Stagna: Neoprene VS Trilaminato?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Stagna: Neoprene VS Trilaminato?

    Ciao a tutti,

    arrivando la stagione fredda, ultimamente sto prendendo in considerazione la possibilità di acquistare una muta stagna.
    Snza fretta ovviamente, potrei addirittura comprarla l'hanno prossimo!!!
    Ad ogni modo mi piace sempre muovermi con largo anticipo in maniera da ponderare bene la mia scelta, trovare dei prodotti che mi interessano e sopratutto mirare ad un prodotto che soddisfa le mie esigenze senza prendere fregature.

    Quello che cerco è una muta da usare esclusivamente d'Inverno così da tirare avanti la stagione per tutto l'anno. Aggiungo se può essere utile che non soffro particolarmente il freddo e che inoltre facendo immersioni per diletto diciamo che la sfrutterei per fare 2, massimo 3 immersioni al mese da Dicembre a Maggio/Giugno.

    Aggiungo che mi piacerebbe nel medio periodo fine 2017/2018 intraprendere il percorso tecnico visto che nella mia zona i relitti nella fascia dei 50/60mt abbondano. Per cui pian piano, intendo una volta maturata l'esperienza e presi i brevetti necessari, vorrei iniziare questa tipologia di immersioni prevedendo la possibilità di fare runtime anche lunghetti.

    Per cui sulla base delle premesse di sopra, vi porgo un pò di quesiti per i quali, vista la mia poca esperienza, non ho ancora trovato risposte. Di seguito vi riporto un elenco
    • Sulla base delle mie necessita, meglio il Neoprene o Trilaminato o altri materiali? Quando preferire l'uno o l'altro in termini comodità e di manutenzione? Dicono che il neoprene sia più comodo, ma ci si possa vestire meno. Allo stesso tempo il Trilaminato è più resistente ma più caro. C'è qualcos'altro di cui tenere a mente?
    • Qual'è la vita media di una muta stagna? Sento spesso dire che dopo qualche anno si cambia, è così? perché?
    • Ogni quanto bisogna rifare collo e polsini? E quanto può costare?
    • Meglio una calzata con stivale incorporato oppure quelle dove mettere un rockboots sopra?
    • C'è qualche altro aspetto su cui ragionare e che non ho considerato?
    • Avete qualche modello da consigliarmi? Ad esempio con il neoprene ho visto che sui 500€ Cressi offre la Drylastic, mentre con poco di più, sui 600€ abbiamo la Scubapro Everdry, poi Seac e Mares sempre in precompresso. Per le mie esigenze possono andare bene oppure meglio spendere un pò di più ed andare sul trilaminato? Ho visto poi in rete che brand come Typhoon offrono dei trilaminati per sui 700€, che ne pensate?
    Grazie a tutti per le risposte.

    Tonnetto
    YouTube

  • #2
    hei hei hei... caaalma trooooppe domande!!!
    Dai scherzo! Capisco che non avendola tu ora dica "la userò solo d'inverno" ma ti assicuro che poi la potrai usare tutto l'anno, che motivo ci sarebbe per non usarla? Ripeto, capisco la tua posizione attuale, ma so di per certo che cambierai idea
    Poi, parli di corso tec per andare fondo, a questo punto ti sconsiglio vivamente il neoprene. Perchè? semplice, innanzitutto ha molta variabilità di volume all'aumentare della profondità (pressione) con 2 effetti, 1) cambio significativo di galleggiabilità, e quindi il tuo assetto ne risente un sacco, 2) riduzione di protezione termica. Va a finire che sul fondo hai freddo.
    Oltre a questo le classiche mute in neoprene hanno la cerniera spalla-spalla che poco si adatta ad una buona postura in acqua (orizzontale) per via della posizione che la valvola di scarico deve necessariamente avere. La cerniera spalla-spalla poi rende decisamente meno agevole la possibilità di manipolare i rubinetti delle bombole (direi che è una abilità necessaria se si approccia l'ambito tecnico).
    Chiaramente il tutto cambia se opti per mute particolari in neoprene (come la CF200) che però costano una fortuna e probabilmente non sono nemmeno così utili.
    Oltre a questo, il neoprene pesa di più e si asciuga più lentamente.

