Haven coperta di prua

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #31
    Originariamente inviato da coffy84 Visualizza il messaggio
    Si si, ho letto tutto ciò che ho trovato in internet in merito all'immersione "ricreativa"... Anche il tuo blog
    Ciao coffy84
    Sul blog ci sono diversi video/racconti di immersioni sull'haven dalla coperta all'elica, mentre all'interno non ho mai fatto giri di penetrazione ecc.ecc

    Negli anni ne abbiamo fatte ,anche se non sono un patito, nel senso ci vado 2/3 anno, poi faccio anche altro
    Ultima modifica di paolinus; 20-06-2018, 17:24.
    http://profondeemozioni.blogspot.com...V5SQJ1vZvQ6WZR
    http://profondeemozioni.blogspot.com/

    Commenta


    • #32
      L'elica in aria dev'essere una esperienza quasi mistica...

      Programmare con ean30 secondo me potrebbe essere un buon compromesso...per non fare tanta deco....Però se non fai tanta deco magari non hai molta esperienza e se non hai molta esperienza crearsi un potenziale altro problema non è il massimo....Però alla fine se superi il ponte della coperta senza programmazione per errore di quota o confusione o x motivi.....devi solo decidere come ti vuoi scottare che sia ppO2 o ppn2, di certo con l'aria hai più margine e riesci a sfrangarla....certo con ean30 a 50 mt sei già oltre al limite

      Commenta


      • #33
        Le eliche se non ricordo male sono a 80 metri in aria è già un bel lavoro 😂

        Commenta


        • #34
          Originariamente inviato da Mercurio90 Visualizza il messaggio
          L'elica in aria dev'essere una esperienza quasi mistica...
          Ciao Mercurio.

          L'elica dell'Haven la intravedi a qualche metro oltre i -70, ma, per vederla in un immersione che sia fruibile, sicura nei limiti di un immersione a circa - 75 metri, il trimix, per me, è obbligo - siamo ampiamente fuori da quello che è l'operatività dell'aria profonda.

          La pressione parziale di O2 sale a 1,78, considerando che l'ossigeno è un gas molto più narcotico dell'azoto ......... i soliti discorsi.

          Considerando che ti trovi sotto la murata (la pancia della chiglia che rientra) , quindi al buio, in ambiente che spesso non limpido .......

          Il misticismo lo cercherei in altri modi.
          Ci sono persone che sono scese sull'elica in aria, nulla da eccepire, dico che è comunque un grosso azzardo, fermo restando che erano delle toccate e fuga.

          Originariamente inviato da Mercurio90 Visualizza il messaggio
          Programmare con ean30 secondo me potrebbe essere un buon compromesso...per non fare tanta deco....Però se non fai tanta deco magari non hai molta esperienza e se non hai molta esperienza crearsi un potenziale altro problema non è il massimo....Però alla fine se superi il ponte della coperta senza programmazione per errore di quota o confusione o x motivi.....
          Personalmente non vedo nessun vantaggio in questa scelta.
          Il livello narcotico della miscela Ean30 è il medesimo dell'aria se rispetti la Pp di O2 a 1,5 Bar quindi al massimo -40 metri.
          A -40 metri l'immersione dal punto di vista decompressivo equivale a un immersione in aria a un immersione a -34 metri capirai che vantaggio ........ senza contare gli svantaggi dato che l'Haven inizia a -30 metri e la coperta è a -50 metri.

          Originariamente inviato da Mercurio90 Visualizza il messaggio
          devi solo decidere come ti vuoi scottare che sia ppO2 o ppn2, di certo con l'aria hai più margine e riesci a sfrangarla....certo con ean30 a 50 mt sei già oltre al limite
          L'aria con la doverosa esperienza e formazione ecc, ecc, è secondo me sicuramente la scelta migliore rispetto elle miscele nitrox iperossici.
          Per immersioni entro i limiti di tempo e di quota che un uso prudente dell'aria prevede in profondità.

          Se parliamo di scendere oltre le murate, il trimix diventa necessità, se si vuole sviluppare l'immersione in quei settori del relitto.

          Cordialmente
          Rana




          Commenta


          • #35
            Originariamente inviato da coffy84 Visualizza il messaggio
            Le eliche se non ricordo male sono a 80 metri in aria è già un bel lavoro 😂
            ​Non proprio a -80 metri - prima - ma per correttezza ammetto di non esserci mai stato per cui potrei aver capito male.

            ​Considera che i petali dell'elica sono diversi metri per cui dipende cosa intendi, se vai a toccare il bulbo centrale probabilmente sei prossimo a -80 metri.

