Avg/profondita' media e tabelle

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #46
    Originariamente inviato da RANA Visualizza il messaggio

    Sei il primo che parla di un uso avanzato della profondità media ponderata al tempo.
    Pensa che io ritenevo corretto esattamente il contrario, la profondità media ponderata al tempo è un parametro che inizia ad essere interessante per un subacqueo avanzato, con conoscenze un pochino più approfondite e con una solida esperienza.
    Non penso che possa servire in ambito ricreativo a meno che non si adotta un ben definito metodo mnemonico.
    Questo non è proprio vero, ci sarebbe da entrare in un discorso piuttoso spinoso.
    La profondità media, in abbiente ricreativo, è un ottimo sistema per valutare la propria "situazione decompressiva", potendo sopperire a mal funzionamenti o errori nostri o del computer.
    Soprattutto in ambito ricreativo dove la ridondanza arriva (giustamente o no) solo fino ad un certo punto.

    www.bludivecenter.com

    Commenta


    • #47
      Originariamente inviato da blu dive Visualizza il messaggio
      Questo non è proprio vero, ci sarebbe da entrare in un discorso piuttoso spinoso.
      La profondità media, in abbiente ricreativo, è un ottimo sistema per valutare la propria "situazione decompressiva", potendo sopperire a mal funzionamenti o errori nostri o del computer.
      Soprattutto in ambito ricreativo dove la ridondanza arriva (giustamente o no) solo fino ad un certo punto.
      Ciao Blu Dive.
      Non metto in discussione quello che dici, dal punto di vista del discorso funzionale non discuto ma sinceramente trovo che sia una strada molto più complessa dal punto di vista della formazione.

      In termini tecnici posso esporti il concetto con un parallelismo nelle pistole, c'è una pistola molto famosa che ha vinto tante commesse militari, di fatto è un arma economica e di bassa qualità ma ha un pregio, è fatta per gli operatori che non si allenano, è immediata e non richiede particolari sedute di addestramento.
      Questo si traduce in costi molto ma molto minori per la pubblica amministrazione che deve addestrare le forze armate ossia un numero elevato di persone.
      Ci sono pistole molto ma molto più tecniche, precise e potenzialmente molto più performanti, ma richiedono un maggiore addestramento ergo costi, senza i quali il pericolo di incidente o di mal funzionamento è più elevato.

      Quello che dici è corretto ma stai parlando di un "arma" molto ben fatta e tecnica ma che richiede addestramento in termini di conoscenze, esperienze tutte cose che aumentano i costi, senza i quali aumentano esponenzialmente il rischio di errori.

      Mentre a livello ricreativo ci sono "armi" sicuramente meno di pregio ma più immediate "bovine" e queste sono vincenti in un mondo in cui l'addestramento deve costare poco e bisogna tutelarsi più dall'errore umano che dal mal funzionamento.

      Se un subacqueo ricreativo mette in atto le semplicissime e a tratti banali le regole della programmazione ricreativa sa come uscire anche quando il computer si rompe senza ricorrere a chissà quali calcoli.
      Programmo un immersione di massima, apprendo la decompressione ed eseguo l'immersione secondo quanto ho programmato, in questo modo posso fare anche delle stime in caso di piccoli sforamenti anche se dovesse andare in blocco il computer.

      Questa è la mia posizione in merito alla questione, non nego quello che dici ma per me un subacqueo che sa consapevolmente fare quello che tu dici è un subacqueo la cui esperienza è maggiore rispetto alla media dei subacquei ricreativi i quali con questi metodi rischierebbero di spararsi nei piedi.


      Rana


      Commenta


      • #48
        Originariamente inviato da RANA Visualizza il messaggio

        Ciao Blu Dive.
        Non metto in discussione quello che dici, dal punto di vista del discorso funzionale non discuto ma sinceramente trovo che sia una strada molto più complessa dal punto di vista della formazione.

