controllo remoto del manifold

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • controllo remoto del manifold

    Dopo innumerevoli inutili tentativi di cercar di ragiungere il rubinetto nel manifold del mio D15 mi sono deciso a prendere un comando remoto.
    Da anni ci pensavo ma il prezzo (più di 200 euro) mi sembrava (e mi sembra ancora) troppo esagerato per una molla passata dentro una frusta e un pezzo di acciaio lavorato al tornio a mo di rubinetto.
    Poi i vari ragionamenti sulla sicurezza, che mi hanno portato a valutare tra bombole separate (con relativa problematica legata al fatto che io uso una sonda per manometro) e acquisto del remoto, mi hanno spinto verso questa seconda alternativa.
    Devo dire che ne sono entusiasta. E' un attrezzo che spero di non usar mai ma che so che è lì sulla mia spalla destra a facilissima portata di mano, che non mi ingombra e non mi da nessun fastidio ma so che è li e che funziona perche non dipende da batterie o altre diavolerie elettroniche.
    Direi proprio soldi ben spesi
    un saluto a tutti
    Ultima modifica di Albertosixsix; 03-04-2019, 08:34.

  • #2
    ...Contento te, contenti tutti.
    In passato se ne sono rotti diversi, nel momento del bisogno... Però se ti fa stare tranquillo, hai fatto bene a spendere i soldi.
    Niente di quello che ho scritto è vero, sono uno che dice sempre bugie.

    cit: "meno male che c'e' qualcuno che ha la scienza e sa come van fatte le cose..."

    Commenta


    • #3
      credo che se lo posizioni male piegando la molla possa diventare duro ma non credo si possa rompere. tranne se si perde qualche vite di blocco ma questo con dei controlli pre immersione si può evitare

      Commenta


      • #4
        Immagino che se li vendono ancora, evidentemente c'è un perché. Io personalmente ho utilizzato il bibo separato e trovo che - se non arrivi ai rubinetti - sia la soluzione migliore, ma è un'opinione assolutamente personale; arrivando ai rubinetti poi ho montato il manifold tradizionale senza problemi.
        Niente di quello che ho scritto è vero, sono uno che dice sempre bugie.

        cit: "meno male che c'e' qualcuno che ha la scienza e sa come van fatte le cose..."

        Commenta


        • #5
          Scusate l ignoranza ma non ne conoscevo l esistenza... Un immagine?
          Grazie
          fermati..pensa.. agisci!

          Commenta


          • #6
            Secondo me hai buttato nel cesso 200€ euro.
            Ma se nel mondo ne hanno venduto forse 10 un valido motivo ci sarà?
            Se non arrivi comodamente ai rubinetti, come il sottoscritto, usa il bibo separato e prenditi due normali manometri, come fanno comunque tutti i grandi speleosub che hanno la sicurezza e ridondanza come obiettivo primario.
            Trasferire un momento torcente con una molla striminzita è pericoloso e imprevedibile.

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da telespallabob Visualizza il messaggio
              Scusate l ignoranza ma non ne conoscevo l esistenza... Un immagine?
              Grazie




              nello

              Commenta


              • #8
                Io ho scelto di andare giù con il manifold chiuso. Il mio istruttore di riferimento del diving sardo mi dice che è una scelta opinabile e che con un buon addestramento sull'uso dei rubinetti la mia è una scelta che riduce i margini di sicurezza, dando una falsa fiducia. L'istruttore del diving continentale, invece è d'accordo sulla scelta... ed in effetti quest'estate, quando sarò in sardegna, ho voglia di farne una lunga chiacchierata (all'interno del corso tec70 che ho programmato).
                Quello che mi lascia perplesso in tutta la faccenda è sempre una cosa: se salta una frusta di bassa pressione un 10+10 a mezzo carico (100 bar) si svuota in meno di un 50 secondi. A girare completamente un manifold ci metterò una decina di secondi quando il bibo è a terra e comodo da prendere... in acqua quanto ce ne metterò? non ho mai cronometrato l'operazione. Poi il tempo di individuare la perdita in base al calo sul manometro... e quella bombola per me è finita o quasi.... e nel frattempo, in quei 15 secondi nell'altra bombola sarò passato da 1000 litri a 687 (68bar). Ma, allora, non sarebbe meglio il manifold chiuso... e se succede un casino individuare immediatamente la bombola da chiudere? Avrei i 100 bar interi dell'altra e all'occorrenza, aprendo il manifold, recupererei il contenuto della prima senza tanti fastidi (sempre che sia recuperabile)... in ogni caso 100 bar sono meglio di 68...

                Sono curioso di sentire la vostra opinione.

                Commenta


                • #9
                  se lo tieni chiuso dovresti avere due manometri. lo apri solo di un giro, le bombole bilanciano cmq la pressione ed in emergenza si chiude in un attimo. in ogni caso con un po' di esperienza si capisce (seguendo la programmazione ma in ogni caso in base a tempo e profondità di immersione) se la pressione residua indicata dal manometro è standard o anomala.

