Dubbi e consigli primo Gav da far durare

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Dubbi e consigli primo Gav da far durare

    Ciao a tutti,

    Inauguro il mio primo post su Poverosub con una richiesta di consigli relativamente all'acquisto di un primo Gav da far (sperabilmente) durare ed utilizzarlo in diversi contesti, tra cui immersioni in mare "classiche", immersioni al lago, e nel breve futuro immersioni con la stagna (sia lago che mare).

    Ho letto e cercato parecchio in merito, e tolti i Gav a "ciambellone" (jacket) con cui non mi sono mai trovato bene per il feeling (e sopratutto il fatto di avere poco spazio davanti e la tendenza a portami verticale via via che lo gonfio) da come ho capito la differenza tra tutti i vari modelli che ci sono oggi è quasi principalmente dovuta al marketing.
    Ad esempio, Gav con imbottitura o senza, gav colorati o tutti neri, con tasche per zavorra o con fascione centrale, etc.

    Alla fine di tutto, considerando anche che i prezzi sono pressoché uguali, la tentazione è di andare sul più classico dei classici e prendere un modulare schienalino + imbrago + sacco; che da come ho capito dovrei essere da un lato comodo su tutti i fronti e dall'altro in base alla situazione dovrei anche avere dei vantaggi (e.g.: prendendo uno schienalino in acciaio posso mettere meno pesi in cintura usando la stagna).

    È così o mi sto sbagliando e c'è qualcos'altro a cui pensare?

    Per fare nomi, un set minimo che stavo guardando è il Mares XR (su cui però trovo poche "recensioni" in giro), con schienalino e contropiastra in acciaio (per un tot di 3,5kg circa); a cui abbinare un sacco normale "tondo" da 20kg circa di spinta (su quest'ultimo punto non so su cosa basarmi per la scelta, forse basterebbero 16kg come un Gav a jacket ma non vorrei poi trovarmi problematico con la muta stagna in futuro).
    Altra nota per il sacco, ho visto che prima c'era la scelta tra con e senza elastici, mentre ora vedo che sono quasi tutti senza elastici: è anche qui solo marketing o c'è un'utilità pratica ad averli senza elastici? (immagino che il rischio principale è un eventuale incastro o rottura degli elastici sott'acqua).

    (p.s: e aggiungo domanda extra: se dovessi cercare nell'usato, c'è qualcosa a cui stare attenti? ad esempio cercare solo schienalino e lasciar stare il sacco che è quello che si "consuma" più facilmente? O è indifferente?)

    Grazie a tutti in anticipo!


  • #2
    Per l'usato cerca un benemerito che ha preso tutto nuovo spendendo un sacco di soldi per poi andare a giocare a racchettoni.
    Se si usa un solo gruppo per conto mio qualsiasi gav fa il suo servizio. Anche il piu' economico.
    Ciao
    Paolo
    Paolo

    Commenta


    • #3
      Per un mono son sufficiente 11-13lt. Per un bibo da 12lt + due s80 basta un 18lt. Di 20lt a naso te ne fai poco ..o niente ...
      YouTube

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da paolo55 Visualizza il messaggio
        Per l'usato cerca un benemerito che ha preso tutto nuovo spendendo un sacco di soldi per poi andare a giocare a racchettoni.
        Se si usa un solo gruppo per conto mio qualsiasi gav fa il suo servizio. Anche il piu' economico.
        Il problema dell'usato è che a quanto pare di Gav si trovano solo o i classici jacket, o i Gav scuola; mi sa che cercarne uno "normale" sarà un po' più lunga :/

        Originariamente inviato da Tonnetto
        Per un mono son sufficiente 11-13lt. Per un bibo da 12lt + due s80 basta un 18lt. Di 20lt a naso te ne fai poco ..o niente ...
        Mi incuriosiva il fatto che c'erano anche sacchi da 24lt e oltre, a quel punto immagino dipenda più dal proprio "fisico" o sono casi più estremi?

        Guardando in giro vedo che lo standard per il mono pare sia un 16lt; sembra anche bello compatto e con pochi "fronzoli".
        Tra i modelli ho visto anche quelli della DTD che non sembrano niente male.

