Attrezzatura per novizio

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • cesare
    ha risposto
    acolta reato...certamente guido ti propone attrezzatura salvaguardando qualità e tasca...

    Lascia un commento:


  • reato
    ha risposto
    Chiama Guido, spiegagli la tua situazione e compra quello che ti dice lui.

    Lascia un commento:


  • DrowningDiver
    ha risposto
    Ti dico anche io la mia.

    Ho il GAV DIR 30 e non me ne pento. Se il tuo budget te lo permette, tienilo in buona considerazione.
    Anche il consiglio di tenere in considerazione erogatori revisionati mi sembra buono, magari rivolgiti ad un rivenditore del quale hai sentito parlare bene.
    Per il computer: come ti hanno gia' detto, entro i 300 euro si assomigliano abbastanza, magari assicurati che abbia il supporto al Nitrox. Meglio ancora se ha la possibilita' di avere 2 differenti miscele.
    Detto questo, almeno quando si parla di computer di fascia economica, ho avuto l'impressione che quelli basati sui modelli a bolle (tipicamente una qualche variante del RGBM), tendono ad essere molto conservativi, soprattutto nei tuffi ripetuti.

    Ciao,
    . DD .

    Lascia un commento:


  • blu dive
    ha risposto
    Originariamente inviato da AngeloFarina Visualizza il messaggio
    Pensa che quando feci il corso nel 1975 (Fipsas, ovviamente) era inclusa una parte molto impegnativa sulla manutenzione attrezzature: si smontavano e rimontavano completamente gli erogatori, dopo aver cambiato O-ring e pastiglie di tenuta, e poi ovviamente si verificava la taratura sia del primo che del secondo stadio. Ma soprattutto il mazzo ce lo facevano con l'ARO. Dopo ogni utilizzo andava completamente smontato e lavato, eliminando la calce sodata esaurita. E prima di usarlo lo si doveva rimontare e caricare la calce sodata, battendola per bene per costiparla. E li' era importante non sbagliare, perché un ARO assemblato male ti uccide in pochi minuti...
    Succede anche oggi coi reb moderni: pazienza e manutenzione, manutenzione e pazienza.
    Ho imparato anche io che sono un cinghiale iperbarico....

    Lascia un commento:


  • AngeloFarina
    ha risposto
    Pensa che quando feci il corso nel 1975 (Fipsas, ovviamente) era inclusa una parte molto impegnativa sulla manutenzione attrezzature: si smontavano e rimontavano completamente gli erogatori, dopo aver cambiato O-ring e pastiglie di tenuta, e poi ovviamente si verificava la taratura sia del primo che del secondo stadio. Ma soprattutto il mazzo ce lo facevano con l'ARO. Dopo ogni utilizzo andava completamente smontato e lavato, eliminando la calce sodata esaurita. E prima di usarlo lo si doveva rimontare e caricare la calce sodata, battendola per bene per costiparla. E li' era importante non sbagliare, perché un ARO assemblato male ti uccide in pochi minuti...

    Lascia un commento:


  • LeosubV60
    ha risposto
    Originariamente inviato da Tonnetto Visualizza il messaggio
    LeosubV60 Sul fatto che un novizio non dovrebbe da subito l'attrezzatura come gav ed erogatori sin da subito, ma limitarsi a muta, maschera, mi trovi d'accordo, ma quest
    Detto questo, toglimi una curiosità in cosa consiste un



    Sapevo dei corsi di assetto, utili si, ma sino ad un certo punto...sicuramente non "foundamental"...battutaccia .... ma è la prima volta che sento parlare di un corso di equipment....
    L'ho fatto un paio di anni fa di inverno, (quello SSI). la fame di subacquea era tanta e non avevo ancora la stagna

    Il corso faceva andare nel dettaglio dei vari tipi di attrezzature (non conoscevo DIR, Hogarthian prima), oltre ai vari accessori e ai consigli utili per usarli al meglio. In pratica una raccolta di buoni consigli.

    Oltre alla teoria l'istruttore faceva fare alcune operazioni manuali, che sono quelle che erano oggettivamente più interessanti, come riparare una muta con il neoprene liquido, oppure ricucire un pezzo di muta con ago e filo.

