Film Senza Limiti

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Film Senza Limiti

    CIao!
    Se non l'avete ancora visto, consiglio il film in oggetto.
    Se l'avete visto, cosa ne pensate?

    Personalmente mi è piaciuto molto, complice l'attrice protagonista Camille Rowe

    ciao
    Senza Limiti è su Netflix. Il film sull’apnea con la partecipazione di Beuchat La protagonista Roxana, coinvolta un po’ per caso in un corso apnea nel sud della Francia, entra in contatto con un campione mondiale di apnea, il
    http://www.daturi.com

  • #2
    Ho finalmente visto questo film.
    Un film di cui anche amici me ne hanno parlato, devo dire creando in me curiosità.

    Non ci giro intorno, a me non è piaciuto per niente, anzi, lo trovo brutto ed anche offensivo.
    Ovviamente esprimo solo il mio personale punto di vista senza la pretesa di avere l'ultima parola.

    A tanti è piaciuto, alcuni hanno detto che era anche una potenziale lettura della storia della campionessa Audrey Mestre, per cui non pretendo che questo mio giudizio sia lapidario ma anzi se per altri è un bel film va bene, lo accetto, per me NO!! (scritto in maiuscolo non per urlare ma per ribadire che per me è pessimo nel significato peggiore).

    Pessima la storia,
    Pessima l'interpretazione.
    Pessime le scelte tecniche.
    Pessimo tutto.

    Cosa salverei: le scene del mare ed alcune discese sul cavo, come quella che chiude il film, sono sufficienti per dare un valore al film ?
    Per me no, assolutamente no.

    La cosa che mi fa scrivere perfino offensivo è l'aver palesemente "giocato" in maniera sporca (direi don la volpe sotto l'ascella) nell'ammantare il film come una sorta di ricostruzione del rapporto personale e della vicenda umana e tragica di Audrey Mestre con "Pipin Ferreras", sapendo che in questo modo avrebbeco catalizzato un interesse che altrimenti non avrebbero mai avuto.

    Io non so quanti di voi hanno letto il libro "Nel blu profondo una storia di amore e ossessione" di Ferreras Pipin, sicuramente questo libro è un punto di vista Pipin (ovviamente dato che è scritto da lui) ma alcune cose emergono.
    Audrey Mestre era una donna con un fortissimo carattere, intelligente.
    Sulla sua morte di sono fatte tante ipotesi alcune terribili che sia stato lo stesso Pipin a sabotare la bombola, nel libro si legge "non si saprà mai chi ha controllato la bombola".
    Io ritengo che questo è un caso in cui la fatalità ha giocato il suo ruolo e che la verità rimarrà nell'animo delle persone coinvolte.
    Non mi ergo a giudice, mi limito ad osservare una tragedia in cui ha perso la vita una campionessa che rimarrà nella storia dell'apnea.

    Veniamo al film, sappiate che da qui in poi farò lo "SPOILER" del film, per cui chi non lo ha visto e vuole vederlo senza che nessuno gli abbia descritto le scene si fermi nella lettura .......................

    5
    4
    3
    2
    1

    Come si usa fare nelle recensioni serie (la mia non rientra in queste) "SPOILER"

    Il film apre con una scritta sibillina, del tipo, "storia ispirata a fatti accaduti realmente" ... questa scritta polarizza l'attenzione: una versione dei fatti sulla tragedia di Audrey Mestre ....
    Vi dico già la fine è una paraculata - il film finisce con la scritta: "ogni riferimento a persone o cose è puramente casuale e non voluto"

    Tra le due, la scritta finale è vera secondo me il film non mostra neanche, in modo corretto, il mondo dell'apnea, figuriamoci la tragedia Audrey Mestre.
    La scritta iniziale - carta bianca a mostrare una serie di "cliché" per altro tutti scontati, rivisti tante volte e senza neanche buon gusto.

    Andiamo avanti

    La protagonista ad inizio film mostra i polsi tagliati, ergo ha tentato il suicidio.
    E questo cosa centra ?
    Niente, ma il personaggio che il film vuole mostrare deve essere fragile emotivamente, debole caratterialmente, poco intelligente e (sperando di non essere bannato) anche un po "zoccola".
    Elementi che vengono messi in evidenza anche dal rapporto con la madre che piangendo non fa altro che dire che è fragile.
    In compenso è una bella donna che ricorda molto la fisicità di Audrey Mestre ed anche il personaggio si chiama Audrey (questo lo trovo offensivo).

    Ma andiamo avanti.

    Il contatto con l'apnea è su una barca dove lei partecipa ad un corso di apnea (di una sola uscita, ma sorvoliamo) in cui un bell'istruttore esordisce dicendo che l'apnea è vincere la proprie paure, non si accenna alla respirazione, ma solo alla calma interiore necessaria a vincere la paura - trai i due ci sono sguardi d'intesa ....
    I miei attributi si stavano già trasformando un due stelle di neutrini dal peso infinito che si andavano appoggiando al pavimento ..
    Poi arriva lui, il campione, con la moto d'acqua in un ingresso a modi: "Massimo decimo" nel film il "Gladiatore" che dice la frase: la distanza tra me e voi è la paura.