        Commenta


        • #5
          Ti suggerisco di fare un giro sul sito della Bags Sport. Producono gav per varie e note aziende, ma quegli stessi (tutti belli robusti) col loro marchio costano una cifra minima se riferita a prodotti nuovi e fatti in Italia.
          Certo, lo schienalino lo compri una volta e poi semmai cambierai sacco, l'imbrago dura molto. A meno che non ti prenda la "scimmia" di provare acciaio, alluminio, fibra di carbonio...
          Quanto alla questione si/no elastici...credo sia meglio un sacco piccolo (12/13, massimo 15 lt) espanso, senza elastici, che uno grande tutto costretto tipo salsiccia.
          Questo se cerchi un gav stile "backplate&wing", ma ce ne sono di taglio classico che funzionano egregiamente.
          Ultima modifica di Livio Cortese; 05-09-2022, 12:38.
          CACCIATORI DI RETI FANTASMA

          Commenta


          • #6
            cragene
            Con il gav classico tipo jacket ci fai tutto. Non so come siano oggi i gav scuola ma sara' la stessa cosa
            Con un jacket classico mares ho abbinato per anni d10 e d12 semplicemente montando cinghie piu' lunghe
            Tieni conto che io ho avuto solo bibo e cosi' mia moglie e mio figlio a parte i primi anni
            Un buon gav puo' aiutare a sentirsi piu' comodi ma un buon assetto ti fa sentire comodo con qualsiasi gav . Almeno fino a quando non decidi di appenderti addosso altri gruppi e di addobbarti con configurazioni complesse
            Con simpatia
            Paolo
            Paolo

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da paolo55 Visualizza il messaggio
              cragene
              Con il gav classico tipo jacket ci fai tutto ...
              Quoto tutto. Oltretutto ci sono modelli con buona parte del sacco dietro. E poi le tasche servono ed anche la zavorra integrata (pochi chili) ha il suo perchè.

              www.liberisub.it

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da Livio Cortese Visualizza il messaggio
                Ti suggerisco di fare un giro sul sito della Bags Sport. Producono gav per varie e note aziende, ma quegli stessi (tutti belli robusti) col loro marchio costano una cifra minima se riferita a prodotti nuovi e fatti in Italia.
                Certo, lo schienalino lo compri una volta e poi semmai cambierai sacco, l'imbrago dura molto. A meno che non ti prenda la "scimmia" di provare acciaio, alluminio, fibra di carbonio...
                Quanto alla questione si/no elastici...credo sia meglio un sacco piccolo (12/13, massimo 15 lt) espanso, senza elastici, che uno grande tutto costretto tipo salsiccia.
                Questo se cerchi un gav stile "backplate&wing", ma ce ne sono di taglio classico che funzionano egregiamente.
                Di Bags Sport immagino il riferimento nel mio caso sarebbe il DIR30, giusto? Dove lo schienalino è uguale sia per il mono che il bibombola?
                Non riesco purtroppo a trovarlo in vendita da nessuna parte, sul loro sito c'è solo la presentazione del prodotto. Per caso vendono solo su ordinazione?

                Riguardo il provare acciaio/alluminio/carbonio o altro spero di no Nel senso, mi piacerebbe prendermi uno schienalino che possa poi usare ovunque senza dover stare a cambiare tutto; se non, appunto, il sacco nel caso volessi passare al bibo.

                Originariamente inviato da paolo55
                Con il gav classico tipo jacket ci fai tutto. Non so come siano oggi i gav scuola ma sara' la stessa cosa
                Con un jacket classico mares ho abbinato per anni d10 e d12 semplicemente montando cinghie piu' lunghe
                Tieni conto che io ho avuto solo bibo e cosi' mia moglie e mio figlio a parte i primi anni
                Un buon gav puo' aiutare a sentirsi piu' comodi ma un buon assetto ti fa sentire comodo con qualsiasi gav . Almeno fino a quando non decidi di appenderti addosso altri gruppi e di addobbarti con configurazioni complesse
                Sì questo lo immagino, ovvero che il Gav è molto più una scelta personale che altro. Quello che dicevo anche nel primo post è che il Gav a jacket non riesco a trovarlo comodo, ho sempre la sensazione di immergermi con un salvagente addosso e non ho la possibilità di usare le tasche o di avere troppe cose davanti che finisco a doverle appendere (e.g: macchina fotografica, torcia, pedagno, e via dicendo).