    Io opterei per una trilaminato senza dubbio. Potresti avere 1 solo sottomuta e magari differenziare un po' l'intimo tecnico tra le stagioni. avresti una muta comoda, che vesti facile, più leggera, che si asciuga prima... ovviamente le mute NON sono tutte uguali. A me piace in prima battuta DUI. Una FLX ti dura una vita e va alla grande (e volendo metti il sistema zipseals che ti permette di cambiare collo e polsi in autonomia). Mi attira anche Ursuit ma non l'ho mai provata in acqua. Santi va alla grande, ma la vestibilità è molto diversa da DUI e non mi ci trovo benissimo. Magari però prima o poi ne prenderò una.

    Collo e polsi possono costare dai 50 ai 100 euro (ciascuno, ovvero collo o coppia di polsi) ci sono poi molti sistemi per poter gestire in autonomia il cambio con costi a volte contenuti, a volte meno, ma non mi sembra una gran discriminante. Se trattati bene (talco minerale e deposito all'ombra e al fresco) durano parecchio. Il lattice soffre il degrado molto più del silicone, che però è più delicato nei confronti di tagli.

    Calzari. se "fai roccia" prima di immergerti prendi i rockboot con calzino in neoprene, ma se hai esigenze normali (spiaggia, barca o cose simili) un bel calzare leggero è perfetto. i migliori che ho provato sono i turbosoles di DUI, comodi e nessun tipo di interferenza anche con le pinneggiate più "delicate"

    Perchè si cambia la muta? il più delle volte si cambia per sfizio, lasciando sul mercato dell'usato dei prodotti ottimi a prezzi più accessibili a chi magari sta cominciando e non si è bevuto tutto il cervello tanto da spendere 2400-2500€ per una C@@@o di muta stagna

    ciaoooo!
    Carlo

    ps: adesso so già che cominceranno a criticare quanto ti ho scritto, ma questa è la mia felice esperienza, non cambierei nulla di nulla.

    Commenta


    • #3
      io le ho entrambe e ora preferisco il trilaminato con zip davanti per comodità.

      in 10 anni ho fatto 1 cambio polsini+ collo in neoprene (da lattice per comodità) per 100 euro ma è anche vero che non ho fatto tantissime immersioni con questa, penso 50-60 perchè ho usato molto di più quella in neoprene.

      La durata dipende da come, quanto la usi e dalla muta che prendi.

      Se pensi di usarla per molto tempo e di passare alla tecnica io sceglierei un buon prodotto in trilaminato. Marca e modello a tuo gusto e budget.

      Su ScubaPortal abbiamo pubblicato un po' di test e schede di varie marche, prova a guardare se hai voglia:

      http://www.scubaportal.it/?s=stagna

      ciao, Marco
      http://www.daturi.com

      Commenta


      • #4
        delellisc Innanzitutto grazie delle risposte, è vero ho fatto un sacco di domande... chiaramente non mi aspettavo risposte su tutto, ma pian piano mi spero di trovare la risposte a tutte le domande grazie a "piccoli" contributi da parte di tuttti.

        Per quanto riguarda la tua risposta, sei stato come sempre chiarissimo, e sopratutto mi hai dato diversi spunti su cui riflettere. Ad esempio, sapevo che il silicone era più resistente del lattice, ma non avevo idea che fosse più delicato.

        Poi, tra i consigli quello che mi piace di più in particolare è questo:

        Originariamente inviato da delellisc Visualizza il messaggio
        Perchè si cambia la muta? il più delle volte si cambia per sfizio, lasciando sul mercato dell'usato dei prodotti ottimi a prezzi più accessibili a chi magari sta cominciando e non si è bevuto tutto il cervello tanto da spendere 2400-2500€ per una C@@@o di muta stagna
        Ed infatti molto probabilmente punterò ad un buon usato.

