Scelta fari subacquei

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Scelta fari subacquei

    carissimi,

    faccio fotosub con risultati decenti, al momento uso una Olympus TG6 con due fari da 8000 Lumen, 120° di angolo, ma con autonomia ridotta.

    Vi chiedo di non entrare nella discussione FARI o FLASH perché ho già scelto.

    Necessito di un consiglio, possibilmente motivato, su quali fari 12-15000 Lumen acquistare.
    se per caso avete Links per favore giratemeli

    Se foste a conoscenza di un USATO GARANTITO, per favore segnalatemelo.


    vi ringrazio per la cortesia


    PPK

  • #2
    Io uso supe V6 da 12 Mila ciascuno. Durata quasi 2 ore alla max potenza . Sono molto contento dell'acquisto

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da Albertosixsix Visualizza il messaggio
      Io uso supe V6 da 12 Mila ciascuno. Durata quasi 2 ore alla max potenza . Sono molto contento dell'acquisto
      ciao
      dove li hai presi ? link???
      Grazie

      Commenta


      • #4
        https://www.fotosub-shop.com/catalog...ade-video.html

        Commenta


        • #5
          Allucinanti...come prezzo,ma anche come resa!
          CACCIATORI DI RETI FANTASMA

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da Livio Cortese Visualizza il messaggio
            Allucinanti...come prezzo,ma anche come resa!
            purtroppo non ci sono piu , solo i V4.... provero a telefonargli appena rientra ...

            altri suggerimenti???

            Commenta


            • #7
              Io mi sono trovato piuttosto bene con illuminatori video della Gralmarine. Ne ho due compatti e ne ho avuto uno con testa+canister (il canister era artigianale, ma andavano d'accordissimo). https://www.gralmarine.com/video-lightsita
              ​​​​​​
              Ultima modifica di Livio Cortese; 02-04-2024, 16:04.
              CACCIATORI DI RETI FANTASMA

              Commenta


              • #8
                ciao alberto,
                ho visto questa

                X-AdventurerLampada Video X-Adventurer M15000 - 15.000 Lumen - CRI 96Cod: X-M15000

                Prezzo€ 850,00

                è vero che più il cri è prossimo al 100 più i colori sono quelli resi da una alogena?
                questa ha un cri molto alto, difficilmente, per me, trovabile con una 15.000 lumen
                grazie
                ......lasciami l'orgoglio di essere solo un uomo...

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da cesare Visualizza il messaggio
                  ciao alberto,
                  ho visto questa

                  X-AdventurerLampada Video X-Adventurer M15000 - 15.000 Lumen - CRI 96Cod: X-M15000

                  Prezzo€ 850,00

                  è vero che più il cri è prossimo al 100 più i colori sono quelli resi da una alogena?
                  questa ha un cri molto alto, difficilmente, per me, trovabile con una 15.000 lumen
                  grazie
                  Non so rispondere Cesare, io per le attrezzature video mi rivolgo al mio spacciatore che mi trova il meglio in base al budget che ho disponibile. Ma non ho idea di cose tecniche video.
                  Posso dirti che tra un un apex e un jetstream ad occhi chiusi vado sul secondo, ma se mi parli di iso, frame, diaframmi ecc. non capisco nulla

                  le mia V6 se ricordo bene sono costate di più di 850 ciascuna

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da Albertosixsix Visualizza il messaggio

                    Non so rispondere Cesare, io per le attrezzature video mi rivolgo al mio spacciatore che mi trova il meglio in base al budget che ho disponibile. Ma non ho idea di cose tecniche video.
                    Posso dirti che tra un un apex e un jetstream ad occhi chiusi vado sul secondo, ma se mi parli di iso, frame, diaframmi ecc. non capisco nulla

                    le mia V6 se ricordo bene sono costate di più di 850 ciascuna
                    puoi condividere lo “spacciatore”???

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da cesare Visualizza il messaggio
                      ciao alberto,
                      ... omissis ...