                Per quello sto cercando un Gav il più minimale possibile che resti attaccato alla schiena e l'unico ingombro davanti è l'imbrago per tenerlo addosso.
                Se poi ha uno schienalino rigido anziché quelli in plastica/resina dei jacket tanto meglio, così so che la forma è quella e non cambia


                Altra domanda: ho visto che su alcuni schienalini non è necessaria la contropiastra per usare il monobombola, in quanto le fascette passano direttamente nello schienalino: questo è un bene o un male? O è indifferente e il vantaggio sta nell'avere meno peso della contropiastra?

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da M. Visualizza il messaggio

                  Quoto tutto. Oltretutto ci sono modelli con buona parte del sacco dietro. E poi le tasche servono ed anche la zavorra integrata (pochi chili) ha il suo perchè.
                  Ho visto che ci sono alcuni Gav "finto-jacket" che in realtà ha un sacco tutto dietro, senza però schienalino e con imbrago minimale.
                  Non riesco però a capire l'utilità dato che il prezzo è sostanzialmente uguale ad un Gav classico schienalino+sacco, e il vantaggio della zavorra nelle tasche è lo stesso di usare uno schienalino in acciaio (che non posso sganciare, ovvio, ma è comunque una distribuzione dei pesi migliore di avere tutto in cintura).

                  Poi per il futuro non so, non mi sentirei comunque psicologicamente tranquillo ad immergermi con un bibo attaccato ad un jacket con lo schienale morbido, anche se immagino che nel pratico cambia poco o nulla una volta che si è sotto.

                  Commenta


                  • #10
                    Stai tranquillo che anche senza schienalino o con schienalino di plastica il bibo fermato con due cinghiaggi non si stacca e non si muove
                    Tutte idee catastrofiche che nella pratica vengono sconfessate dai fatti
                    Paolo
                    Paolo

                    Commenta


                    • #11
                      Sarò telegrafico, mi scuso in anticipo.

                      Lo schienalino va bene sia per il mono che per il bibo.

                      L'adattatore per il mono può essere aggiunto oppure limitarsi a due "costole" rigide ricavate sul sacco che impediscono alla bombola di "rotolare" sullo schienalino. In quest'ultimo caso le cinghie devono per forza passare attraverso lo schienalino. Esistono anche aftermarket da aggiungere tra sacco e bombola, ma non li ho mai trovati in italia.

                      I gav che definisci "finto jacket" sono dei tutto-dietro ricreativi - il bibo non è così semplice attaccarcelo, non per l'attacco in se, ma perché il sacco deve poter gonfiarsi all'esterno del bibo. Infatti con lo schienalino vedrai che i sacchi per il mono sono sensibilmente più "stretti" di quelli per il bibo, anche a parità di litraggio.

                      La zavorra sganciabile non è un opzione: cintura o tasche, comunque devi poter considerare di liberartene, almeno in parte. Se questa fosse più di 1 o 2 Kg e si trovasse tutta sul "gruppo", qualora questi perdesse la capacità di essere portato in condizione neutra avresti un grosso problema in mancanza di un dispositivo alternativo (stagna o pedagno di adeguata capacità).

                      Se intendi viaggiare, eventuali vincoli sul peso potrebbero richiedere l'uso di uno schienalino in alluminio (il carbonio lo escluderei, dal momento che il piccolo vantaggio in peso si traduce in un enorme svantaggio economico). In questo caso, prenderei in considerazione un "tutto dietro" ricreativo che mi consentirebbe di immergermi con un mono ovunque, senza sbattimenti, con le tasche e contenendo il peso.




                      Se avessi molto più tempo potrei fare molte più cose.
                      L'ottimista pensa che viviamo nel migliore dei mondi possibili, il pessimista teme che sia vero.

                      Commenta


                      • #12
                        cragene se gli mandi una mail, in qualche giorno ti danno tutte le informazioni che cerchi.
                        CACCIATORI DI RETI FANTASMA

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da cragene Visualizza il messaggio
                          Mi incuriosiva il fatto che c'erano anche sacchi da 24lt e oltre, a quel punto immagino dipenda più dal proprio "fisico" o sono casi più estremi?
                          Il litraggio non è funzione del fisico del subbo ma del peso delle bombole. Un 24lt lo usi su un 18+18 o 20+20, per quel che devi farci tu ti farebbe da vela e basta....

