Proprio non riesco!

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #31
    Certo che se si fa l' esercizio nel lavandino e' ancora piu' difficile
    Mi pare che un minimo di fondo atto a garantire un buon assetto sia un atto dovuto
    Se mi devo vestire dove tocco uso una altra tecnica
    Ma questa mi sembra una logica di base
    Per mia esperienza personale so che quando devo prendere ostriche in un bassofondo dove quasi di tocca faccio una fatica tremenda e devo indossare una cintura di piombi per evitare fatica inutile e posture ridicole
    Quando si incomincia a domandarsi che senso abbia conviene riuscire a darsi una risposta logica Ma questo per me e' un principio generale
    Paolo
    Paolo

    Commenta


    • #32
      Originariamente inviato da paolo55 Visualizza il messaggio
      Certo che se si fa l' esercizio nel lavandino e' ancora piu' difficile
      Mi pare che un minimo di fondo atto a garantire un buon assetto sia un atto dovuto
      Se sei costretto in piscine senza fossa non è che puoi portarti un escavatore e crearla
      purtroppo anche noi qui abbiamo la piscina con profondità max 2,30 m e ti devi arrangiare come dicevano nel post precedente

      Commenta


      • #33
        Originariamente inviato da coffy84 Visualizza il messaggio
        Se sei costretto in piscine senza fossa non è che puoi portarti un escavatore e crearla
        purtroppo anche noi qui abbiamo la piscina con profondità max 2,30 m e ti devi arrangiare come dicevano nel post precedente
        Anche noi come circolo siamo fortunati perché riusciamo a prendere tutta la piscina ed averla a disposizione ma non abbiamo la fossa, anche la nostra piscina ha come massima profondità -2,30 m.

        Penso che non bisogna estremizzare nulla.

        Sta al buon senso dell'istruttore capire dove insistere.

        E' indubbio che eseguire una vestizione sul fondo fermi, seduti, ad una profondità di 2 metri non è facile anzi .....

        Ci si può riuscire, certo bisogna "picchiarsi" con l'esercizio ma alla fine ci si riesce anche in una piscina con un basso fondale.

        Ora bisogna chiedersi se vale la pena insistere nella vestizione.
        Io considero questo esercizio utile per i motivi che ho già detto, ma ovviamente non posso dedicare tutto il corso alla sola vestizione, non sarebbe corretto sotto tutti i punti di vista, pertanto si deve "mediare" anche in funzione del corso che si tiene.

        Se tengo un corso allievi istruttori tendo ad essere molto "dragoniano" su questo esercizio, se tengo un base mi accontento e sono felice se l'allievo mi esegue una bella capovolta, prende le pinne e le indossa senza sollevare la testa, anche se viene a galla.

        Insomma come in tutte le cose ci vuole buon senso, esperienza per capire come "usare" al meglio un esercizio tra i tanti esercizi, senza finire per rimanere "incravattati" sviluppando un solo aspetto a scapito di tanti altri di fatto molto più importanti che la vestizione in se.

        In un corso Base (Open) dovendo insegnare ad allievi che non sanno nulla come si usano le bombole, per me non è possibile sviluppare la vestizione in termini completi.

        In un corso di terzo livello (estensione) avendo sviluppato i vari aspetti nei due corsi precedenti si può pretendere di più.

        Bisogna capire il "peso" di ciò che si deve trasmettere, sapendo che non si può dire e fare tutto.

        La vestizione è uno strumento didattico come tanti altri, aiuta, può essere interessante lavorarci perché si possono colmare alcuni aspetti, ma non è indispensabile.

        Cordialmente
        Rana




        Commenta


        • #34
          Si fa per ridere !
          Io sono alto m 1,93 e quindi spesso tocco il fondo
          Quando ero giovane mi divertivo a sedermi sul fondo vicino al bordo in apnea espiratoria e mi piaceva guardarmi in giro
          Oggi sono vecchio e ortopedicamente una schifezza per cui affronto i problemi uno per uno anche girandovi intorno se necessario
          Largo ai giovani ...
          Paolo
          Paolo

          Commenta


          • #35
            Originariamente inviato da RANA Visualizza il messaggio

            Anche noi come circolo siamo fortunati perché riusciamo a prendere tutta la piscina ed averla a disposizione ma non abbiamo la fossa, anche la nostra piscina ha come massima profondità -2,30 m.

            Penso che non bisogna estremizzare nulla.

            Sta al buon senso dell'istruttore capire dove insistere.