    Riguardo ai primi stadi feci lo smontaggio e il rimontaggio completo di un primo stadio. (per i commenti successivi, non taratura!) Certo, non mi ritengo abile a revisionarlo per conto mio, ma rispetto a prima conosco meglio di che si tratta, e conoscere i miei strumenti per me è sempre stato fondamentale per godermi tutto al meglio.

    Lascia un commento:


  • ASP977
    ha risposto
    Se invece ti insegnano a smontare, pulire, e tarare, un primo stadio a membrana mi rimangio tutto.

    Non lo fanno...


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

    Lascia un commento:


  • Tonnetto
    ha risposto
    Originariamente inviato da Tonnetto Visualizza il messaggio
    LeosubV60 Sul fatto che un novizio non dovrebbe da subito l'attrezzatura come gav ed erogatori sin da subito, ma limitarsi a muta, maschera, mi trovi d'accordo, ma questo può andar bene se non ti fanno pagare il noleggio.

    Ad esempio, nel mio club il noleggio dell'attrazzatura per i corsisti non ha costi aggiuntivi, ed infatti tipicamente non compriamo erogatori e gav non prima del corso ADV, o di Profonda...

    Ma se invece per ogni tuffo ti aggiungono 20€ di noleggio allora due conti conviene farseli...

    Sul discorso doppio primo stadio, è sufficiente che tenga a mente di questa possibilità quando compra il primo primo stadio. Se va su scubatec ad esempio è sufficiente prendere un'altro primo stadio uguale, e prendere due secondi identici ad esempio l'FX1.

    Detto questo, toglimi una curiosità in cosa consiste un



    Sapevo dei corsi di assetto, utili si, ma sino ad un certo punto...sicuramente non "foundamental"...battutaccia .... ma è la prima volta che sento parlare di un corso di equipment....
    Aggiornamento: Per curiosità sono andato a cercare quale didattica lo offre... non avevo dubbi:

    PADI: https://www.padi.com/it/corsi/equipment-specialist

    Descrizione


    Non rischiare di perdere un’immersione per un piccolo problema con la tua attrezzatura. Che sia un o-ring mancante, uno strappo sulla muta o un cinghiolo della pinna rotto, il corso PADI Equipment Specialist ti insegna a gestire piccole riparazioni e regolazioni. Inoltre, prendendo confidenza con la tua attrezzatura, imparerai come funziona e sarai in grado di sfruttare a lungo ciò che hai acquistato.

    Se hai almeno 10 anni e sei almeno un PADI (Junior) Open Water Diver, ti puoi iscrivere al corso Equipment Specialist.
    SSI: http://www.incantoblu.com/35/corsi-s...ist-padi-parma

    Il programma del corso di specialita’ EQUIPMENT TECHNIQUES (MANUTENZIONE ATTREZZATURA) vi insegnera’ come scegliere l’attrezzatura piu’ adatta alle vostre necessita’.

    Imparerete, inoltre, come regolare, sistemare, effettuare la manutenzione e/o piccole riparazioni direttamente nel luogo d’immersione.

    Se desiderate maggiori informazioni sul corso di EQUIPMENT TECHNIQUES (MANUTENZIONE ATTREZZATURA) potete acquistare il manuale o il DVD anche senza essere iscritti al corso.

    Contenuti del CORSO DI SPECIALITA’ EQUIPMENT TECHNIQUES (MANUTENZIONE ATTREZZATURA):
    • Informazioni di base sull’attrezzatura da immersione
    • La vostra attrezzatura da immersione
    • Addestramento di specialita’ ed ettrezzature accessorie
    • Viaggiare con la vostra attrezzatura da immersione

    Lo scopo principale di qualsiasi Corso di Specialita’ SSI e quello di farvi acquisire abilita’ considerate importanti in un contesto di divertimento. Tutti i corsi vengono insegnati utilizzando il metodo dell’auto-studio, brevi lezioni teoriche e insegnamento pratico in acqua.




    Visto che non credo ti insegnino a fare la revisione di un primo stadio, ci tengo a precisare che l'assemblaggio di un octopus, cambiare qualche O-R, o capire le differenze tra un Primo/Secondo stadio bilanciato o non-bilanciato, dovrebbe già far parte del programma di un Corso Open (in Fipsas lo è)...non sò in Padi/SSI...che dire: che ladri questi americani...