        In termini tecnici posso esporti il concetto con un parallelismo nelle pistole, c'è una pistola molto famosa che ha vinto tante commesse militari, di fatto è un arma economica e di bassa qualità ma ha un pregio, è fatta per gli operatori che non si allenano, è immediata e non richiede particolari sedute di addestramento.
        Questo si traduce in costi molto ma molto minori per la pubblica amministrazione che deve addestrare le forze armate ossia un numero elevato di persone.
        Ci sono pistole molto ma molto più tecniche, precise e potenzialmente molto più performanti, ma richiedono un maggiore addestramento ergo costi, senza i quali il pericolo di incidente o di mal funzionamento è più elevato.

        Quello che dici è corretto ma stai parlando di un "arma" molto ben fatta e tecnica ma che richiede addestramento in termini di conoscenze, esperienze tutte cose che aumentano i costi, senza i quali aumentano esponenzialmente il rischio di errori.

        Mentre a livello ricreativo ci sono "armi" sicuramente meno di pregio ma più immediate "bovine" e queste sono vincenti in un mondo in cui l'addestramento deve costare poco e bisogna tutelarsi più dall'errore umano che dal mal funzionamento.

        Se un subacqueo ricreativo mette in atto le semplicissime e a tratti banali le regole della programmazione ricreativa sa come uscire anche quando il computer si rompe senza ricorrere a chissà quali calcoli.
        Programmo un immersione di massima, apprendo la decompressione ed eseguo l'immersione secondo quanto ho programmato, in questo modo posso fare anche delle stime in caso di piccoli sforamenti anche se dovesse andare in blocco il computer.

        Questa è la mia posizione in merito alla questione, non nego quello che dici ma per me un subacqueo che sa consapevolmente fare quello che tu dici è un subacqueo la cui esperienza è maggiore rispetto alla media dei subacquei ricreativi i quali con questi metodi rischierebbero di spararsi nei piedi.


        Rana

        L'hai fatta un po' complicata.
        La programmazione non la fa praticamente nessuno in una immersione rec.


        Ti faccio un esempio pratico: dopo l'ultima immersione "Tizio" che è uno che fa, si e no, 20 immersioni l'anno, lascia il computer impostato in EAN32 pur entrando a fare un'immersione in aria.

        Precisazione: è una situazione che ho visto decine, se non centinaia, di volte.

        Ora il nostro Tizio, che se ne accorge praticamente a fine tuffo, che deve fare?
        Si affida al computer della guida? A quello del buddy del momento che armato di macchina foto, probabilmente, non ha fatto neanche un profilo simile?
        Tutte soluzioni efficaci a lato pratico, ma che servono sempre più ad allontanare il sub dalla coscienza di ciò che fa e può o non può fare.

        Con un computer che da la media in tempo reale (senza scomodare Shearwater, anche un mares puck da 130€ ), valuti in tutta tranquillità la tua eventuale deco una volta arrivato a 5m.

        Si tratta solo di indicare dove leggere la profondità media e dirgli sotto quale valore è ragionevolmente sicuro uscire: punto.
        Niente calcoli, niente di complicato, niente che richieda un briciolo in più delle nozioni che si acquisiscono in un corso ADV.
        www.bludivecenter.com

        Commenta


        • #49
          profondità media: è da quando ho iniziato che, gira e rigira, salta sempre fuori
          le prime immersioni mi dicevano di utilizzare la profondità media per il calcolo dei consumi, sottolineando il fatto che cmq il dato era inficiato dall'uso "smodato" di gav prima, e stagna poi, visto che era più l'aria che buttavo via in gonfia/sgonfia che quella che respiravo
          poi mi dicevano di utilizzare la profondità media per vedere se "uscivo pulito": hai una avg inferiore a 18 mt? si - hai un runtime inferiore ai 56min? si, ok, va bene no deco (vds tabella aria padi)
          poi ho fatto il corso dm, e mi hanno insegnato a pianificare le multilivello con l'ausilio della ruota, altro che software dedicati
          poi ho fatto il corso tec
          poi ho sentito discussioni sulla deco mnemonica, o ratio deco, o chiametela come volete a seconda delle parrocchie, che (previa pianificazioni obbligatoria), allo stacco, se necessario, rimodulavano i piani decompressivi sulla base di profondità media e tempo - c'è una parrocchia che quando arriva sul fondo azzera il profondimetro così da avere un dato ancora più corretto, anche se più ristrettivo
          senza rinvangare nulla, ricordo ancora le polemiche emerse in un post in cui qualcuno ha postato un video proprio sull'utilizzo della deco mnemonica, che se ben conosciuta, si può applicare anche anche per le immersioni rec
          cmq, allo stacco un occhio al profondimetro io glielo butto, cosi vedo se i tempi e la profondità media, rispettano quello che ho pianificato all'asciutto
          Per fortuna in Italia c'è ancora qualcuno che punta sui giovani... LE MILF [cit.]