            E' indubbio che eseguire una vestizione sul fondo fermi, seduti, ad una profondità di 2 metri non è facile anzi .....

            Ci si può riuscire, certo bisogna "picchiarsi" con l'esercizio ma alla fine ci si riesce anche in una piscina con un basso fondale.

            Ora bisogna chiedersi se vale la pena insistere nella vestizione.
            Io considero questo esercizio utile per i motivi che ho già detto, ma ovviamente non posso dedicare tutto il corso alla sola vestizione, non sarebbe corretto sotto tutti i punti di vista, pertanto si deve "mediare" anche in funzione del corso che si tiene.

            Se tengo un corso allievi istruttori tendo ad essere molto "dragoniano" su questo esercizio, se tengo un base mi accontento e sono felice se l'allievo mi esegue una bella capovolta, prende le pinne e le indossa senza sollevare la testa, anche se viene a galla.

            Insomma come in tutte le cose ci vuole buon senso, esperienza per capire come "usare" al meglio un esercizio tra i tanti esercizi, senza finire per rimanere "incravattati" sviluppando un solo aspetto a scapito di tanti altri di fatto molto più importanti che la vestizione in se.

            In un corso Base (Open) dovendo insegnare ad allievi che non sanno nulla come si usano le bombole, per me non è possibile sviluppare la vestizione in termini completi.

            In un corso di terzo livello (estensione) avendo sviluppato i vari aspetti nei due corsi precedenti si può pretendere di più.

            Bisogna capire il "peso" di ciò che si deve trasmettere, sapendo che non si può dire e fare tutto.

            La vestizione è uno strumento didattico come tanti altri, aiuta, può essere interessante lavorarci perché si possono colmare alcuni aspetti, ma non è indispensabile.

            Cordialmente
            Rana



            esattamente, siamo nella medesima situazione, forse un pelo peggio: noi la piscina con la fossa a 4 metri ce l'avevamo è stata chiusa per problemi alle strutture e di amianto un epoepea che va avanti dal 2012 perchè torni a funzionare.
            Per esperienza personale confermo che anche io ho svolto l'esercizio come dici tu: per il primo e secondo grado si sono accontentati che non tirasi fuori la testa dall'acqua o che mi sdraiassi sul fondo per poi ridiscendere un poco e svuotare la maschera, per 3 e 4 stella hanno preteso, a mio avviso giustamente, la corretta esecuzione. Ovviamente ora con l'esperienza maturata tutto è più facile e si fa l'esercizio praticamente in dispnea giusto cn quella poca aria per svuotare la maschera

            Commenta


            • #36
              Originariamente inviato da paolo55 Visualizza il messaggio
              Si fa per ridere !
              Io sono alto m 1,93 e quindi spesso tocco il fondo
              Quando ero giovane mi divertivo a sedermi sul fondo vicino al bordo in apnea espiratoria e mi piaceva guardarmi in giro
              Oggi sono vecchio e ortopedicamente una schifezza per cui affronto i problemi uno per uno anche girandovi intorno se necessario
              Largo ai giovani ...
              Paolo
              due anni fa arrivo un ragazzo di 2,10 immaginatelo a fare le capovolte in 2,30

              Commenta


              • #37
                Mah! io ripeto la mia esperienza negativa,
                come dice Rana non bisogna focalizzarsi solo su un esercizio, ci sta che l'istruttore debba saper fare l'esercizio in maniera corretta e questo è logico, ma passare del tempo per sforzarsi a fare una capovolta e una vestizione anche no, mi dispiace ma io la penso cosi.

                Commenta


                • #38
                  La sequenza di un tempo prevedeva:
                  - vado a posizionare il pacchetto sul fondo e riemergo
                  - capovolta in stile e arrivo sul pacchetto
                  - disfo il pacchetto e metto maschera e boccaglio (negativo) sul fondo
                  - metto una pinna sotto l'ascella e indosso l'altra e poi la prima
                  - prendo il boccaglio e lo infilo nel costume
                  . prendo la maschera e la svuoto senza emettere bolle dal lato superiore
                  - risalgo intanto che posiziono il boccaglio e appena giunto in superficie lo svuoto
                  Nel tempo sono state poi apportate alcune varianti
                  PS: il trucco era non fare spanciate d'aria per avere un assetto migliore ed essere composto nei movimenti per evitare l'affanno