            Cordialmente
            Rana

            Commenta


            • #36
              Nella vita si può fare tutto, Basta fare le cose a modo.
              La ricreativa è fattibile e anche se accumuli un pò di deco di certo non si muore. Poi ognuno è libero di fare cosa vuole anche di prendere 680 brevetti... tanto se deve succedere l'imprevisto avoglia ad avere i brevetti...

              Commenta


              • #37
                Originariamente inviato da Vannyeis Visualizza il messaggio
                Nella vita si può fare tutto, Basta fare le cose a modo.
                La ricreativa è fattibile e anche se accumuli un pò di deco di certo non si muore. Poi ognuno è libero di fare cosa vuole anche di prendere 680 brevetti... tanto se deve succedere l'imprevisto avoglia ad avere i brevetti...
                ​Ciao Vannyeis,
                con tutto il rispetto non condivido.

                E' vero che nella vita si può far tutto: anche giocarsi la pelle alla "roulette russa" sperando che il tamburo della pistola non si posizioni sull'unica cartuccia presente - ma da qui a dire che questo comportamento è accettabile ce ne vuole.

                Sott'acqua si può far tutto se ci sono due requisiti di base.
                Il primo che la persona sia veramente consapevole di rischiare la pelle, io questa reale consapevolezza l'ho vista solo in poche persone.
                Il secondo requisito è immergersi in solitaria, se io rischio e lo faccio consapevolmente non ho il diritto di far rischiare gli altri, magari inconsapevoli e/o fidandosi di me.

                Comunque sia sono scelte molto "borderline".

                Escludendo queste scelte che, ammetterai, sono proprie di chi "sfida" il rischio, non è vero che si può fare tutto.

                Io amo dire che con dovuti modi, al giorno d'oggi, ci sono le tecniche per affrontare quasi tutto con relativa sicurezza.
                Un concetto un po' differente.
                Fermo restando che l'immersione profonda è di per se un'attività che presenta maggiori rischi.

                La ricreativa sull'Haven, se per ricreativa intendiamo immersioni in curva di sicurezza, è una cavolata.
                L'immersione sull'Haven è un immersione fuori curva di sicurezza, per persone con una certa esperienza che non si fanno problemi a gestire una decompressione.

                Non condivido il fatalismo di dire che se le cose devono succedere succedono punto e basta.
                Sott'acqua l'incidente è quasi sempre (per non dire sempre salvo eccezioni che confermano la regola) una sequenza di errori compiuti dal subacqueo.

                Se le cose si fanno bene, con consapevolezza, con le necessarie conoscenze, con le necessarie attrezzature e l'esperienza che necessita, gli incidenti non succedono, sicuramente non accadono quelli gravi.

                Non servono 680 brevetti, serve ricevere una corretta formazione in base a quello che si decide di fare, serve attuare quanto imparato, con le corrette attrezzature.

                La buona formazione è il primo dovere di ogni subacqueo, come tale va richiesta, pretesa.
                Purtroppo pochi investono sulla formazione.

                Paradossalmente 680 brevetti svolti con professionalità, che affrontano esperienze differenti, contesti differenti, tecniche differenti - che non siano solo un 680 acquisti di plastica riciclabile - ma al contrario pacchetti di vere esperienze codificate, se ci fermiamo un attimo a pensare sono un patrimonio di conoscenze.

                Il problema sta nella qualità reale di 680 brevetti che spesso non trasmettono di fatto nulla in termini di vera esperienza.

                La buona formazione è fondamentale, ci rende consapevoli e permette di superare i limiti nel modo migliore possibile allo stato attuale dell'atre.

                Poi uno può anche decidere di rischiare ma questo è un altro discorso.

                Cordialmente
                Rana


                Commenta


                • #38
                  pur sfuggendomi il significato dell'uso delle parole rispetto e umiltà in un immersione sull'haven (una schifosissima petroliera senza storia,arte e parte) apprezzo l'immersione per la grandezza del relitto e devo dire per la quantità di vita che oggi popola quel brutto pezzo di ferro. da quando è passata dallo stato di relitto navigante a relitto affondato e oggetto di visite subacquee l'immersione ricreativa è stata sempre praticata. personalmente non ne vedo controindicazioni se portiamo l'immersione ricreativa sull'haven a un brevetto tre stelle ben preparato. i brevetti a 40 metri in curva non possono esistere per mero buonsenso. concordo con rana sulle caratteristiche che deve avere un sub nell'affrontare immersioni di quella tipologia….ou, ma c'è il corallo nero e voi guardate tubi e lamiere divelte
                  ......lasciami l'orgoglio di essere solo un uomo...