                          Originariamente inviato da cragene Visualizza il messaggio
                          Guardando in giro vedo che lo standard per il mono pare sia un 16lt; sembra anche bello compatto e con pochi "fronzoli".
                          Tra i modelli ho visto anche quelli della DTD che non sembrano niente male.
                          16 lt è la dimensione standard di un jacket tradizionale, perché un volume cosi esagerato? forse perché pensano che tu sia sovrazavorrato.

                          Come dicevo sopra per un mono sono sufficienti 11lt, anche se lo standard è 13lt.

                          Infine se il sacco da mono (il 13lt) è fatto diversamente da quello da bibo (minimo 18lt).

                          Cercati due foto e guarda dove sono messe le valvole di scarico per capirne la differenza.

                          Ciao
                          Tonnetto.

                          YouTube

                          Commenta


                          • #14
                            Se il gav serve per compensare il peso dell'aria che si consuma allora non serve un gav di grandi dimensioni
                            Infatti si puo' andare senza.
                            La principale differenza fra un gav da poco che uso con il D10 e un gav da tanto che uso con il D12 e' immediatamente percepibile quando devo verificare l'ancoraggio e sposta l'ancora (5kg + catena)
                            Con il gav da tanto basta premere pulsanti del vis e sembra di pilotare una gru per varo-alaggio
                            Cordiamente
                            Paolo
                            Paolo

                            Commenta


                            • #15
                              Qualche aggiornamento, sia in positivo che negativo:

                              Alla fine ho trovato ad un ottimo prezzo il Mares XR “completo” con schienalino in alluminio e sacco da 16lt per mono, e l’ho provato in questi giorni facendo cinque tuffi “semplici” al mare.

                              Devo dire che le impressioni sono molto positive per quanto riguarda il tipo di Gav, una volta regolato a misura l’imbrago il tutto è comodissimo, sembra di non averlo addosso e avere il davanti libero mi da molta più comodità e sicurezza.

                              La parte negativa, che non capisco se sia normale o se ho dimenticato tutto quello che avevo imparato, è che mi sento di aver perso completamente l’assetto…

                              Prima usavo un gav a jacket e muta umida da 5mm più cappuccio: dopo varie prove e dopo una quindicina di tuffi, avevo trovato la pesata perfetta (5kg su 90-95kg di subbo), e non ho *mai* avuto problemi di discesa, di pallonate, o di difficoltà a stare in trim.

                              Ora invece che ho cambiato gav, aggiunto un sovramuta da 5mm e guanti, se non ho una cima a cui dare qualche strattone ci metto moltissimo a scendere, e ho dovuto aumentare parecchio i pesi (nell’ultima immersione 9kg e la penultima 10kg per paura dopo una pallonata da 6 metri…)

                              Non riesco ancora a capire se ho dimenticato come respirare, o se cambiare attrezzatura porta effettivamente a dover fare tanti aggiustamenti in più.

                              Altra cosa, ho spesso la sensazione di non riuscire a scaricare completamente il nuovo Gav, infatti le due pallonate che ho fatto (una da 6m poco dopo aver iniziato la sosta di sicurezza e l’altra da 5m dopo aver scavallato una roccia salendo da 10m) erano entrambe a pinne verso l’alto, il che mi fa pensare che avevo aria non scaricata nel sacco.
                              Non so se le due pallonate sono state scatenate da un respiro troppo ampio o dal Gav pieno unito alle bombole più vuote a fine immersione, ma la cosa che mentalmente mi ha dato solo frustrazione è il fatto che non mi era mai successo, neanche ai primi tuffi del corso Open…

                              Sbaglio qualcosa di grosso con l’attrezzatura? O dopo questi mesi di stop mi sono dimenticato come gestire la respirazione correttamente?

                              Se non ci fosse il problema del costo sarei già passato al Reb, le bolle ed il respiro che fa variare l’assetto sono le due cose che odio di più dell’OC

                              Commenta

                              Riguardo all'autore

                              Comprimi

                              cragene Per saperne di più su cragene

                              Statistiche comunità

                              Comprimi

                              Attualmente sono connessi 31 utenti. 6 utenti e 25 ospiti.

                              Il massimo degli utenti connessi: 1,037 alle 06:32 il 14-01-2020.

                              Scubaportal su Facebook

                              Comprimi

                              Sto operando...
                              X