Blocco 1 stadio Apeks xtx200

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #46
    Originariamente inviato da darkfire Visualizza il messaggio

    Io avevo capito che le letture erano di 4 bar (però, effettivamente, scrive di differenze di 4 bar). Però mi fa strano che il log riporti un delta e non la pressione assoluta. Se è un delta, effettivamente potrebbe trattarsi di narcosi o forse più facilmente di accumulo di co2. Se 4 bar è la lettura del computer e contemporaneamente faceva fatica a respirare è un problema di alimentazione (rubinetto della bombola, facilmente)
    Ho scritto male. Mi scuso.
    Allego i grafici in modo da capirne di più con voi.

    Commenta


    • #47

      Ritorno sul passo dove dico : "dopo una riflessione sono convinto di una narcosi"

      Dunque, più penso a quel momento, più mi rendo conto che c'è stato un problema anche soggettivo (?)
      Ho avuto una sensazione come quella di una persona " che si sveglia alla notte per tossire e accende la luce" . Spero di rendere l'idea .
      ... in quella fase sento l'erogatore durissimo. Passo al secondo( Mk17evo -s600) e sento che va alla grande.
      In quel istante non ho provato l'apeks(azz) ma faccio cenno al compagno che non funziona e di controllare il rubinetto omologo.
      Parlando con il mio buddy, lui conferma di aver girato la manopola del rubinetto ma di NON averla chiusa.
      Quì il domandone!

      1)Io ero in narcosi pesta (?)( tipo gente che pallona senza motivo),
      rilevo questa sensazione e prendo coscienza, passo al secondo gruppo e faccio cenno al mio buddy che CHIUDE e riapre la bombola ? (calo pressorio)

      2)Oppure c'è stato qualche blocco oggettivo vero(?) e io , DOPO, ho fatto un cenno al compagno del problema che verifica l'apertura della bombola(?)

      Questo è avvenuto anche a 40 metri , ma li ho appurato che è stato chiuso il rubinetto.

      Allora , non avendo un ricordo lucido e avendo quella sensazione che vi ho descritto, non so dare un giudizio certo e sicuro .

      da allora , revisionato l'Apeks, sta andando al top come mk17/s600 . Senza problemi!

      Spero di avere reso l'idea sui dubbi che ho.

      Grazie a tutti per i vari consigli/spunti.
      Sono contentissimo della possibilità di confronto che mette a disposizione questo sito.
      A presto


      Commenta


      • #48
        logit72
        Se sto respirando da un erogatore e questo mi sembra di legno, lo cambio e quello nuovo va alla grande io concludo che il primo erogatore era di legno.
        Se poi questo sia avvenuto a causa dell' erogatore oppure come effetto della scarsa apertura della rubinetteria al momento poco importa e l' erogatore rimane di legno.
        Se a quella profondita' tu sei stato sensibile alla narcosi puo' anche essere ma resta il fatto che stavi usando un erogatore di legno
        Non so se in passato ti siano accaduti fenomeni di narcosi ne' quanto tu possa essere abituato alla profondita' ma quando mi e' capitato di subire narcosi io ho avuto reazioni diverse e non ho notato alcuna differenza nel funzionamento degli erogatori. Di solito gli erogatori di un certo livello garantiscono portate di aria sovrabbondanti e sforzi inspiratori ridotti ed il tuo apecks, di cui possiedo un esemplare identico, non fa eccezione.
        Adesso che hai revisionato tutto e ti senti bene sono certo che alla prossima occasione presterai particolare attenzione alla apertura dei rubinetti e non avrai nessun problema a fare le solite cose che hai fatto sempre.
        Se non riesci a trovare una spiegazione che ti soddisfi non dannarti in quanto non tutto si puo' sempre spiegare ed anche le stesse condizioni ambientali non e' detto siano ripetibili in quanto noi non siamo macchine e possiamo reagire diversamente in giorni diversi.
        Se poi la bombola non e' la tua allora non saprai mai le reali condizioni di quella rubinetteria che potrebbe essere stata la causa scatenante di quanto ti e' successo.
        Potrebbe essere l' occasione per dotarti di bombola di proprieta' e magari imparare a manutenerla in autonomia.
        Nel mio caso io ho sempre usato il sistema di rifare il giorno dopo quello che mi ha creato pensieri il giorno prima e su di me ha sempre funzionato ma ognuno di noi e' un caso a parte e mi rendo conto che non si puo' generalizzare
        Con simpatia
        Paolo
        Paolo

        Commenta


        • #49
          "Una volta eliminato l'impossibile ciò che rimane, per quanto improbabile, dev'essere la verità"

          Frase che dice il personaggio di "Sherlock Holmes".