                  Commenta


                  • #10
                    ed in effetti è così che faccio (doppio manometro e all'occorrenza apertura del manifold per quanto mi serve)

                    Commenta


                    • #11
                      In linea di principio un rubinetto chiuso resta chiuso fino a quando non si decide di aprirlo.
                      Ne deriva che con il manifold chiuso se non ci sono perdite la pressione non cambia e quindi in caso di una bombola inutilizzabile l' altra resta cosi' come si trovava prima.
                      Tutto cio' premesso sembrerebbe che tenere il manifold chiuso sia la cosa migliore.
                      Io lo lascio aperto poco sul d12 mentre il d10 non ha manifold ed e' come fosse sempre aperto.
                      Le mie articolazioni alle spalle sono messe malissimo e parto con l' handicap.
                      Forse quando vado da solo dovrei usare il d12 e chiudere il manifold che tanto ho comunque sempre manometro e sonda su due erogatori diversi.
                      Ma vado al mare e non conosco casi di rotture catastrofiche e sono anche abbastanza fatalista oltre che con statistiche personali decisamente favorevoli.
                      Mah. Ho valutato il comando remoto del manifold ed ho anche chiesto un preventivo ma per 200 euro ho deciso che se trovo una molla placcata oro me lo faccio da solo e ci risparmio pure.
                      A differenza di quanto ho letto credo che il dispositivo in se sia affidabile essendo concettualmente semplice. Basta che non ci siano ninnoli di plastica dentro.
                      Il prezzo mi pare a dir poco folle.
                      Continuero' alla antica maniera almeno fino a quando non sapro' dove si compra una molla in AISI316.
                      Paolo
                      Paolo

                      Commenta


                      • #12
                        io credo che la molla si possa ricavare da quella dei decespugliatori a mano. Quelli il cui gruppo si mette in spalla e la lama è collegata appunto con un flessibile

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da GardaReb Visualizza il messaggio
                          Secondo me hai buttato nel cesso 200€ euro.
                          Ma se nel mondo ne hanno venduto forse 10 un valido motivo ci sarà?
                          Se non arrivi comodamente ai rubinetti, come il sottoscritto, usa il bibo separato e prenditi due normali manometri, come fanno comunque tutti i grandi speleosub che hanno la sicurezza e ridondanza come obiettivo primario.
                          Trasferire un momento torcente con una molla striminzita è pericoloso e imprevedibile.
                          ​Ciao GardaReb.

                          Non è il primo che adotta questa "prolunga" per controllare il manifold.

                          Rispetto la tua opinione ma per me ha fatto bene.

                          Il bibo separato non la vedo la soluzione a tutto, sicuramente in certi ambienti chiusi più avere senso ma in immersioni in libera sinceramente se mi trovo a dover usare il bibo separato in questo caso adotto la configurazione "side mount".

                          Alberto aveva un reale problema, molti sottovalutano il fatto di arrivare comodamente al manifold lo danno per scontato, ma, così non è.
                          Ha trovato a mio avviso un'elegante soluzione - un pochino costosa ma approvo il ragionamento, una volta deciso per questo sistema non ha senso un "tapullo" auto costruito meglio comprare la corretta attrezzatura.

                          In passato ero anch'io scettico verso questo "gadget" ma sinceramente ora non penso che agginga criticità maggiori e di fatto semplifica la manovra.

                          Cordialmente
                          Rana

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da darkfire Visualizza il messaggio
                            Io ho scelto di andare giù con il manifold chiuso. .........
                            Ciao Darkfire.

                            Personalmente - opinione personale opinabilissima sia chiaro - a mero titolo di confronto.

                            Tra il bibo separato e il bibo con manifold io scelgo sempre il bibo con il manifold.

                            Il bibo separato non lo userei mai perché in questo caso cambierei radicalmente configurazione passando al "side mount" che reputo unaconfigurazione anni luce - ripeto anni e anni luce più sicura rispetto al bibo separato.

                            Con il bibo dotato di manifold lo uso come Paolo55.
                            Ossia leggermente aperto - circa mezzo giro - le bombole si compensano e in caso di problemi chiuderlo è un attimo.

                            Sicuramente tenere il maifold tutto aperto è un non senso, si ritarda di un tempo significativo la capacità di separare le bombole.
                            Premesso questo tenerlo chiuso a me non piace perché obblig a due manometri e io considero il doppio manometro un inutile ridondanza che apporta solo potenziali problemi e non un rale autmento della sicurezza.

                            Io comprendo chi tenendo il manifold "spuntato" (leggermente aperto) affermano che è facile arrivare a chiuderlo e per tanto il "gadget" della discussione è un di più il cui utilizzo è discutibile ma in questo caso do ragione ad Alberto.
                            Alberto parla considerando un D15 un bibo particolare che effettivamente rende un pochino più difficoltoso raggiungere il manifold, per questo trovo che in questo caso la prolunga sia un elegante soluzione.

                            Cordialmente
                            Rana

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da darkfire Visualizza il messaggio
                              ed in effetti è così che faccio (doppio manometro e all'occorrenza apertura del manifold per quanto mi serve)
                              ​Sempre e solo a titolo di confronto.
                              Io trovo che le semplicità sott'acqua sia un valore aggiunto importante.
                              Al contrario i sistemi "barocchi" (fatti da ridondanze discutibili) siano penalizzanti.

                              Due manometri + il manifold (chiuso) = apparente sicurezza ma in realtà dal mio punto di vista di porti dietro tutti i problemi legati a due manometri e al fatto che il manifold in questo caso diventa inutile dato che è chiuso e se inutile che senso ha averlo ?

                              Cordialmente
                              Rana

                              Commenta

                              Riguardo all'autore

                              Comprimi

                              Albertosixsix Per saperne di più su Albertosixsix

                              Statistiche comunità

                              Comprimi

                              Attualmente sono connessi 53 utenti. 3 utenti e 50 ospiti.

                              Il massimo degli utenti connessi: 206 alle 19:35 il 07-09-2018.

                              Scubaportal su Facebook

                              Comprimi

                              Sto operando...
                              X