Covid-19 e subacquea: le misure del governo

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • cidiemme
    ha risposto
    Originariamente inviato da reato Visualizza il messaggio
    Caro Claudio,
    anche io mi attengo alla scienza, ma qui gli scienziati devono ancora scienziarsi.
    Purtroppo le statistiche non valgono nulla, perché non prendono in esame un campione della popolazione, ma solo quelli che hanno bisogno di cure (non so adesso, ma fino a un po' di tempo fa era così). Quindi le percentuali degli ospedalizzati e dei morti salgono esponenzialmente...
    Ciao Reato
    Stiamo dicendo la stessa cosa. Gli scienziati stanno ancora cercando di capire, ma come sappiamo la fisiologia umana non è bella semplice come la legge di Dalton.
    Infatti le percentuali da me citate si riferiscono all'indagine sierologica. Possono avere un margine d'errore anche sostanzioso, ma è plausibile che in Lombardia si sia infettato un numero di persone di cinque volte maggiore i 'tamponi' riportati.

    Infatti non c'è nessun complotto: semplicemente il sistema che abbiamo consente l'accentramento della ricchezza e l'abbassamento del costo della manodopera. Ma questa è una discussione a parte.

    La crisi ospedaliera si è verificata ovunque ci sia una grande densità abitativa - e anche aria irrespirabile - e dove si è ritardato il lock-down - New York, San Paolo del Brasile, Parigi e Madrid, oppure si è stati presi alla sprovvista - Wuhan, Lombardia.
    E ha scoperchiato le tombe: i tagli alla sanità.
    La Germania, per dire, aveva 27.000 posti in terapia intensiva all'inizio della crisi.

    Originariamente inviato da reato Visualizza il messaggio
    Per quanto riguarda il mio livello di paranoia costruttiva, è basato sulla statistica, anche in acqua. Per cui se in un determinato posto so che ci posso arrivare con due bombole, considerando che ne posso anche perdere una, non me ne porto una terza "perché non si sa mai".


    p.s. io sto dalla parte di Gaia, contro noi umani, ma credo che si debba impegnare di più, la prossima volta...
    quella di Diamond - e la mia - si riferisce all'approccio con qualcosa che non si conosce, tipo 'sto virus

    Gaia ci ha mandato un avvertimento... capiremo? Non oso pensare alla prossima mossa.


    Ultima modifica di cidiemme; 22-06-2020, 18:10.

    Lascia un commento:


  • reato
    ha risposto
    Originariamente inviato da cidiemme Visualizza il messaggio

    Caro Reato
    ............................


    Caro Claudio,
    anche io mi attengo alla scienza, ma qui gli scienziati devono ancora scienziarsi.
    Purtroppo le statistiche non valgono nulla, perché non prendono in esame un campione della popolazione, ma solo quelli che hanno bisogno di cure (non so adesso, ma fino a un po' di tempo fa era così). Quindi le percentuali degli ospedalizzati e dei morti salgono esponenzialmente.

    La crisi ospedaliera, correggimi se sbaglio, si è verificata in un'area concentrata e per tempi limitati. Nel resto dell'Italia i numeri mi sembrano entro le capacità gestionali.
    Posso parlare di questa parte del Messico, dove non si sono visti ospedali al collasso come nemmeno numero di morti fuori dal comune.

    Riguardo al complotto:
    non credo in nessun complotto, di Sauron e tantomeno di Soros.
    Non credo che ci sia stata una premeditazione.
    Semplicemente, come ho scritto, la ricchezza passa di mano, ma sono convinto che vada a piovere sul bagnato.

    I motivi della perdita di impiego che citi sono sacrosanti e meriterebbero una discussione a parte.

    Concordo con il primo dei problemi che citi, l'ambiente al collasso.
    Il secondo non mi convince; a discapito della convenienza economica il mondo ha rinunciato a vivere per la paura di morire.

    Per quanto riguarda il mio livello di paranoia costruttiva, è basato sulla statistica, anche in acqua. Per cui se in un determinato posto so che ci posso arrivare con due bombole, considerando che ne posso anche perdere una, non me ne porto una terza "perché non si sa mai".


    p.s. io sto dalla parte di Gaia, contro noi umani, ma credo che si debba impegnare di più, la prossima volta...

    Lascia un commento:


  • cidiemme
    ha risposto
    Originariamente inviato da reato Visualizza il messaggio
    Con tutti che hanno detto tutto e il contrario di tutto, non mi resta che credere alle esperienze dirette:
    mio cognato, primario di un ospedale di Roma, si è sottoposto ai test di routine, e gli esiti dicevano chiaramente che aveva gli anticorpi del virus non più contagioso. Vuol dire che è stato contagiato, non ha avuto il minor sintomo di alcun genere, tant'è che ha lavorato per tutto il periodo, ed è guarito, senza accorgersene e senza contagiare la moglie con cui vive. E in casa stava senza mascherina.
    Tutti pensano al corona virus, ma non pensano ai problemi correlati alle morti da corona virus. Dei contagiati, che non avevano altre gravi patologie in corso, la percentuale delle morti è del tutto trascurabile.