                      è vero che più il cri è prossimo al 100 più i colori sono quelli resi da una alogena?
                      questa ha un cri molto alto, difficilmente, per me, trovabile con una 15.000 lumen
                      grazie
                      Posso risponderti io in parte.
                      L'indice di resa cromatica - CRI (Color Rendering Index) è un numero tra 0 e 100.
                      Il valore 100 è convenzionalmente associato alla lucer solare.
                      In pratica più è alto migliore è la resa dei colori così come siamo abituati a percepirli alla luce del sole, appunto, ed è strettamente collegato allo spettro di emissione, quindi alla presenza di tutte le frequenze dello spettro e, possibilmente, nei loro rapporti relativi.
                      Una luce monocromatica ha un CRI bassissimo, rendendo spesso impossibile distinguere i colori tra loro - un esempio sono le lampade ai vapori di sodio che erano utilizzate nell'illuminazione stradale fino a poco tempo fa: quella luce giallastra che impediva di distinguere i colori delle auto.
                      Più lo spettro emesso è largo, migliori sono le probabilità che si possano distinguere i colori tra loro, quindi le lampade a incandescenza, ad esempio, avevano una buona resa, ma una bassa temperatura di colore - che virava verso il rosso/giallastro e consentiva di distinguere i colori.
                      La luce di una lampada alogena (a vapori metallici) ha le caratteristiche di un largo spettro di emissione, per incandescenza, appunto, e una "temperatura" di colore più vicina alla luce "naturale" quindi è quella che più si avvicina alla luce solare da cui un CRI molto alto, tipicamente 100.
                      I primi led erano tipicamente 3 giunzioni monocromatiche in modo che la luce emessa sembrasse bianca, ma era nient'altro che la sovrapposizione di 3 colori - resa terribile per ciò che illuminavano.
                      Per ovviare a questo inconveniente i led oggi hanno dei pigmenti che, eccitati dai fotoni emessi dalla giunzione sottostante, emettono uno spettro il più possibile simile alla luce solare e che hanno un CRI molto alto.
                      Oggi si arriva a 98 ed è una tecnologia sviluppata da Nichia (uno dei più importanti costruttori di led al mondo, quello che per primo ha prodotto un led blu nel 1994 che è valso il premio nobel al suo inventore nel 2014.
                      Qui: https://www.it.lumistrips.com/lumist...-explained-it/ c'è un articolo che spiega il tutto molto meglio di come abbia fatto io e mostra anche gli spettri di emissione delle varie tecnologie di "illuminatori"...

                      Poi le cose si fanno un po' più complicate, perché entrano in gioco le efficienze: "quanta energia devo iniettare nella giunzione per ottenere un certo flusso lumiinoso", il modo di alimentare le giunzioni, se la mia fonte energetica è una batteria o un alimentatore collegato alla rete e ultimo, ma non meno importante, a noi ci piace che il tutto sia stagno per portarcelo a vedere i pescetti ...

                      Scusate l'off-topic

                      ps. - per noi poveri mortali, un CRI di 93 è indistinguibile da un CRI 100 ... ci vuole un SW e dei sensori calibrati per poter vedere la differenza oppure ... una che conosco io che mi parla di pervinca, ceruleo e altre sfumature simili per me incomprensibili ...
                      Ultima modifica di Alastar; 02-04-2024, 22:51.
                      Se avessi molto più tempo potrei fare molte più cose.
                      L'ottimista pensa che viviamo nel migliore dei mondi possibili, il pessimista teme che sia vero.

                      Commenta


                      • #12
                        ciao alastar,
                        grassie per spiegazione. nel campo io sono da nobel per ignoranza (peccato non esista).
                        quindi domanda da nobel : col cri così elevato io riesco a vedere in acqua i colori resi da un'alogena o comunque, ad oggi, non è risultato per noi raggiungibile dai led commercializzati nelle torce subacquee?
                        grazie davvero
                        ......lasciami l'orgoglio di essere solo un uomo...

                        Commenta


                        • #13
                          Si, dovresti vedere gli stessi colori che avresti visto con l'alogena, addirittura più simili a quelli con il sole per via della temperatura di colore più alta.
                          Uso il condizionale perché non ho mai avuto l'occasione di vedere una buona alogena in condizioni da poterne apprezzare l'illuminazione ... quindi non ho nessun termine di paragone personale.
                          Le normali torce subacquee prediligono l'efficienza e normalmente hanno un CRI di 80 o poco più, ma l'uso per cui sono state progettate è un altro. Inutile cercare un raffronto con queste.

                          Se avessi molto più tempo potrei fare molte più cose.
                          L'ottimista pensa che viviamo nel migliore dei mondi possibili, il pessimista teme che sia vero.