    Se invece ti insegnano a smontare, pulire, e tarare, un primo stadio a membrana mi rimangio tutto. ​...

    Anche se poi...almeno da come mi spiegavano, dare una "pulitina" al filtro sinterizzato dovrebbe essere abbastanza semplice...ma non l'ho mai fatto...per ora
    Ultima modifica di Tonnetto; 04-09-2020, 19:54.

    Lascia un commento:


  • ASP977
    ha risposto
    [QUOTE=Tonnetto;n1424981]LeosubV60 Sul fatto che un novizio non dovrebbe da subito l'attrezzatura come gav ed erogatori sin da subito, ma limitarsi a muta, maschera, mi trovi d'accordo, ma questo può andar bene se non ti fanno pagare il noleggio.

    Ad esempio, nel mio club il noleggio dell'attrazzatura per i corsisti non ha costi aggiuntivi, ed infatti tipicamente non compriamo erogatori e gav non prima del corso ADV, o di Profonda...

    Ma se invece per ogni tuffo ti aggiungono 20€ di noleggio allora due conti conviene farseli...


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

    Lascia un commento:


  • Tonnetto
    ha risposto
    LeosubV60 Sul fatto che un novizio non dovrebbe da subito l'attrezzatura come gav ed erogatori sin da subito, ma limitarsi a muta, maschera, mi trovi d'accordo, ma questo può andar bene se non ti fanno pagare il noleggio.

    Ad esempio, nel mio club il noleggio dell'attrazzatura per i corsisti non ha costi aggiuntivi, ed infatti tipicamente non compriamo erogatori e gav non prima del corso ADV, o di Profonda...

    Ma se invece per ogni tuffo ti aggiungono 20€ di noleggio allora due conti conviene farseli...

    Sul discorso doppio primo stadio, è sufficiente che tenga a mente di questa possibilità quando compra il primo primo stadio. Se va su scubatec ad esempio è sufficiente prendere un'altro primo stadio uguale, e prendere due secondi identici ad esempio l'FX1.

    Detto questo, toglimi una curiosità in cosa consiste un

    corso di equipment
    Sapevo dei corsi di assetto, utili si, ma sino ad un certo punto...sicuramente non "foundamental"...battutaccia .... ma è la prima volta che sento parlare di un corso di equipment....
    Ultima modifica di Tonnetto; 04-09-2020, 16:58.

    Lascia un commento:


  • ASP977
    ha risposto
    Originariamente inviato da LeosubV60 Visualizza il messaggio
    ti darò un consiglio controcorrente... la muta l'hai già presa, allora prendi il computer che ti sarà fedele amico per un bel pò. possibilmente che abbia la funzione nitrox in modo da non limitarti già nell'advanced. il resto noleggialo! oppure prendilo usato e fallo revisionare!

    come vedrai in giro ci sono tanti tipi di configurazione possibili.. chissà quale sarà quella che vi tornerà meglio?
    magari provando diversi gav a nolo, potresti provare diversi tipi di configurazione e prendere un'attrezzatura di quel tipo. Se vuoi prendere un octopus e poi volessi andare un bel giorno su un relitto a 40 metri.. non sarebbe meglio avere direttamente anzi due primi stadi? etc etc

    ad esempio il mese scorso stavo pensando di passare all'Hogarthiana e ho visto che i miei primi stadi non sono adatti alla configurazione, dovrò rimandare al momendo della giusta pecunia. di sicuro non è una cosa a cui si pensa mentre uno è fresco di open.

    è una riflessione prematura, sicuramente ora è presto per pensarci ma volevo lanciarti l'idea. meglio investire in attrezzatura ora che non hai le conoscenze, oppure meglio investirci dopo averne conosciute? (e magari dopo aver fatto un corso di equipment?)

    a me ad esempio piacque tantissimo la configurazione DIR usata a Giannutri a noleggio, e mi trovai meglio con una semistagna anzichè con una umida, e quando fu il momento comprai la semistagna anzichè la umida.

    buone bolle!
    È una cosa che ho valutato, ma da quel poco che ho visto nessuno noleggia attrezzatura che non sia basic o vecchio, quindi di provare cose nuove non è che possa più di tanto. Al momento guardo tanto la roba degli altri. la cosa che mi scoccia è pagare 8/10 euro a pezzo per ogni immersione; in due sono quasi 50 euro in più ad ogni uscita.
    Mi sto informando più che posso perché advanced a parte che ho già programmato la nostra intenzione è immergerci sempre di più, magari anche in inverno. Ah, il nitrox ce L ho già(il corso intendo)