    Ovviamente chi se la "fa" - il bravo ragazzo o il maledetto campione ?

    Cambio di scena lei invitata dal bravo ragazzo a bere con il gruppo, lei va in bagno il campione la raggiunge e senza dire nulla la gira e la possiede ... poi escono entrambi come se nulla fosse successo.
    Che dire lei una zoccola, lui uno stronzo .... c'è nulla di più scontato ?

    Ma guardiamo la scena dal punto di vista dell'apnea.

    Il campione si cimenta nel no limits a - 175 metri quindi uno s'immagina un campione attento al fisico, invece lo troviamo a capo tavola, con in mano un bel bicchiere di whisky, d'altronde è l'alfa del gruppo e deve essere "macio", quindi vuoi che non beva whisky e ovviamente, vuoi che non fumi
    Da qui seguono scene con lui in poltrona con sempre un whisky, ed un portacenere pieno di mozziconi ...
    Mi viene da dire "bacco, tabacco e venere, riducono l'uomo in cenere"

    Il film è ambientato nel 2015 - 2017 (la tragedia di Audrey Mestre nel 2002 - paraculata penso per non essere denunciati).
    L'assistenza:
    E' il bravo ragazzo istruttore che ricopre anche ruolo del sub in trimix che fa assistenza alla quota più profonda oltre -170 metri.
    Sorvoliamo sul fatto che va in circuito aperto nel 2015, sorvoliamo sul fatto che usa un bibo che se va bene è un 12+12 e due bombole di fase, uno può dire ma le avrà appese sul cavo le altre - solo che sul cavo deve scorrere la slitta ma questo è il meno ..... quello che non riesco a capire è l'uso di un grande e bel "granfacciale" ????
    Spiegatemi a cosa serve il "granfacciale" peraltro senza comunicatore, a -170 dovendo fare i cambi miscela in circuito aperto.

    Nella fantascienza si deve attuare quello che viene chiamato "sospensione dell'incredulità" ossia immedesimarsi senza valutare se la cosa sia fattibile o meno.
    Io capisco che bisogna anche in questo caso non fare i sofistici ma in un film che si vorrebbe far passare per potenzialmente credibile ......

    Alla fine ho capito cosa serviva il gran facciale, nella scena finale serve a mostrare la disperazione sua nel cercare di salvarla gonfiando il pallone con l'erogatore d'emergenza.

    Ma andiamo avanti con la storia umana, lei incapace di parlare subisce lui, lui che non sai cosa vuole ... e nel frattempo continua a dire: "ho bisogno di stare solo" ed esce di casa a sollazzarsi con altre donne, in fondo lo capisco con tutto l'alcol in corpo e la nicotina deve continuare a diciamo fare esercizio orale.

    Lei sa che lo tradisce ma non lo lascia (abbiamo capito che la povera celebrolesa è la vittima che sceglie il carnefice) poi lo segue e lo vede con un altra ... cosi va dal bravo ragazzo a dargliela dicendo ho sbagliato la scelta ..
    Battuta che mi arriva come un pugno allo stomaco: anch'io ho sbagliato la scelta del film

    Poi va a casa a prendere le sue cose - a lasciarlo.
    Qui si apre un intenso dibattito fatto di patos, pentimento e rabbia degno delle migliori tragedie ...
    Noo, scherzo si dipana una scena penosa dove lui gli dice (lui) ti scuso se sei andata con un altro (lui che l'ha cornificata a sangue a lei) in fondo anch'io sono andato con altre ma non contano nulla.

    Avevo le dita in gola cercando di vomitare a queste parole.

    Lei che, finalmente, i due neuroni dopo un viaggiare nel vuoto intergalattico del suo cervello riescono ad avere un contatto
    "No!!!! per me la nostra è una storia importante e fa la valigia"

    Lui a questo punto, scena madre, intensa .. guardandosi allo specchio lo rompe con un pugno ferendosi la mano.
    Lei che lo soccorre e .... nel vuoto siderale della sua mente fragile ....
    Non so come dirvelo non sto inventando nulla, e poi se non mi credete vedete il film.
    Lei.......
    GLI CHIEDE SCUSA !!!!!!!!!!!!!!

    Sapete cosa mi ha impedito di spegnere ed andarmente, l'idea che da li a poco ci avrebbe lasciato la pelle e volevo a questo punto vedere come finiva la "preda".

    Arriviamo al giorno pirma del fatidico record di lei che l'avrebbe sancita a campionessa mondiale anche sul genere maschile.
    C'è una conferenza dove lei e lui il campione egocentrico partecipano come una coppia affiatata, se non fosse che lui fa l'occhiolino alla topona bionda, con curve da favola che si siede davanti ....
    Lei a questo punto ferita nell'animo se ne va e piange e si dispera,

    E sti cazzi !!!!!! mi viene da dire a me.

    Pensare lei che si accinge da li a poche ora a fare questa impresa -180 metri assetto no limits ecc, ecc.
    Che piange disperata ......