          Commenta


          • #50
            Off-Topic....
            blu dive
            Tizio almeno se ne è accorto a fine immersione....
            In una giornata MOLTO NO, Caio invece ha lasciato il cpu in O2 per tutta l'immersione (come abbia fatto i cambi gas è un mistero), in deco ci malediva perchè aveva freddo (penso fosse mezzo allagato, al lago, in inverno..) mentre secondo i nostri piani mancava almeno 35 min prima di uscire, ma secondo il suo CPU lui era pulito.....
            Ovviamente appena abbiamo visto il suo CPU e tenuto conto del fatto che aveva freddo abbiamo preferito allungare la deco di una buona decina di minuti, così, per simpatia.
            Ovviamente Caio, uscito indenne perchè ha avuto la magica idea di seguire il nostro profilo ha poi dovuto affrontare conseguenze, pagare due giri di birra e due di amari al gruppo...in caso di rifiuto si sarebbe valutato o l'allontanamento dal branco o la lapidazione per mezzo delle stage. Non scherzo!
            Buone bolle a tutti!!!
            http://4th-dimension.detidecosystem.com/

            Commenta


            • #51
              Ciao RANA l'immersione del mio post è quella che ho scritto all'inizio del post, relitto 25 di fondo, profondità max 60, minima 40. Ipotizzo media di 50 metri, media che viene calcolata da qualsiasi computer. Io come ragiona il computer lo conosco a grandi linee come tutti, non sono me un programmatore né altro, non so se lui per il suo calcolo usi la profondità media o cosa. Io so come hai detto tu che i computer ricreativi non processano tutto l'algoritmo ma pescano dalla memoria profili precariative che i computer diciamo tecnici invece fanno girare tutto l'algoritmo sul nostro reale profilo.... Ma con il mio post non volevo focalizzare l'attenzione su cosa facesse il computer ma solo sul fatto che qualsiasi computer "moderno" anche i più economici calcola la profondità media. Poi con la profondità media che visualizzo a schermo faccio lavorare io il mio cervello e le mie conoscenze. Ho fatto questa precisazione in risposta ai post precedenti nei quali si disquisiva sul calcolo manuale della media di immersione, con calcoli matematici e misurazioni di blocchi/tempo/ecc... Questa procedura la trovo altamente inutile dato che ormai tutti gli strumenti danno il dato in tempo reale. È la disponibilità di questo dato in tempo reale che poi ci porta all'utilizzo della profondità media nel tempo.... Le successive risposte di blu dive labottatrice e firer84 mi trovano pienamente d'accordo e mi fanno sentire un po' meno solo, non avrei potuto scrivere meglio.

              P.s. io per programmare le immersioni impegnative utilizzo un software che mi fa visualizzare la profondità media in qualsiasi parte del tuffo virtuale in fase di programmazione.... Per esempio quando arrivo a 21 metri dovrei avere una certa profondità media, che annoto e che controllo in immersione, se combacia so che la fase di fondo e la risalita sino a quel punto stanno procedendo come da piano. Con solo tempo e profondità in tempo reale saprei solo se ho rispettato il RT in quel momento non come sono andato per il resto del tuffo. Dal mio punto di vista la profondità media è un dato importante, importantissimo, al pari di tempo e profondità attuale