                          Commenta


                          • #14
                            ti sfrutto ancora.
                            perchè un led cri 80 è più efficiente di un cri 96?

                            grassieee

                            p.s. dopo le tue spiegazioni mi fregerò avere decenni di esperienza
                            ......lasciami l'orgoglio di essere solo un uomo...

                            Commenta


                            • #15
                              Tecnicamente si dovrebbe usare il termine efficacia, ma gli anglosassoni ingenerano confusione e in italiano usiamo efficacia ed efficienza, spesso, come sinonimi.

                              Purtroppo la massima efficacia assoluta per l'emissione di energia luminosa si può ottenere con una luce monocromatica verde a 555 nm (nanometri) circa la cui resa cromatica è pessima: CRI = 0 - i colori sarebbero indistinguibili. Per la cronaca è la frequenza di massima sensibilità per l'occhio umano e il valore è convenzionalmente (Sistema Internazionale 2020) posto a 683,000 lumen per ogni watt di energia elettrica (con 3 decimali per amore di precisione e del sistema internazionale).

                              La luce bianca può essere ottenuta con la combinazione di diverse lunghezze d'onda.
                              Minore è il loro numero, maggiore sarà l'efficienza di conversione di energia elettrica in flusso luminoso (lumen), peggiore sarà il CRI.
                              Per un CRI ottimo (100) ci devono essere tutte le frequenze e il loro spettro di emissione dovrebbe essere il più vicino a (o indistinguibile da) lo spettro di emissione del corpo nero - almeno nelle frequenze in cui l'occhio umano è sensibile.
                              Attualmente (2020-2022) per applicazioni illuminotecniche con luce naturale (4000°K perché si vuole ottenere la somiglianza con la luce solare) i parametri di efficacia con i relativi CRI commercialmente disponibili sul mercato sono:
                              • 418 lm/W (CRI=70)
                              • 403 lm/W (CRI=80)
                              • 389 lm/W (CRI=90)
                              • 253 lm/W (CRI=99)
                              Supponiamo che l'efficienza del circuito di alimentazione per i 4 tipi sia la stessa e pari, addirittura, al 100% (cioè non introduca perdite di potenza) è abbastanza chiaro che a parità di flusso luminoso la batteria durerebbe un po' più della metà alimentando una lampada con CRI=99 invece della CRI=70.

                              Ah, adesso che abbiamo i numeri possiamo anche calcolare che: per tirare fuori 12000 lumen a CRI=99 servono (almeno) 12000/253=47W e se vogliamo che duri 1h la batteria dovrà erogare almeno 47W/h ... poi esiste il mondo reale dove qualche perdita c'è e l'ora diventa di 40 - 45 minuti (con il quarto d'ora accademico)

                              Una "spada laser" da 1200 lumen che costruisco con un CRI=80 "succhia" appena 3W ... e con una 18650 (3.6V) da 2500mA/h -> 9W/h devo raggiungere e superare allegramente l'ora di utilizzo (in teoria 3) altrimenti ho costruito un pessimo sistema di alimentazione ( o la batteria millanta capacità che non si sogna neppure - qui entriamo in un altro ginepraio sulle reali capacità utilizzabili dalle batterie ).

                              Attenzione: i led di 5 o 10 anni fa non erano così efficienti, in qualche caso meno della metà, quindi non inviamo maledizioni immeritate ai costruttori di gloriosi e abusati sistemi di illuminazione subacquei. Al limite prendetevela con le ipertrofiche dichiarazioni di venditori di batterie al litio



                              p.s in quanto a decenni di esperienza, cesare mi sembrava che ne avessi o vuoi che ti dica che sembri un giovanotto ?

                              Se avessi molto più tempo potrei fare molte più cose.
                              L'ottimista pensa che viviamo nel migliore dei mondi possibili, il pessimista teme che sia vero.

                              Commenta

                              Riguardo all'autore

                              Comprimi

                              PPK Per saperne di più su PPK

                              Statistiche comunità

                              Comprimi

                              Attualmente sono connessi 48 utenti. 2 utenti e 46 ospiti.

                              Il massimo degli utenti connessi: 1,553 alle 05:45 il 16-01-2023.

                              Scubaportal su Facebook

                              Comprimi

                              Sto operando...
                              X