        Una cosa però mi sfugge. E' noto che il neoprene tenda a comprimersi in profondità facendo variare la galleggiabilità del sub, però la mia curiosità è? Questa cosa si verifica anche con le moderne mute in neoprene precompresso?

        Qualcuno ha esperienze dirette con questi materiali pre-compressi?

        mad grazie anche per la tua opinione. Per comodità intendi vestizione/svestizione oppure comodità in acqua? Da come hai scritto poi, mi sembra di capire che sebbene le avessi emtrambe hai sfruttato di più il neoprene, posso chiedere se c'è un motivo in particolare?

        ps. Grazie per il link, domani inizio a dare uno sguardo ai vari test così da farmi un idea.

        Altra domanda: ritenete il fatto che mi immergerò sempre nel Mediterraneo, dove l'acqua manco a 4000mt va sotto ai 12°C possa essere un fattore discriminante per la mia scelta?

        Grazie in anticipo per le risposte!

        Buon weekend
        Tonnetto
        YouTube

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da Tonnetto Visualizza il messaggio
          mad grazie anche per la tua opinione. Per comodità intendi vestizione/svestizione oppure comodità in acqua? Da come hai scritto poi, mi sembra di capire che sebbene le avessi emtrambe hai sfruttato di più il neoprene, posso chiedere se c'è un motivo in particolare?
          Ciao, comodità sia in acqua sia fuori. Ho usato di più quella in neoprene perchè l'ho avuta dopo e ho fatto meno immersioni in acqua fredda (lago). Al mare quella in neoprene mi andava bene sempre. Ora invece sto tornando di più al lago e quella in neoprene non mi permette di mettere un bel sottomuta pesante.

          Ti dicevo di leggere i report non tanto per i modelli che vedrai ma per ragionare sugli aspetti che ti interessano di più. Solo per esempio le tasche: la mia in trilaminato non ce l'aveva e adesso la sto facendo aggiungere (60 euro).
          Il colletto in lattice a me ha sempre dato molto fastidio, al limite della nausea, così ora lo faccio cambiare con uno in neoprene.

          Ciao
          http://www.daturi.com

          Commenta


          • #6
            Ciao,
            ormai utilizzo la muta stagna per l'80% dei miei tuffi e la uso tutto l'anno.
            L'acqua in lago ed in Croazia è fredda tutto l'anno quindi.....
            Sono 20 anni che possiedo mute stagne e sono passato per molti modelli quindi, se posso darti un consiglio, e farti spendere bene i tuoi soldi una volta sola.....
            Trilaminato....si, preferibile al neoprene ha più vantaggi che svantaggi: non troppo leggero...delicato, tira sulle cuciture e semplicemente non dura. Non troppo pesante, però! Inutile, rigido, scomodo!
            Due buoni sotto muta, uno prettamente invernale ed uno per acque temperate.
            Collo in lattice e polsi in lattice hd (attenzione!!!! Il collo ed i polsi hanno una taglia! Inutile sperare di adattare un collo piccolo tagliandolo!)....cerniera anteriore trasversale.
            Fino a poco fa ti avrei detto BDM in bronzo....ora ti dico TZip masterseal 10 comunque valida. La sto usando, va bene, costa meno ed è molto più flessibile.
            Busto assolutamente telescopico, calzari morbidi con rockboot (o similari)...niente rinforzi rigidi alle ginocchia...fastidiosi, inutili.
            Facciamo immersioni non i frati!
            Taglia che ti stia bene addosso....senza tanta abbondanza ma neppure troppo "giusta".
            Tasche capienti possibilmente non frontali ma neppure completamente sul fianco.
            Si lo so...sto facendo la descrizione della santi e della dui tls....ma non solo!
            Aquatek CX600, Seaskin Nova, Scubapro Evertec, Otter Britannic, ecc. sono quasi fotocopiabili tanto sono simili!
            Nell'ordine....
            Aquatek ha il tessuto più bello in assoluto
            Seaskin Nova semplicemente è la più economica fatta su misure
            La Otter Britannic....indistruttibile
            La Scubapro Evertec (made in china/taiwan come le oceanic...almeno così mi han detto) la più diffusa
            Santi...ottima, davvero ottima ma ceretta
            DUI eccellente ma fuori di ogni logica tanto costa!
            ma ce ne sono tante, tante altre....Typhoon, ROHO, Waterproof, Oceanic,
            A te la palla....spendi bene una volta sola!
            Tita
            Ultima modifica di titave; 18-12-2016, 18:54.