          Sinceramente non so esprimere nessun commento, a questo punto della discussione tutto è vero e tutto è falso non ci sono elementi obbiettivi su cui ragionare.

          L'erogatore è un ottimo erogatore, certificato e testato.
          Il suo malfunzionamento non è certo, cosa che per altro è molto difficile dato che stiamo parlando di un blocco in chiusura - cosa che la struttura stessa degli erogatori impediscono.
          Si può rompere ma sempre in apertura - erogazione continua, difficilmente in chiusura.

          La revisione dell'erogatore avvenuta smontandolo completamente non ha portato a nulla.
          Il filtro sinterizzato è pulito, il resto nuovo e in perfette condizioni.
          Bombola in buone condizioni.

          Inizialmente hai scritto:
          Originariamente inviato da logit72 Visualizza il messaggio
          Grazie per le risposte.la dinamica è la seguente. Aria perfetta fino a -48. Qui 1 blocco e la sonda rileva 4 bar. Erogatore durissimo privo di aria. Passo al secondo erogatore e faccio cenno al compagno di controllarmi apertura del rubinetto. Tutto ok. Dopo qualche istante , riprovo e xtx 200 riparte. A - 40 ancora una volta..... passo al secondo per qualche istante e poi riparte xtx 200 fino a fine immersione .
          Quindi gli episodi sono stati due.

          Ora che una narcosi per quanto forte porti a percepire un ipotetico blocco dell'erogatore (per altro funzionante dalla revisione in seguito effettuata) mi sembra un caso più unico che raro, che la cosa si ripeta due volte siamo in un ambito in cui più che la ragione bisognerebbe iniziare a pensare ad un "esorcismo".

          Io non trovo nella mia limitata esperienza episodi simili, e non ricordo di aver letto in questo ed in altri forum ma neanche nei libri di subacquea episodi analoghi al tuo.

          Dico tutto questo non con polemica ma semplicemente per affermare che io a questo punto della discussione non sono in grado di fare nessuna ipotesi.

          Oltretutto a complicare le cose c'è il dato della sonda, che ha registrato un calo di pressione, ma il tuo compagno ha manovrato i rubinetti ......
          E nuovamente siamo ad un bivio: siamo sicuri che non si sia sbagliato e non abbia chiuso l'erogatore ?
          Per giunta due volte ?
          Se cosi io mi domanderei se questo tuo compagno avesse motivi fondati per avercela con te ......
          Scherzo ma a questo punto questa ipotesi è di fatto plausibile come tutte le altre già fatte.

          Cordialmente
          Rana

          Commenta


          • #50
            RANA
            Molti anni fa mi e' successo di avvertire che l' erogatore si era improvvisamente indurito riducendo il flusso di aria. Ero al rientro dalla ultima immersione delle mie ferie estive ed ero in solitario al Lazzaretto (Isola del Giglio). Dopo qualche respirazione normale l' erogatore si e' nuovamente indurito ed ho semplicemente cambiato erogatore in attesa di chiarire le cause. Il contesto era quello della immersione in ciabatte e quindi escludiamo qualsiasi implicazione legata alla narcosi o allo stress da fine ferie.
            Una volta a casa sono andato dal mio negoziante, istruttore, tecnico di fiducia che, scettico ai miei racconti, ha aperto il primo stadio davanti a me.
            Si trattava di un normalissimo primo stadio a pistone con torretta girevole che veniva accoppiato all' Aga Divator.
            Svitando per aprire il primo stadio la torretta girevole si e' letteralmente staccata svelando l' arcano. Componente difettato con segni evidenti della causa della rottura.
            Da notare che quell' erogatore oggi ha una trentina di anni di onorato servizio e funziona meravigliosamente accoppiato ad un MK 25.
            Misteri della subacquea e della meccanica.
            Ciao
            Paolo

            Paolo

            Commenta


            • #51
              Originariamente inviato da paolo55 Visualizza il messaggio
              Svitando per aprire il primo stadio la torretta girevole si e' letteralmente staccata svelando l' arcano. Componente difettato con segni evidenti della causa della rottura.
              Da notare che quell' erogatore oggi ha una trentina di anni di onorato servizio e funziona meravigliosamente accoppiato ad un MK 25.
              Ciao Paolo55.
              Tu stesso hai detto che smontandolo avete trovato l'arcano.
              Il problema alla torretta.
              Questo ci sta.