              Commenta


              • #52
                Originariamente inviato da Mercurio90 Visualizza il messaggio

                Poi con la profondità media che visualizzo a schermo faccio lavorare io il mio cervello e le mie conoscenze. Ho fatto questa precisazione in risposta ai post precedenti nei quali si disquisiva sul calcolo manuale della media di immersione, con calcoli matematici e misurazioni di blocchi/tempo/ecc... Questa procedura la trovo altamente inutile dato che ormai tutti gli strumenti danno il dato in tempo reale. È la disponibilità di questo dato in tempo reale che poi ci porta all'utilizzo della profondità media nel tempo.... Le successive risposte di blu dive labottatrice e firer84 mi trovano pienamente d'accordo e mi fanno sentire un po' meno solo, non avrei potuto scrivere meglio.

                P.s. io per programmare le immersioni impegnative utilizzo un software che mi fa visualizzare la profondità media in qualsiasi parte del tuffo virtuale in fase di programmazione.... Per esempio quando arrivo a 21 metri dovrei avere una certa profondità media, che annoto e che controllo in immersione, se combacia so che la fase di fondo e la risalita sino a quel punto stanno procedendo come da piano. Con solo tempo e profondità in tempo reale saprei solo se ho rispettato il RT in quel momento non come sono andato per il resto del tuffo. Dal mio punto di vista la profondità media è un dato importante, importantissimo, al pari di tempo e profondità attuale
                Giusto per conoscenza, la maggior-parte dei computer rec di vecchia generazione, inteso come quelli messi nel mercato da più di 3/4 anni o più, non calcolano la profondità media...

                Il Puck PRO della Mares è stato uno dei primi ad averla...

                ps. Interessante quello che dici riguardo l'annotarsi la AVG come riferimento
                YouTube

                Commenta


                • #53
                  Originariamente inviato da Tonnetto Visualizza il messaggio

                  Giusto per conoscenza, la maggior-parte dei computer rec di vecchia generazione, inteso come quelli messi nel mercato da più di 3/4 anni o più, non calcolano la profondità media...

                  Il Puck PRO della Mares è stato uno dei primi ad averla...

                  ps. Interessante quello che dici riguardo l'annotarsi la AVG come riferimento
                  Si certo i vecchi possono anche non farlo, ma un pick pro costa davvero una cavolata ed è in circolazione da ormai diversi anni. Io lo uso come profondimetro con estrema soddisfazione. Molto meglio di tanti altri

                  Commenta


                  • #54
                    Originariamente inviato da Mercurio90 Visualizza il messaggio

                    Si certo i vecchi possono anche non farlo, ma un pick pro costa davvero una cavolata ed è in circolazione da ormai diversi anni. Io lo uso come profondimetro con estrema soddisfazione. Molto meglio di tanti altri
                    Tanto vale prendere uno scubapro digital log
                    Per fortuna in Italia c'è ancora qualcuno che punta sui giovani... LE MILF [cit.]

                    Commenta


                    • #55
                      Originariamente inviato da labottatrice Visualizza il messaggio

                      Tanto vale prendere uno scubapro digital log
                      Uwatec digital 330 e sei sicuro che non lo metti in crisi, sempre fedele (anche se lo tocci nella birra, però non è consigliato dal produttore...)
                      Buone bolle a tutti!!!
                      http://4th-dimension.detidecosystem.com/

                      Commenta


                      • #56
                        Originariamente inviato da firer84 Visualizza il messaggio

                        Uwatec digital 330 e sei sicuro che non lo metti in crisi, sempre fedele (anche se lo tocci nella birra, però non è consigliato dal produttore...)
                        Dici ?
                        e con l'unto della salamella cosa dicono le istruzioni?

                        FB_IMG_1600500089431.jpg

                        nella foto si vede anche l'AVG 24,3
                        File allegati
                        Per fortuna in Italia c'è ancora qualcuno che punta sui giovani... LE MILF [cit.]

                        Commenta


                        • #57
                          Originariamente inviato da labottatrice Visualizza il messaggio

                          Dici ?
                          e con l'unto della salamella cosa dicono le istruzioni?