            Commenta


            • #7
              sicuramente il precompresso soffre meno del fenomeno che ho descritto. Alcuni (come il neoprene a celle rotte di DUI) ne sono totalmente esenti.
              per quanto riguarda la temperatura, 12°C sono una temperatura di tutto rispetto, ci vuole un bel sottomuta per poterci stare un tempo congruo (diciamo 100 minuti).
              per quanto riguarda il fatto che farai immersioni sempre e solo nel mediterraneo, non credo che costituisca una discriminante verso il tipo di muta da scegliere, o al limite,potrebbe essere l'ennesimo motivo per scegliere un trilaminato.
              Se dovessi viaggiare molto in aereo oggi sceglierei una TLS, altrimenti una FLX (un po' più pesante,ma anche decisamente più resistente)... come è facile notare mi piacciono molto le DUI

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da Tonnetto Visualizza il messaggio
                Una cosa però mi sfugge. E' noto che il neoprene tenda a comprimersi in profondità facendo variare la galleggiabilità del sub, però la mia curiosità è? Questa cosa si verifica anche con le moderne mute in neoprene precompresso?

                Qualcuno ha esperienze dirette con questi materiali pre-compressi?
                Sì, rispondono bene in profondità.
                Di compressi ve ne sono molti marchi: l'Heiwa che è più rigido ma resistente (la mia ad esempio è in Heiwa), lo Yamamoto che è più elastico ed altri... però in termini di incomprimibilità su tutti troneggia il crushed neoprene della Dui (che l'ha inventato e ne detiene il brevetto, ci fa la CF200). Questo neoprene è perfettamente incomprimibile dato che ha perso proprio tutte le bolle d'aria che il neoprene ha in se, anche quando parliamo di neoprene compresso.


                Originariamente inviato da Tonnetto Visualizza il messaggio
                Altra domanda: ritenete il fatto che mi immergerò sempre nel Mediterraneo, dove l'acqua manco a 4000mt va sotto ai 12°C possa essere un fattore discriminante per la mia scelta?
                Sì, può esserlo, nel senso che per le temperature del mediterraneo, a meno che tu non sia proprio super freddoloso o faccia tempi considerevoli, il neoprene basta. Credo che dovrai valutare altre caratteristiche per la tua scelta. Le mute stagne in neoprene in genere hanno la zip posteriore e questo ha influenza su certi movimenti, le trilaminato hanno zip anteriore sicuramente più comoda. Però, sempre le neoprene, offrono meno resistenza all'acqua rimanendo più compatte.... insomma, l'ideale sarebbe che tu trovassi qualcuno che te le faccia provare così ti fai un'idea.

                Poi c'è anche qualche casa che ha escogitato una via di mezzo come la Waterproof con la sua D1 (che a me piacerebbe molto provare apprezzando io i prodotti della Waterproof) oppure la Fusion della Scubapro...
                Ultima modifica di Bubbo; 18-12-2016, 22:50.
                Quando uccidere diventa facile come respirare, è il momento di fare qualcosa per l'alito. (Rat-man)