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

    Lascia un commento:


  • LeosubV60
    ha risposto
    ti darò un consiglio controcorrente... la muta l'hai già presa, allora prendi il computer che ti sarà fedele amico per un bel pò. possibilmente che abbia la funzione nitrox in modo da non limitarti già nell'advanced. il resto noleggialo! oppure prendilo usato e fallo revisionare!

    come vedrai in giro ci sono tanti tipi di configurazione possibili.. chissà quale sarà quella che vi tornerà meglio?
    magari provando diversi gav a nolo, potresti provare diversi tipi di configurazione e prendere un'attrezzatura di quel tipo. Se vuoi prendere un octopus e poi volessi andare un bel giorno su un relitto a 40 metri.. non sarebbe meglio avere direttamente anzi due primi stadi? etc etc

    ad esempio il mese scorso stavo pensando di passare all'Hogarthiana e ho visto che i miei primi stadi non sono adatti alla configurazione, dovrò rimandare al momendo della giusta pecunia. di sicuro non è una cosa a cui si pensa mentre uno è fresco di open.

    è una riflessione prematura, sicuramente ora è presto per pensarci ma volevo lanciarti l'idea. meglio investire in attrezzatura ora che non hai le conoscenze, oppure meglio investirci dopo averne conosciute? (e magari dopo aver fatto un corso di equipment?)

    a me ad esempio piacque tantissimo la configurazione DIR usata a Giannutri a noleggio, e mi trovai meglio con una semistagna anzichè con una umida, e quando fu il momento comprai la semistagna anzichè la umida.

    buone bolle!

    Lascia un commento:


  • Maggio
    ha risposto
    Dico la mia:

    Bags-sport Dir 30
    Scubatec (a piacere)
    Scubapro Aladin Sport Matrix (NON l'One)

    Ciao

    Lascia un commento:


  • ASP977
    ha risposto
    Originariamente inviato da Tonnetto Visualizza il messaggio
    Ciao e benvenuto,



    Gli Bags-sport sono ottimi prodotti ed il flytech è un ottimo gav. Il fatto che sia un gav ad assetto posteriore non ti darà alcun problema, vedrai

    Detto questo, visto che un gav è un prodotto che ti porterai avanti per un bel po', non scarterei l'idea del Dir30.

    Certo, un sistema a cinghiaggio fisso inizialmente ti "farà strano", ed i primi tuffi ti sentirai un poco impacciato a gestirlo, ma poi impari.


    Inoltre, visto che dovrai fare il corso advanced, potrai cogliere l'occasione per addestrarti direttamente con quello.




    Uno set qualsiasi, son tutti buoni
    Se vuoi risparmiare qualcosa mantenendo ottima la qualità vai su scubatec. Ci sono diverse discussione al riguardo nel forum e tutti ti diranno di sentire Guido di Scubalandia.



    Quello che più ti piace tanto nella fascia di prezzo sino a 300€ son tutti uguali estetica a parte.

    Sicuramente cerca almeno la funzione nitrox.

    Se poi sei già convinto di voler continuare, valuta la possibilità di avere anche il cambio gas. La sfrutterai magari in seguito.

    Valuta anche qualche usato con consegna a mano con possibilità di provarlo. Magari ti fai un immersione, ti accerti che funziona e poi lo prendi.

    Tonnetto
    apeks-set-at-20-din-us4-at-20-octopus-manometro

    Come erogatori mi hanno proposto questi, ad un prezzo leggermente inferiore..
    In attesa di avere risposta da Scubalandia..


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

    Lascia un commento:


  • gardalovers
    ha risposto
    Grazie per la risposta...

    Lascia un commento:

Riguardo all'autore

Comprimi

ASP977 Per saperne di più su ASP977

Statistiche comunità

Comprimi

Attualmente sono connessi 73 utenti. 4 utenti e 69 ospiti.

Il massimo degli utenti connessi: 1,037 alle 06:32 il 14-01-2020.

Scubaportal su Facebook

Comprimi

Sto operando...
X