    Lo tsunami di morti è stato solo dovuto al fatto che i malati sono stati messi nei posti sbagliati, ovvero nei ricoveri per anziani.
    Al di fuori della Lombardia non si sono avuti fenomeni di contagio fuori controllo.

    Chi ha bloccato il mondo non è stato il coronavirus, ma qualcuno che aveva gli interessi per farlo. Non che io sia complottista, beninteso, più che altro credo nei numeri, e visto che la ricchezza non si crea e non si dissolve, ma semplicemente passa di mano, proviamo un po' a pensare agli 85000 (ottantacinquemila) posti di lavoro persi solo nella zona della Riviera Maya tra Cancun e Tulum nel settore turistico (e sono buono perché non sto considerando i posti di lavoro persi dell'indotto).
    Stanno cominciando le riassunzioni, ma a personale limitato e (ma guarda un po') a salario ridotto, ma non ho ancora sentito di nessuno che abbia risposto che a quelle condizioni non torna a lavorare.
    Quindi se c'è meno gente della classe media che lavora vuol dire che aumentano i poveri.
    E se aumentano i poveri (tanti poveri) vuol dire che aumentano anche i ricchi (pochi, pochissimi ricchi).
    Io non so (e nemmeno immagino) chi possano essere quelli che trarranno vantaggi economici da tutto questo, ma di sicuro ci saranno. Volenti o nolenti.

    Io paranoia zero. Come sott'acqua.


    Caro Reato
    per abitudine mi attengo alle pubblicazioni scientifiche (a trovarne di autorevoli) e alle statistiche.
    Se no torniamo alla vecchia storia di ppO2 1,6.

    Il 70-80% non ha sintomi o ne ha di trascurabili, quanto siano meno infettivi - certamente lo sono meno - è ancora in fase di verifica.
    Sono sicuro che le abitudini facciano una certa differenza
    - infatti mi hai citato un medico, uno che per prima cosa impara ad evitare di spargere contaminati.

    Comunque: dal 5 al 10% dei colpiti ha bisogno di ospedalizzazione.
    Anche per due mesi di fila

    Questo significa interi reparti isolati, personale carente e in superlavoro, gente che muore perché non c'è posto in ospedale
    o non vuole farsi ricovera perché a rischio
    oppure il medico di base è morto - in Italia ne sono morti un numero vergognoso.

    riguardo al complotto

    Difficile credere che qualcuno si gioverà della distruzione dell'economia globale.
    Non c'è nessun bisogno di peggiorare la situazione sociale, era già agli stracci.

    Più che del ribasso della manodopera io mi concentrerei su questi problemi, sempre glissati:

    - l'automazione
    - le intelligenze artificiali
    - big data, in cima uber, amazon Air B&B
    - la decentralizzazione

    Questi quattro hanno licenziato manodopera e fatto chiudere imprese più di quanto abbia fatto il coronavirus,
    ma filosofi e agitapopoli preferiscono parlare di qualche Oscuro Sire
    Il complotto di un Sauron fa più ascolto di una statistica, di una riflessone.

    Non gli conviene mai parlare d'ambiente (Greta Thunberg è manipolata, nella loro logica)
    e sull'ambiente c'è sempre stata un'altra emergenza:
    I tedeschi, i cinesi, i russi, gli americani, gli immigrati, l'europa e il 5G, i fascisti, i comunisti, il complotto sionista. I rettiliani. Conte ha starnutito, Salvini mangia ciliege, Trump ha detto kung-flu.
    Sarebbero queste le notizie?

    Noi abbiamo tutti due problemi, gravi:

    - una ambiente al collasso
    - una società che non è in grado di reggere impatti del genere perché basata sull'unico principio della convenienza economica.

    trovi qui un approfondimento:
    https://nonsoloshamandura.blogspot.c...prima-del.html

    In quanto alla paranoia costruttiva è un termine antropologico coniato da Jared Diamond
    - ha a che fare con l'evoluzione di noi bipedi imbecilli


    Ultima modifica di cidiemme; 21-06-2020, 22:53.