              In questo caso, smontando il primo stadio non si è riscontrato nulla, tutto perfettamente funzionante, pulito ed in ottimo stato, a tal punto da sbriciolare quelle che prima erano certezze, ossia un mal funzionamento, portando a pensare che forse la sensazione di difficoltà a respirare sia un miraggio psichico della narcosi.

              Ora qui siamo davanti ad un evento in cui non siamo certi neanche della sua natura.
              Non possiamo dire che è un problema meccanico del primo stadio, dato che tutto appare perfetto, non possiamo dire che è di natura sensoriale, un miraggio narcotico (se mi passate l'espressione).

              Comprendi che è difficile trovare similitudini.

              Comprendo la tua esperienza ma a me non sembra che possa avvicinarsi a questa.

              Diverso se avesse detto, smontandolo abbiamo riscontrato un difetto alla battuta della valvola (dico una cosa a caso) che poteva giustificare l'anomalo comportamento.

              Senza contare che la sonda ha effettivamente registrato un calo della pressione, altra cosa strana, il calo della pressione registrato dalla bombola è a monte del primo stadio ergo solo un problema alla bombola avrebbe potuto giustificare questi episodi che per altro si sono ripetuti.
              Ma anche in questo caso la bombola risulta perfetta, priva di difetti che possano giustificare un ostruzione improvvisa che poi si ha cessato di bloccare.
              Ora sappiamo che probabilmente il momento in cui la sonda ha registrato il calo il suo compagno ha armeggiato con gli erogatori.
              E' possibile che vedendolo in narcosi, abbia per qualche motivo (a noi sconosciuto o magari perché in narcosi anche lui) chiuso il rubinetto, la chiusura del rubinetto sicuramente avrebbe causato il crollo della pressione registrato dalla sonda e magari anche la percezione di blocco dell'erogatore, poi magari si è accorto di quello che faceva ed ha riaperto il rubinetto.
              Magari nel dubbio ha fatto più manovre sul rubinetto (prendo e chiudendo più volte magari per essere sicuro di quello che faceva) generando più blocchi dell'erogatore ?

              Comprendi che a questo punto tutto è plausibile.

              Cordialmente
              Rana







              Commenta


              • #52
                RANA
                Poco sopra ho scritto in merito all' accaduto che per me si tratta di un problema indeterminato ed ho suggerito l' approccio di risalire sul cavallo subito dopo avere subito una caduta
                Ho scritto del mio strano episodio in quanto il mio problema non ha comportato blocco in apertura o in chiusura ma un transitorio che sicuramente insistendo sarebbe diventato una rottura franca con perdita continua dal primo stadio. Scenario poco simpatico !
                Il mio primo stadio era una baracca quanto meno al confronto di un primo stadio xtx200
                ed e' giusto che ora sia in un sacchetto di plastica nel cassetto della mia rumenta subacquea
                L'importante e' che non succeda niente di grave e ce la si possa raccontare sperando che non succeda mai piu' a nessuno.
                Cordialmente
                Paolo

                Paolo

                Commenta


                • #53
                  Forse è per quel bicchierino di troppo... ma a me tutto il thread appare grottesco e surreale, non sono riuscito nemmeno a capire qual è l'argomento della discussione. Torno al bicchierino.

                  Commenta


                  • #54
                    Effettivamente, più si aggiungono informazioni, meno si capisce.

                    Quello che mi lascia più perplesso è che se si attribuisce il problema alla narcosi... come fa a passare immediatamente cambiando erogatore?

                    Altra cosa che non ho capito, ma forse ho letto frettolosamente o non ricordo bene: nel momento del problema il compagno ha fornito un erogatore funzionante o si è messo ad aprire e chiudere il rubinetto (che poteva essere anche quello da cui respirava l'incidentato se non aveva individuato bene le fruste?). Lo chiedo, perché se uno, di fronte ad un problema ad un erogatore che non eroga, mi chiude un rubinetto, al posto di aprirlo... ci vuol niente a sbagliar frusta e mandarmi in ipercapnia.

                    Commenta

                    Riguardo all'autore

                    Comprimi

                    logit72 Per saperne di più su logit72

                    Statistiche comunità

                    Comprimi

                    Attualmente sono connessi 22 utenti. 0 utenti e 22 ospiti.

                    Il massimo degli utenti connessi: 1,037 alle 05:32 il 14-01-2020.

                    Scubaportal su Facebook

                    Comprimi

                    Sto operando...
                    X