Consigli per nuovo computer Tecnico

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Originariamente inviato da TheDoctor Visualizza il messaggio
    Mi trovo benissimo con lo OSTC 2 , strano che Blu Dive non lo abbia annoverato nelle sue scelte .
    Hai ragione, però io sono rimasto al N2 (mi pare).
    Computer ottimo (anche se allora aveva batteria ricaricabile).
    Assistenza ai massimi livelli, forse gli unici un pelo sopra Shearwater.

    Per DiveSystem confermo: bah....
    www.bludivecenter.com

    Commenta


    • #17
      Giusto per dare un contributo... io ho acquistato un RATIO IX3M PRO DEEP a dicembre. Da allora ho fatto circa una ventina di immersioni soprattutto in acqua fredda (dai 6 ai 12 gradi). Ho fatto un aggiornamento (gratuito) del software ed un aggiornamento della lingua (in italiano e sempre gratuito). Ha la batteria ricaricabile che ancora, da dicembre, non è scesa sotto l'80%. Scarico e vedo le immersioni con subsurface... che tra i free e non free è assolutamente un gran programma. Ho contattato l'assistenza 2 volte per delle curiosità e per dei suggerimenti e mi hanno risposto dopo neanche 24 ore (in italiano) via mail e via telefono. Dopo di me lo hanno comprato altri 4 miei amici (2 deep e 2 easy) ed ancora oggi sento parlare tanti che la RATIO (Dive System) va male... l'assistenza lascia desiderare etc etc etc.
      Io non so voi cosa ci fate con il computer... a me l'IX3M piace tanto... è un bel e serio computer... ha una visibilità eccezzionale... unico difetto? Ha tante funzioni... e se sono un problema...basta imparare a non usarle!
      Un consiglio??? Prima di comprare un auto nuova... io la voglio sempre provare!!!

      Commenta


      • #18
        un ottimo computer è il freedom della divesoft

        Commenta


        • #19
          Ho avuto il perdix della shearwater, ma preferisco il petrel2 come leggibilità
          Sto usando AV1 sul rebreather e non mi entusiasma la leggibilità
          Come backup uso un vecchio galileo luna che è leggibilissimo, solo che ogni tanto attribuisce deco più lunghe, anche su quadre: il primo maggio ben 8 minuti in più ed ho preferito mandarlo in sos
          Ho il vr3 che sarebbe fantastico se non fosse iperconservativo e con deepstop obbligatori (anche se basta ignorarli)
          Ottimo il profondimetro uwatec, se vai di ratio.
          Ultima modifica di darkfire; 04-05-2019, 12:20.

          Commenta


          • #20
            Piccolo aggiornamento sull'AV1, basato sugli ultimi tuffi e su qualche considerazione.

            1. se hai un mac o linux non puoi scaricare il logbook perché non sono supportati al contrario degli shearwater o del galileo
            2. le batterie vanno caricate aprendo uno sportellino stagno dotato di o-ring (nel complesso la cosa aumenta il potenziale di fallimento per infiltrazioni).
            3. la batteria non è cambiabile dall'utente ed è dichiarata per > 500 ore di utilizzo (che non sono poche), dopodiché dovrà esser fatta cambiare presso l'assistenza
            4. mancano funzioni come il +5 dello shearwater che utilizzo molto ma quello è soggettivo

            Non sono sicurissimo dei software, nel senso che dello shearwater quando escono aggiornamenti vengono riportati i bug corretti che è una nota di responsabilità dell'azienda che lo produce. Con l'av1 russo, escono ma non si sa le modifiche che apportino.

            Mi sono, invece, successe due anomalie potenzialmente gravi, nei tuffi del fine settimana ed in parte dovute alla manutenzione. La prima, nel tragitto in barca quando il computer secondario pensava di essere a 39 metri ed ho dovuto escluderlo. Il problema è nato da concrezioni sul sensore di pressione e risolto, lavandolo in acqua e aceto (problema di manutenzione). Il secondo, sul computer primario che mi fa pensare ad un problema software: prima sono scomparse le letture delle celle, obbligandomi ad usare il rebreather manualmente affidandomi alle letture del secondario ed al controllo dell'HUD ma senza poter usare il solenoide per l'iniezione dell'ossigeno. Poi il computer, in immersione si è spento, spegnendo di conseguenza anche l'hud ed ho perso ogni ridondanza. Al ritorno non c'è stato verso di mostrare nuovamente le celle ossigeno, fintanto che non ho provveduto a resettarlo alle impostazioni di fabbrica. Dopo di che, all'ultimo tuffo ha funzionato tutto in modo impeccabile. Misteri dell'elettronica

            Commenta

            Riguardo all'autore

            Comprimi

            merlino77 Per saperne di più su merlino77

            Statistiche comunità

            Comprimi

            Attualmente sono connessi 49 utenti. 0 utenti e 49 ospiti.

            Il massimo degli utenti connessi: 206 alle 19:35 il 07-09-2018.

            Scubaportal su Facebook

            Comprimi

            Sto operando...
            X