molto bassa, e al contrario al livello cellulare dove avviene al produzione di energia per ossidazione, la Co2, viene prodotta e immessa nell'extracell, dove in funzione di una maggiore pp, lega lei l'eme.Di co2 libera nel flusso non mi sembra ce ne sia in quantià alte, per cui come dicevo rpima , la concentrazione è molto molto bassa.E qui che la faccenda comincia a cozzare con i miei studi........cazzarola....

              Su cosa chiama inerte e che dà l'accelerazione alla deco, finalmente è chiaro, anche se rimangono un po' di ombre....
              "Dio li fa, Chuck Norris li accoppa, MacGyver li aggiusta" [cit.]

              Commenta


              • #22
                scusami ma non è proprio così....l'o2 respirato al livello alveolare lega l'eme in funzione di una pp più alta dell'O2 stesso, e rimane disciolto in bassa quantità nel flusso sanguigno. La Co2 libera nel flusso è (andando a memoria )molto ma molto bassa, e al contrario al livello cellulare dove avviene al produzione di energia per ossidazione, la Co2, viene prodotta e immessa nell'extracell, dove in funzione di una maggiore pp, lega lei l'eme.Di co2 libera nel flusso non mi sembra ce ne sia in quantià alte, per cui come dicevo rpima , la concentrazione è molto molto bassa.E qui che la faccenda comincia a cozzare con i miei studi........cazzarola....

                La gran parte della CO2 (70-73%) è trasformata in ioni bicarbonato e H+. Una parte si lega all'emoglobina (21-23%) (ma non al ferro del gruppo eme, cioè non nello stesso sito dove si lega l'O2) e il resto (5-7%) si scioglie nel plasma.

                Per l'ossigeno circa l'1,5% è disciolto nel plasma ed il 98,5% si lega all'eme.

                Se aumenti la PpO2 che respiri aumenti la quantità di ossigeno disciolto perché i gruppi eme sono limitati e prima o poi si saturano. Aumentando l'ossigeno disciolto aumenti il gradiente di pressione (che sarebbe tensione gassosa per dirla meglio ma va bene anche così) tra circolo venoso e arterioso e quindi il richiamo di inerte.
                Consumi ossigeno col metabolismo e produci CO2 che è più solubile dell'ossigeno. Quindi mentre la PpO2 andrà diminuendo da quella che presenta negli alveoli, passando per il circolo arterioso arrivando a quello venoso, quella della PpCO2 rimane pressoché invariata (aumenta di poco) e non riesce a compensare la caduta di pressione data dalla diminuzione di ossigeno presente nel circolo venoso.
                "Do you come from a land Down Under?
                Where women glow and men plunder?" Men at work

                Commenta


                • #23
                  Originariamente inviato da citocromo
                  scusami ma non è proprio così....l'o2 respirato al livello alveolare lega l'eme in funzione di una pp più alta dell'O2 stesso, e rimane disciolto in bassa quantità nel flusso sanguigno. La Co2 libera nel flusso è (andando a memoria )molto ma molto bassa, e al contrario al livello cellulare dove avviene al produzione di energia per ossidazione, la Co2, viene prodotta e immessa nell'extracell, dove in funzione di una maggiore pp, lega lei l'eme.Di co2 libera nel flusso non mi sembra ce ne sia in quantià alte, per cui come dicevo rpima , la concentrazione è molto molto bassa.E qui che la faccenda comincia a cozzare con i miei studi........cazzarola....
                  La gran parte della CO2 (70-73%) è trasformata in ioni bicarbonato e H+. Una parte si lega all'emoglobina (21-23%) (ma non al ferro del gruppo eme, cioè non nello stesso sito dove si lega l'O2) e il resto (5-7%) si scioglie nel plasma.

                  Per l'ossigeno circa l'1,5% è disciolto nel plasma ed il 98,5% si lega all'eme.

                  Se aumenti la PpO2 che respiri aumenti la quantità di ossigeno disciolto perché i gruppi eme sono limitati e prima o poi si saturano. Aumentando l'ossigeno disciolto aumenti il gradiente di pressione (che sarebbe tensione gassosa per dirla meglio ma va bene anche così) tra circolo venoso e arterioso e quindi il richiamo di inerte.
                  Consumi ossigeno col metabolismo e produci CO2 che è più solubile dell'ossigeno. Quindi mentre la PpO2 andrà diminuendo da quella che presenta negli alveoli, passando per il circolo arterioso arrivando a quello venoso, quella della PpCO2 rimane pressoché invariata (aumenta di poco) e non riesce a compensare la caduta di pressione data dalla diminuzione di ossigeno presente nel circolo venoso.
                  "Do you come from a land Down Under?
                  Where women glow and men plunder?" Men at work

                  Commenta

                  Riguardo all'autore

                  Comprimi

                  citocromo Per saperne di più su citocromo

                  Statistiche comunità

                  Comprimi

                  Attualmente sono connessi 25 utenti. 2 utenti e 23 ospiti.

                  Il massimo degli utenti connessi: 1,037 alle 05:32 il 14-01-2020.

                  Scubaportal su Facebook

                  Comprimi

                  Sto operando...
                  X