    Lascia un commento:


  • fantatrader
    ha risposto
    concordo. chi si avvantaggia c'è: le big pharma che illudono gli ignoranti sul vaccino che fanno pagare ai governi, ossi a noi, e le FAANG del Nasdaq che vendono solo online

    Lascia un commento:


  • reato
    ha risposto
    Con tutti che hanno detto tutto e il contrario di tutto, non mi resta che credere alle esperienze dirette:
    mio cognato, primario di un ospedale di Roma, si è sottoposto ai test di routine, e gli esiti dicevano chiaramente che aveva gli anticorpi del virus non più contagioso. Vuol dire che è stato contagiato, non ha avuto il minor sintomo di alcun genere, tant'è che ha lavorato per tutto il periodo, ed è guarito, senza accorgersene e senza contagiare la moglie con cui vive. E in casa stava senza mascherina.
    Tutti pensano al corona virus, ma non pensano ai problemi correlati alle morti da corona virus. Dei contagiati, che non avevano altre gravi patologie in corso, la percentuale delle morti è del tutto trascurabile.

    Lo tsunami di morti è stato solo dovuto al fatto che i malati sono stati messi nei posti sbagliati, ovvero nei ricoveri per anziani.
    Al di fuori della Lombardia non si sono avuti fenomeni di contagio fuori controllo.

    Chi ha bloccato il mondo non è stato il coronavirus, ma qualcuno che aveva gli interessi per farlo. Non che io sia complottista, beninteso, più che altro credo nei numeri, e visto che la ricchezza non si crea e non si dissolve, ma semplicemente passa di mano, proviamo un po' a pensare agli 85000 (ottantacinquemila) posti di lavoro persi solo nella zona della Riviera Maya tra Cancun e Tulum nel settore turistico (e sono buono perché non sto considerando i posti di lavoro persi dell'indotto).
    Stanno cominciando le riassunzioni, ma a personale limitato e (ma guarda un po') a salario ridotto, ma non ho ancora sentito di nessuno che abbia risposto che a quelle condizioni non torna a lavorare.
    Quindi se c'è meno gente della classe media che lavora vuol dire che aumentano i poveri.
    E se aumentano i poveri (tanti poveri) vuol dire che aumentano anche i ricchi (pochi, pochissimi ricchi).
    Io non so (e nemmeno immagino) chi possano essere quelli che trarranno vantaggi economici da tutto questo, ma di sicuro ci saranno. Volenti o nolenti.

    Io paranoia zero. Come sott'acqua.



    Lascia un commento:


  • cidiemme
    ha risposto
    Originariamente inviato da reato Visualizza il messaggio
    Beh, ma se la natura si difende con un virus, che se non sei malato di altro neanche ti accorgi di avere, non può ottenere dei grandi risultati...
    Ha mandato avanti gli asintomatici, non era un piano bau-bau micio-micio: ha bloccato il mondo.
    Quelli che credevano fosse solo un'influenza hanno avuto uno tsunami di casi e di morti.

    E sugli strascichi c'è da vedere. Io spero di no, ma i primi studi dicono che lasci segni importanti anche in chi ha avuto la forma lieve, soprattutto a livello polmonare.
    Cose per cui appendi le pinne al chiodo e in età avanzata finisci a girare con l'ossigeno sottobraccio.

    Spero che non venga confermato, e che i segni non siano permanenti, ovviamente.
    Ma intanto preferisco esercitare una sana paranoia costruttiva.
    Come sott'acqua.





    Lascia un commento:


  • reato
    ha risposto
    Originariamente inviato da cidiemme Visualizza il messaggio
    ..................
    La natura s'è stancata di vederci in giro a far danni e ci ha messi ai domiciliari.
    ......................
    Beh, ma se la natura si difende con un virus, che se non sei malato di altro neanche ti accorgi di avere, non può ottenere dei grandi risultati...

    Lascia un commento:


  • cidiemme
    ha risposto
    Originariamente inviato da reato Visualizza il messaggio
    Secondo me questa generazione, in mancanza di altre cose, si è inventata qualcosa da raccontare alle prossime.
    Così, tanto per avere qualcosa da dire di aver vissuto.
    Sì, pensavamo che 9/11 e 2008 erano la fine del mondo.
    - per qualcun altro era l'Italia esclusa dai mondiali, per dire...
    Ma non ce la siamo inventa noi.
    La natura s'è stancata di vederci in giro a far danni e ci ha messi ai domiciliari.
    E ti dirò, o è stata buona o era un test.
    La prossima avrà una incubazione di un anno.
    E sarà mortale al 100%
    Ultima modifica di cidiemme; 18-06-2020, 23:05.

    Lascia un commento:


  • reato
    ha risposto
    Secondo me questa generazione, in mancanza di altre cose, si è inventata qualcosa da raccontare alle prossime.
    Così, tanto per avere qualcosa da dire di aver vissuto.

