Cenote ... che passione

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Cenote ... che passione

    Verso la fine di Luglio sono stato una decina di gg in Messico con mio figlio adolescente (una promessa è una promessa ... )
    Destinazione Yucatan, zona riviera Maya, che conoscevo già per esserci stato un paio di volte, l'ultima 4 o 5 anni fa.
    ​Viaggio non solo subacqueo, anzi, girellare per le rovine Maya, in vari siti, nonostante il caldo, ha un suo fascino e ha contagiato anche mio figlio.
    Già che c'ero ho contattato il nostro buon reato per qualche dritta, sopratutto riguardo le immersioni.
    Gia in fase di organizzazione, qualche tempo fa, lui era stato prodigo di particolari e consigli.
    Una volta lì, Alessandro è stato gentilissimo e, compatibilmente con i suoi impegni, ci ha dato l'opportunità di un paio di immersioni mozzafiato in un cenote tra i più noti: Dos Ojos.( https://www.google.it/search?q=dos+o...w=1602&bih=879 )

    Oltre all'opportunità di incontrare di persona un membro del forum (cosa piuttosto rara per me) ho usufruito della sua conoscenza - abissale, mi si perdoni il gioco di parole - godendomi una lezione di geologia sulla formazione del sottosuolo yucateco.
    Lezione molto interessante, giudizio confermato dall'attenzione e curiosità suscitate addirittura in un entusiasta adolescente - non me, mio figlio !

    Avevo già avvertito il buon Alessandro che né io né mio figlio abbiamo certificazioni cave e, dopo essere stato ragguagliato sul fatto che tecnicamente si parlava di cavern, ho avuto modo di apprezzare tutta la logistica, dal briefing alla gestione delle immersioni.
    Due tuffi mozzafiato, realmente emozionanti, in un ambiente impossibile da trovare dalle nostre parti, considerando l'acqua dolce a 25° che spesso sembra non esserci, al punto che i sub davanti sembrano fluttuare nel vuoto, almeno finché non emettono bolle.
    Per coloro che hanno visitato grotte in Italia (Frasassi, Castellana etc), immaginate di potervi muovere anche in verticale lungo le formazioni calcaree create quando i passaggi non erano invasi dall'acqua ... bellissimo !
    Non posso dire che l'esperienza vale l'intero viaggio, ci sono molte altre cose da fare e vedere in messico, ma, sicuramente, andare da quelle parti e lasciarsi sfuggire l'opportunità di immergersi nei cenote è ... un reato !

    Che dire, ho finalmente capito cosa spinge Alessandro a infilarsi nei buchi sottoterra e perché c'è chi si impegna davvero molto nell'addestrarsi durante gli impegnativi corsi cave. Ammetto che per alcuni secondi ho pensato che potrebbe essere un'esperienza da fare, in quelle condizioni e con un istruttore come lui, poi, fortunatamente, la mia pigrizia ha ripreso il sopravvento .
    Ringrazio Alessandro per tutto e ai sub che mi leggono consiglio vivamente di aggiungere al loro logbook esperienze nei cenote messicani e, perché no, anche un paio di tuffi a Cozumel che ha fondali decisamente interessanti per orografia e colori.

    Se avessi molto più tempo potrei fare molte più cose.
    L'ottimista pensa che viviamo nel migliore dei mondi possibili, il pessimista teme che sia vero.

  • #2
    Condivido la bellezza di queste immersioni, forse tra le più belle che abbia mai fatto (tanto che quando sono stato a Cozumel mi sono pentito di non aver prenotato più tuffi nei Cenotes). C'è però da fare una precisazione: le grotte non sono tutte come i Cenotes, anzi con quelle caratteristiche ci sono (quasi esclusivamente) solo i Cenotes. Quindi non si pensi che il "cave diving" sia fatto tutto di acque cristalline, senza corrente, senza sospensione che si alza... perché nei Cenotes, parte cavern in cui normalmente portano i turisti, sono tutte rose e fiori, quindi praticamente apprezzi la bellezza con zero difficoltà (tenendo però ben presente l'overhead).
    I corsi cave sono molto impegnativi perché ti preparano ad affrontare condizioni che possono essere molto più complesse di ampi passaggi con visibilità infinita.
    Concludendo il discorso: la costa Maya è incredibile per la subacquea... prezzi relativamente bassi, area Caraibica (molto diversa dal Messico interno e lato ovest), cibo delizioso, cultura subacquea radicata da anni (proveniente in massa dagli Stati Uniti) a differenza di altre destinazioni tropicali più "arrangiate", immersioni di ogni genere (reef calmo, drift diving, relitti, cenotes..), passatempi e visite che vanno oltre la subacquea (parchi naturali, rovine Maya...). A mio parere una delle destinazioni top dell'area Caraibica se si è amanti della subacquea.

    Commenta

    Riguardo all'autore

    Comprimi

    Alastar Per saperne di più su Alastar

    Statistiche comunità

    Comprimi

    Attualmente sono connessi 51 utenti. 3 utenti e 48 ospiti.

    Il massimo degli utenti connessi: 187 alle 19:54 il 05-01-2017.

    Scubaportal su Facebook

    Comprimi

    Sto operando...
    X