                  Commenta


                  • #39
                    Originariamente inviato da Palve Visualizza il messaggio
                    La sequenza di un tempo prevedeva:
                    - vado a posizionare il pacchetto sul fondo e riemergo
                    - capovolta in stile e arrivo sul pacchetto
                    - disfo il pacchetto e metto maschera e boccaglio (negativo) sul fondo
                    - metto una pinna sotto l'ascella e indosso l'altra e poi la prima
                    - prendo il boccaglio e lo infilo nel costume
                    . prendo la maschera e la svuoto senza emettere bolle dal lato superiore
                    - risalgo intanto che posiziono il boccaglio e appena giunto in superficie lo svuoto
                    Nel tempo sono state poi apportate alcune varianti
                    PS: il trucco era non fare spanciate d'aria per avere un assetto migliore ed essere composto nei movimenti per evitare l'affanno
                    Si, ma in parziale dispnea?

                    Commenta


                    • #40
                      Tutto il contrario di facile
                      Per prima cosa afferro il pacchetto con la mano sinistra, faccio scorrere la maschera fino al braccio (pacchetto preparato in modo che a questo punto il naso della maschera sia verso la mano) e intanto afferro il tubo e lo piazzo dentro il costume.
                      Metto una pinna (se le hai a scarpetta devi prepararle per poterle calzare facilmente, risvoltando la parte posteriore) mentre l'altra la tengo ferma sul fondo con un piede o gamba o ginocchio. Infilo seconda pinna. A questo punto a me era successo di esser tornato in superficie: nessun problema, capovolta e di nuovo giù. Sono sul fondo. Infilo maschera, infilo tubo sotto il cinturino, lato sinistro della maschera (ma non lo metto in bocca), Mmmmmmm di svuotamento maschera e intanto risalgo lentamente, sono in superficie con maschera vuota, due o tre atti respiratori completi e do l'ok.
                      È stato l'esercizio più tosto che ho fatto fin'ora, corso di profonde compreso.

                      Commenta


                      • #41
                        Originariamente inviato da blo56 Visualizza il messaggio

                        Si, ma in parziale dispnea?
                        Distingui tra dispnea (svuoto i polmoni) e apnea senza trattenere eccessiva aria (riempio i polmoni senza eccedere).
                        La seconda ti da il tempo per l’esercizio e un assetto migliore con minor fatica per rimanere sul fondo

                        Commenta


                        • #42
                          Originariamente inviato da Palve Visualizza il messaggio

                          Distingui tra dispnea (svuoto i polmoni) e apnea senza trattenere eccessiva aria (riempio i polmoni senza eccedere).
                          La seconda ti da il tempo per l’esercizio e un assetto migliore con minor fatica per rimanere sul fondo
                          Ho provato così: faccio pieno di aria, capovolta in raccolta e mentre scendo butto fuori metà! Riesco a sedermi ma ho poco tempo alias poca aria dentro per completare. In realtà credo sia un fattore di testa! Devo cercare (quando riaprono gli impianti) di calcolare la giusta quantità di aria che mi serve a rimanere giù, ma giusto per acquistare sicurezza, sopratutto imparare a gestire il fastidio dell'acqua nel naso, principale mio handicapp! Per ora sto a metà esercizio! p.s. mi è quasi riuscito soffiando con forza dal naso, ma poi aria=out! Analisi dei miei errori? Grazie a chi aiuta... è per un punto di orgoglio, ci devo riuscire! Se no credo sia giunta l'ora di appendere le pinne e comprare una canna da pesca!

                          Commenta


                          • #43
                            Accc! Non si prende tanta aria e poi se ne butta fuori ma si parte con non troppa: il giusto x assetto corretto.
                            La non capacità di reggere l apnea non dipende dalla quantità di aria!!!! È il cervello che se non sei tranquillo consuma molto più dei muscoli... rilassati! In dispnea tutti fanno almeno 30’’ e in apnea almeno 1’ 30’’...
                            A fare l esercizio ci vogliono, se sei ordinato, circa 20’’

                            Commenta


                            • #44
                              Prova a contare i secondi mentalmente, da quando fai la capovolta in poi

                              Commenta

                              Riguardo all'autore

                              Comprimi

                              blo56 Per saperne di più su blo56

                              Statistiche comunità

                              Comprimi

                              Attualmente sono connessi 49 utenti. 5 utenti e 44 ospiti.

                              Il massimo degli utenti connessi: 1,037 alle 05:32 il 14-01-2020.

                              Scubaportal su Facebook

                              Comprimi

                              Sto operando...
                              X