                          FB_IMG_1600500089431.jpg

                          nella foto si vede anche l'AVG 24,3
                          WoW!!! Massimo rispetto nei confronti dell'Amphibian!!!

                          ps. Come ti trovi con la ghiera bidirezionale...è abbastanza ferma o traballa...
                          Ultima modifica di Tonnetto; 13-01-2021, 18:26.
                          YouTube

                          Commenta


                          • #58
                            labottatrice e firer84 non per niente il profondimetro scubapro penso sia il più usato tra i subacquei tecnici e non. Io se devo essere sincero avevo preso il pick pro come computer, andando avanti nel mio percorso l'ho riciclato a profondimetro. Gli trovo solo pro...ottimo schermo, dati visibilissimi. In modalità profondimetro pochi dati disposti bene, timer azzerabile. Però se devo essere sincero mi piace anche perché in ricreativa e non lo uso anche in modalità computer e visualizzo anche la profondità media, quindi unisco le due cose. Poi se decido di non seguirlo, pazienza. Esco dall'acqua, metto il codice e ritorna lindo e punto. Penso che sia uno dei migliori dei prodotti Mares, resistente economico, chiaro...ripeto per quel che deve fare è il top.

                            ​​​​​​​P.s. con i 2 gas ci ho fatto anche bei tuffi tecnici

                            Commenta


                            • #59
                              Originariamente inviato da Mercurio90 Visualizza il messaggio
                              labottatrice e firer84 non per niente il profondimetro scubapro penso sia il più usato tra i subacquei tecnici e non. Io se devo essere sincero avevo preso il pick pro come computer, andando avanti nel mio percorso l'ho riciclato a profondimetro. Gli trovo solo pro...ottimo schermo, dati visibilissimi. In modalità profondimetro pochi dati disposti bene, timer azzerabile. Però se devo essere sincero mi piace anche perché in ricreativa e non lo uso anche in modalità computer e visualizzo anche la profondità media, quindi unisco le due cose. Poi se decido di non seguirlo, pazienza. Esco dall'acqua, metto il codice e ritorna lindo e punto. Penso che sia uno dei migliori dei prodotti Mares, resistente economico, chiaro...ripeto per quel che deve fare è il top.

                              ​​​​​​​P.s. con i 2 gas ci ho fatto anche bei tuffi tecnici
                              come visibilità è ben superiore allo scubapro.
                              Devo decidermi a fargli fare un tuffo a tre cifre e vedere se si sfonda...
                              www.bludivecenter.com

                              Commenta


                              • #60
                                Originariamente inviato da Tonnetto Visualizza il messaggio

                                WoW!!! Massimo rispetto nei confronti dell'Amphibian!!!

                                ps. Come ti trovi con la ghiera bidirezionale...è abbastanza ferma o traballa...
                                Un altro che conosce l'amphibian?
                                e allora dovremo parlare in russo!

                                Ghiera... roba inutile, forse va bene per i tempi di cottura della pasta.
                                cmq, l'avevo portato con me, chiuso nella tasca della stagna, giusto per una scommessa con un amico.
                                quella della foto è quella originale, adesso ne ho montata una stesso colore del quadrante.
                                ne ho altri, su cui ho montato la ghiera NDL...
                                SI, c'è anche quella, blu e silver, che con i tempi non coincide con quella PADI, ma va bene per quando chiacchiere al bar davanti una birra!

                                20200827_214430.jpg
                                Per fortuna in Italia c'è ancora qualcuno che punta sui giovani... LE MILF [cit.]

                                Commenta

                                Riguardo all'autore

                                Comprimi

                                principiante Per saperne di più su principiante

                                Statistiche comunità

                                Comprimi

                                Attualmente sono connessi 46 utenti. 1 utenti e 45 ospiti.

                                Il massimo degli utenti connessi: 1,037 alle 06:32 il 14-01-2020.

                                Scubaportal su Facebook

                                Comprimi

                                Sto operando...
                                X