                Commenta


                • #9
                  trilaminato per l'inverno e/o acque fredde
                  neoprene per l'estate e/o acque temperate
                  cerniera anteriore aka la muta "dei senza amici" così fai tutto da solo, anche romperla
                  cerniera posteriore, fai il corso di specialità "aprilamuta/chiudilamuta" cosi impari a fare tutto da solo, come usare un cordino con moschettone attaccato al portellone della macchina, e se non ci riesci, spera che passi un ciclista e ti fai aiutare, per tutto il resto c'è il buddy
                  collo: se hai la cervicale meglio in neoprene che, anche se si dovesse rompere, l'immersione la fai cmq, con il lattice invece torni a casa
                  polsini: lattice hd tutta la vita, ma se monti i guanti stagni chissene...
                  calzino morbido + roockboot, se li dimentichi van bene anche le adidas
                  Per fortuna in Italia c'è ancora qualcuno che punta sui giovani... LE MILF [cit.]

                  Commenta


                  • #10
                    Grazie a tutti per i vostri commenti! Mi si sta aprendo un mondo!!!


                    Originariamente inviato da labottatrice Visualizza il messaggio
                    trilaminato per l'inverno e/o acque fredde

                    neoprene per l'estate e/o acque temperate
                    Giusto per chiarezza, e perché adoro l'insiemistica, nella situazione inverno ed acque temperate, neoprene o trilaminato?

                    Originariamente inviato da labottatrice Visualizza il messaggio
                    cerniera anteriore aka la muta "dei senza amici" così fai tutto da solo, anche romperla
                    Muahhahah mi hai ucciso

                    Originariamente inviato da labottatrice Visualizza il messaggio
                    cerniera posteriore, fai il corso di specialità "aprilamuta/chiudilamuta" cosi impari a fare tutto da solo, come usare un cordino con moschettone attaccato al portellone della macchina, e se non ci riesci, spera che passi un ciclista e ti fai aiutare
                    Ora ho capito a cosa ti riferivi [Guida_alla_muta_in_neoprene_per_i_senza_amici]
                    YouTube

                    Commenta


                    • #11
                      inverno+temperate: trilaminato
                      inverno+ acque fredde: trilaminato
                      ​estate+temperate: trilaminato
                      TSA Trimix Instructor 70 m.
                      OWI SSI

                      Commenta


                      • #12
                        In neoprene solo la semistagna per sentire, in estate, l'acqua sulla pelle che male non fa, per tutto il resto trilaminato.
                        "Non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza!" [Arthur Bloch]
                        "Chi semina raccoglie, ma chi raccoglie si china...
                        ... e a quel punto è un attimo..." [ignoto]

                        Commenta


                        • #13
                          Domanda: a 50/60 metri che gas usi? Con che configurazione? Giusto x rispondere con cognizione di causa..

                          Commenta


                          • #14
                            Stando sul trilaminato... Cosa ne pensate delle divesystem e delle dteck ?

                            Commenta


                            • #15
                              Delle DiveSystem puoi tranquillamente trovare info a quintalate sul forum, delle Dteck ho provato un sottomuta e devo dire che se non ne avessi già qualcuno, lo avrei preso ad occhi chiusi. Delle stagne invece, pur non avendone una di tal marca, posso dirti che al "tocco" non sembrano cartonate come la stragrande maggioranza delle stagne in trilaminato. E last but not last conosco il titolare che ha fatto diversi lavoretti sulla mia stagna in modo egregio tanto da guadagnarsi la mia piena fiducia e poi, cosa non meno importante è un subacqueo!
                              "Non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza!" [Arthur Bloch]
                              "Chi semina raccoglie, ma chi raccoglie si china...
                              ... e a quel punto è un attimo..." [ignoto]

                              Commenta

                              Riguardo all'autore

                              Comprimi

                              Tonnetto Per saperne di più su Tonnetto

                              Statistiche comunità

                              Comprimi

                              Attualmente sono connessi 98 utenti. 1 utenti e 97 ospiti.

                              Il massimo degli utenti connessi: 1,037 alle 06:32 il 14-01-2020.

                              Scubaportal su Facebook

                              Comprimi

                              Sto operando...
                              X