    Arriva il momento, il bravo ragazzo controlla la bombola del pallone di risalita, nel frattempo arriva lui ...
    Poi stacco camera ed il bravo ragazzo vede lui l'egocentrico armeggiare sulla bombola ..... si capisce che l'ha manomessa anche perché nel frattempo legge un messaggio del bravo ragazzo che dopo averla vista per la prima volta nel film (intendo una parte di lei che in genere non si da facilmente) pensa (è un bambino crede nell'amore) che lei lo ami e gli scrive ...
    Ovviamente legge il messaggio lui ...

    Lei va giù, il pallone non si gonfia e muore.

    Ora mi fermo, ci sono mille passaggi assurdi senza senso che evito per buon gusto.
    Il bravo ragazzo che è a casa con la sigaretta in bocca mentre smonta la frusta da un secondo stadio operazione che fa anche con difficoltà perché allentare un bullone è difficile, ci vuole tecnica, ma magari il fumo gli è andato negli occhi.

    Il film finisce che il bravo ragazzo in aeroporto vede l'egocentrico con paglietta in bocca che lo guarda quasi ghignando...


    Lo schermo diventa nero e compare la foto di Audrey Mestre con la scritta il film è dedicato a lei e segue: "ogni riferimento a persone o cose è puramente casuale e non voluto".
    Provocandomi veramente un senso di disgusto.

    Cordialmente
    Rana
    Ultima modifica di RANA; 03-10-2022, 12:35.

    Commenta


    • #3
      RANA
      sentitamente ringrazio
      Paolo
      Paolo

      Commenta


      • #4
        RANA stupenda recensione, hai ragione su tutto. Però ho guardato il film con leggerezza e l'ho trovato piacevole. Anche a mia moglie e mio figlio è piaciuto.
        Certo, la tua analisi cambia prospettiva...

        Ciao
        http://www.daturi.com

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da mad Visualizza il messaggio
          RANA stupenda recensione, hai ragione su tutto. Però ho guardato il film con leggerezza e l'ho trovato piacevole. Anche a mia moglie e mio figlio è piaciuto.
          Certo, la tua analisi cambia prospettiva...

          Ciao
          Ciao.
          Mi devo scusare perché raramente sono così cattivo.

          Tu hai saputo trovare la chiave giusta di lettura.

          Se il film fosse fine a se stesso senza andare a toccare anche marginalmente la tragedia di Audrey Mestre l'avrei considerato come te.
          Un filmetto un po barocco sul mondo dell'apnea no limits che si lascia guardare senza pretese.

          Io sono sbottato nel momento in cui prima di vederlo ho assistito a dibattiti innescati da questa pellicola su un qualcosa che trovo corretto trattare con rispetto.
          Guardo il film con un aspettativa molto alta su una faccenda triste da appassionato e ... mi trovo questo disastro...
          Queato mi ha reso caustico.

          Mi scuso dei modi, delle parole se sono un po sopra le righe.
          Ti ringrazio per il tuo commento che riporta tutto nella giusta prospettiva.

          Cordialmente
          Rana

          Commenta


          • #6
            Ciao, non è necessario scusarsi, la tua analisi è giusta e i toni non sono fuori luogo.
            Io non conoscendo la storia vera l'ho vissuto meglio, altrimenti, immagino che mi sarei espresso diversamente.

            Un abbraccio
            Marco
            http://www.daturi.com

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da RANA Visualizza il messaggio

              Mi devo scusare perché raramente sono così cattivo.
              Non ho visto il film (ancora), ma ho sentito/letto recensioni molto simili alla tua al riguardo di questo film.
              YouTube

              Commenta


              • #8


                Originariamente inviato da RANA
                Mi devo scusare perché raramente sono così cattivo.

                Anche la storia dell'asino e della tigre non era male ....
                Con simpatia
                Paolo
                Paolo

                Commenta


                • #9
                  Non l'ho ancora visto, lo vedró prossimamente, ma (parere mio) un titolo piú stupido non potevano darglielo.
                  CACCIATORI DI RETI FANTASMA

                  Commenta


                  • #10
                    Non avevo ancora letto il post di Rana: adesso mi faccio l'idea che il titolo pretenzioso sia la cosa piú intelligente del film (perché almeno attira l'attenzione). Peró questo fumettone me lo vedró lo stesso :-D
                    ​​​​​
                    Ultima modifica di Livio Cortese; 05-10-2022, 14:49.
                    CACCIATORI DI RETI FANTASMA

                    Commenta


                    • #11
                      non ho visto il film ancora, ma ricordo che c'era un bellissimo Sfide di rai3 che parlava di Pelizzari\Pipin con una bella parte su Audrey Mestre peccato non sia riuscito a trovarlo su rayplay

                      Commenta

                      Riguardo all'autore

                      Comprimi

                      mad Per saperne di più su mad

                      Statistiche comunità

                      Comprimi

                      Attualmente sono connessi 31 utenti. 0 utenti e 31 ospiti.

                      Il massimo degli utenti connessi: 1,037 alle 06:32 il 14-01-2020.

                      Scubaportal su Facebook

                      Comprimi

                      Sto operando...
                      X