    Lascia un commento:


  • blu dive
    ha risposto
    Originariamente inviato da fantatrader Visualizza il messaggio
    credo ci sia solo in Itlalia questa pagliacciata anti scientifica della mascherina all'apperto, tanto piu in barca e in posti dove la appoggi e ti si contamina peggio visto che poi la rimetti sul viso. Ma quando finisce sta pantomima?
    La pratica comincia a farmi pensare allo stesso modo, ma tant'è...

    Lascia un commento:


  • fantatrader
    ha risposto
    credo ci sia solo in Itlalia questa pagliacciata anti scientifica della mascherina all'apperto, tanto piu in barca e in posti dove la appoggi e ti si contamina peggio visto che poi la rimetti sul viso. Ma quando finisce sta pantomima?

    Lascia un commento:


  • algiordino
    ha risposto
    Originariamente inviato da labottatrice Visualizza il messaggio
    Quelle poche volte che sono andato in gommone, ci si portava la custodia della maschera e ci si mettevano dentro le proprie cose prima di entrare in acqua.
    Ognuno ha la propria, al max ci si scrivono sopra le iniziali, e non si hanno cose sparse in giro e a contatto con il resto delle attrezzature.
    magari può essere d'aiuto
    ieri, come da disposizioni ministeriali, ho potuto passare il confine regionale e sono andato in Toscana a fare il primo tuffo post lock-down.
    Devo dire che le cose sono andate molto bene e che se è il male di sopportare una mascherina; lo si può tranquillamente fare.
    Comunque ho quotato la bottatrice perché ho fatto esattamente così: navigazione con la mascherina, vestizione del gruppo, scatola della maschera, maschera indossata e mascherina riposta, capovolta e banzai.
    In gommone si stava da dio, dal momento che eravamo 4 clienti, e dulcis in fundo, ho beccato una visibiltà da molto buona a quasi ottima, cosa non scontata nella costa livornese.
    Il titolare del diving, peraltro mi ha detto che sta lavorando bene, perché c'è stata una "scrematura" di tutti quei clienti che fanno 2 immersioni all'anno e che hanno avuto da ridire sull' aumento di 10 euro sul prezzo dell'immersione; in pratica degli "spaccamaroni"; chi è titolare di diving, come BluDive, sa di cosa sto parlando.
    Io glieli ho dati più che volentieri, se non altro come contributo equo-solidale.
    La cosa che mi ha fatto molto piacere è che al momento della mia partenza, il titolare mi ha ringraziato per la fiducia accordatagli.
    In sostanza, si arriva e si scende dalla macchina con la mascherina, niente convenevoli "italian Style", ci si saluta alla distanza di sicurezza, si ha la propria panca per mettere la roba, si entra in bagno uno alla volta, si ha il proprio posto in gommone, si naviga con la mascherina indossata.
    Direi che come inizio non è andata per niente male.
    Ah, per chiudere in bellezza: spaghetto allo scoglio, tiramisù, caffè e rientro a casa.

    Lascia un commento:


  • blu dive
    ha risposto
    Purtroppo la teoria che ci si immagina poi cozza con la realtà.

    Non c'è, per mille motivi, un solo momento in cui ci si toglie la mascherina e la si mette via, ce ne sono 100.
    Tra uno e l'altro c'è la possibilità che ti cada, che la sposti il vento, che la si poggi nel posto sbagliato, che ti dimentichi di rimetterla, che un'onda ti bagni, che ci hai vomitato sopra...

    Insomma un po' più complicato che in palestra.
    Poi si fa, è una questione di buon senso e non comporta chi sa che sforzo fisico.
    Ma è risultata, forse, la cosa più complicata da gestire.
    Ultima modifica di blu dive; 03-06-2020, 12:50.

    Lascia un commento:


  • labottatrice
    ha risposto
    Quelle poche volte che sono andato in gommone, ci si portava la custodia della maschera e ci si mettevano dentro le proprie cose prima di entrare in acqua.
    Ognuno ha la propria, al max ci si scrivono sopra le iniziali, e non si hanno cose sparse in giro e a contatto con il resto delle attrezzature.
    magari può essere d'aiuto

    Lascia un commento:


  • paolo55
    ha risposto
    bludive
    nee palestre si mette la mascherina in un sacchetto di plastica quando ai inizia e la si riprende terminata la pratica
    se ogni sub avesse il suo contenirore ermetico almeno si eviterebbe di fare paciughi e la mascherina e' come la carta di identita' o le chiavi della macchina
    ciao
    paolo

    Lascia un commento:

Riguardo all'autore

Comprimi

nello Per saperne di più su nello

Statistiche comunità

Comprimi

Attualmente sono connessi 40 utenti. 2 utenti e 38 ospiti.

Il massimo degli utenti connessi: 1,037 alle 05:32 il 14-01-2020.

Scubaportal su Facebook

Comprimi

Sto operando...
X