                  Commenta


                  • #39
                    RANA intendo mistico nel senso che la potrei parificare alla visione della madonna (non sono tanto credente quindi potrebbe essere un'allicinazione)....di certo fare i 70 80 aria non sarà cosa per me....quote che per tanti anni in tanti hanno fatto anche per lavoro....ma ritorniamo ai soliti discorsi....il trimix per certe quote diventa fondamentale. Sia per la sicurezza sia per goderti davvero il tuffo.

                    cesare penso che si parli di rispetto non per la storia del ferro....ma per la difficoltà del tuffo per noi subacquei ricreativi o presunti tali

                    Commenta


                    • #40
                      son termini del passato che spero non debba più tornare
                      ......lasciami l'orgoglio di essere solo un uomo...

                      Commenta


                      • #41
                        Originariamente inviato da RANA Visualizza il messaggio

                        ​Non proprio a -80 metri - prima - ma per correttezza ammetto di non esserci mai stato per cui potrei aver capito male.

                        ​Considera che i petali dell'elica sono diversi metri per cui dipende cosa intendi, se vai a toccare il bulbo centrale probabilmente sei prossimo a -80 metri.

                        Cordialmente
                        Rana
                        Lessi da qualche parte che la quota si aggirava su quella cifra metro più metro meno, nemmeno io ci sono mai stato volevo solo esprimere sinteticamente il concetto che tu stesso hai espresso per andarci la scelta migliore è il trimix. Per quanto concerne del perché ho parlato di ricreativa è per via del fatto che la mia didattica come ultimo brevetto “sportivo” non tecnico chiamatelo come vi pare da il limite di 42 metri, aggiunge in coppia e in curva ma è chiaro che in un sito del genere uscire dalla curva è praticamente matematico. Del resto capita abitualmente anche sulla bettolina che sta a 27 metri...

                        Commenta


                        • #42
                          Secondo me, semplicemente, non si sta parlando di tuffi ricreativi, prendere deco non è previsto da nessun brevetto ricreativo di nessuna didattica, non so quale guida scenderebbe in acqua sapendo di portare un cliente a far cose per cui non è brevettato, con tutte le conseguenze giuridiche del caso, io non lo farei.

                          Il fatto che "lo facciano" mi fa solo dubitare dell'affidabilità di chi dovrebbe essere un professionista.

                          Andarci in nitrox per guadagnare qualche minuto, per me, con 80 metri di batimetrica sotto il sedere, in mare aperto, risalendo su una cima, magari sfruttando ogni secondo della curva di "sicurezza" che non è una regola matematica mi sembra solo pericoloso...Scusate ma con tutti i tuffi che ci sono da fare in Liguria aspettare di avere l'esperienza e le abilitazioni necessarie per farla in sicurezza no???

                          E con questo ho detto la mia 😂😂😂

                          Commenta


                          • #43
                            Resta il fatto che io la ricreativa se riesco la faccio sull'haven, poi la sotto gestisco tutto ciò che arriverà sul momento come ho sempre fatto in passato, la deco non è niente di cosi difficile o impossibile, se capita e si ha l'esperienza la si fa senza problemi.
                            Ovviamente non costringo nessuno a venire con me, ed ognuno è responsabile delle proprie azioni, io la penso cosi e fino ad ora non ho avuto nessun problema sott'acqua pur avendo fatto spesso deco.

                            Commenta


                            • #44
                              L'elica-timone si trovano a -78 mt per la precisione. Con il buon Molly scendemmo lì, poi squarcio di babordo, coperta di babordo fino a prua, attraversamento della coperta di prua e rientro sul lato di tribordo. 15+15 a 12/65, 35/30, 50/20, O2. E scooter ovviamente.
                              P.s. per Paulinus : se tu passi a.bocca di lupo una slash nella maniglia anteriore dello scooter e poi ti clippi al D-ring posteriore del bubby; ti sei creato una meravigliosa jon-line di traino.
                              Io questo sistema lo uso anche sull' ancora o cima di risalita, come nel caso dell' Haven per l'appunto.
                              Provare per credere.

                              Commenta


                              • #45
                                Bravo! E mi raccomando portati in primis l' i dive che è perfetto anche a -48 metri!...lui...😂😂😂

                                Commenta

                                Riguardo all'autore

                                Comprimi

                                paolinus Per saperne di più su paolinus

                                Statistiche comunità

                                Comprimi

                                Attualmente sono connessi 34 utenti. 5 utenti e 29 ospiti.

                                Il massimo degli utenti connessi: 1,037 alle 05:32 il 14-01-2020.

                                Scubaportal su Facebook

                                Comprimi

                                Sto operando...
                                X