Planner DECO+NDL per Android

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Ciao a tutti, grazie per le risposte. Capisco e apprezzo le buone intenzioni, ma siete andati fuori tema. Quella cosa delle immersioni no-deco in ripetitiva su una trimix l'ho scritta per spiegare a chi me lo chiedeva, il motivo per cui non posso usare tabelle classiche. Intendo comunque profili trimix "tranquilli" seguiti da immersioni no-deco altrettanto tranquille. Un altro motivo e' che le tabelle classiche sono poco articolate nella gestione delle ripetitive, nel senso che forniscono i valori di penalizzazione fino a poche ore di intervallo di superficie. Quindi per tempi superiori di intervallo, sono –- passatemi il termine -– inutilmente conservative.

    Ritornando in tema, Rana hai detto che un po' tutti i pianificatori fanno quello che voglio, ma non e' cosi’, mi spiego meglio.
    Io vorrei che immettendo un dato profilo, il software mi dia un piano deco, oppure espressamente il tempo NDL, a seconda.

    Il mio computer da immersoni (iDive) e il mio pianificatore a PC (OSTC planner) fanno esattamente questo. Quindi, se voglio conoscere il mio massimo tempo NDL per una data profondita', faccio un piano con Bottom Time = 1 minuto.

    Esempio: 18m 1' -> NDL=49'.

    Sto facendo fatica a trovare software per smartphone Android che facciano altrettanto. In genere quello che fanno, e' di mostrare un profilo deco vuoto, senza darmi il tempo NDL.
    Ultima modifica di Enri.; 06-07-2019, 21:59.

    Commenta


    • #17
      non è mia abitudine fare ripetitive, dopo la prima immersione in aria o tmx con deco non penso proprio di farne una seconda. sia per la fatica fisica dovuta alla movimentazione dell'attrezzatura, sia per la disidratazione pre e durante l'immersione. in ogni caso se proprio dopo si vuole fare un giretto @ 18 metri senza accumuli decompressivi basterebbe farlo in EAN50 ed ossigeno, in pratica "quasi" una tabella 6 preventiva...
      Ultima modifica di amrvf; 09-07-2019, 08:32.

      Commenta


      • #18
        Tempo fa, visto che dovevo andare in Thailandia per una vacanza e avevo intenzione di fare 2 full day in barca, ho scritto al DAN.

        All'epoca erano previste 3 immersioni al giorno (io ne ho fatte 2 al giorno). Anche se la risposta del DAN mi è sembrata ultra-conservativa.

        Anche a me è capitato di fare ripetute, partendo però sempre da quella più profonda.

        Immersioni in ARIA


        Questa la riposta del DAN:

        Buon pomeriggio,
        sicuramente, come ha ben fatto presente già lei, sarà molto importante osservare il fattore disidratazione aumentato a causa di fenomeni fisiopatologici legati all’immersione che modificano l’equilibrio idrico dell’organismo. E’ di estrema importanza curare attentamente la costante e abbondante idratazione del subacqueo, non solo prima delle immersioni della giornata, ma, in particolare, dopo ogni immersione ed alla fine delle immersioni del giorno.

        Riguardo al profilo di immersione ed al calcolo della risalita, il miglior metodo di prevenzione, ad oggi e fino a quando non saranno studiati algoritmi più sicuri, è quello di mantenersi ben al di sotto del 70% dei limiti massimi attualmente previsti per l'immersione ricreativa.
        Raccomandazioni chiavi da seguire al fine di un’immersione più sicura:
        -Eseguire per prima la fase più profonda dell’immersione;
        -Evitare immersioni con profili yo-yo;
        -Non effettuare entrate ripetitive nella zona 0-10 metri;
        -Ridurre la velocità di risalita a 5 metri al minuto negli ultimi 10 metri;
        -Eseguire un safety stop a 3-5 metri di profondità per almeno 5-10 minuti;
        -Eseguire un profilo di immersione senza stop decompressivi;
        -Fare un intervallo di superficie fra un’immersione e la successiva di almeno 4 ore;
        -Eseguire un massimo di 2 immersioni al giorno;
        -Almeno un intervallo di due ore prima di spostarsi ad un’altitudine maggiore;
        -Evitare un surriscaldamento della pelle dopo l’immersione ad es. prendere il sole, fare una doccia calda, una sauna;
        -Evitare di esporsi al freddo, evitare uno stato di disidratazione ed il fumo;
        -Immergersi utilizzando Nitrox (miscele iperossigenate) calcolando i tempi di immersione come se si utilizzasse una miscela di aria, chiaramente fare attenzione alla tossicità da ossigeno;
        -Computer subacquei o software speciali potrebbero ridurre il rischio, impostati ai massimi livelli di protezione. Magari può provare ad informarsi circa il tipo di computer che avrà in sede d’immersione. Qualora necessitasse di un nostro aiuto per l’impostazione dei Gradient Factors non esiti a contattarci a questo stesso indirizzo mail;
        -Evitare sforzi fisici intensi negli ultimi dieci metri di ascesa; evitare lavoro subacqueo, pinneggiare o nuotare controcorrente al termine di un’immersione;
        -Evitare di sostenere attività fisica intensa durante le due ore appena successive l’immersione.

        Rimaniamo a disposizione per eventuali interrogativi, sperando che tutto questo le possa essere di aiuto.
        Che voglio dire, già il fatto di spostare bombole a destra e manca, caricare/scaricare la macchina, etc, presuppone sforzi fisici non indifferenti (soprattutto se devi maneggiare dei bibo).

        4 ore di superficie mi sembrano un po' troppi tra un'immersione e l'altra (solitamente i diving aspettano un'oretta, quando va bene).

        Commenta


        • #19
          Originariamente inviato da amrvf Visualizza il messaggio
          non è mia abitudine fare ripetitive, dopo la prima immersione in aria o tmx con deco non penso proprio di farne una seconda. sia per la fatica fisica dovuta alla movimentazione dell'attrezzatura, sia per la disidratazione pre e durante l'immersione. in ogni caso se proprio dopo si vuole fare un giretto @ 18 metri senza accumuli decompressivi basterebbe farlo in EAN50 ed ossigeno, in pratica "quasi" una tabella 6 preventiva...
          condivido
          ripetitiva dopo tuffo trimix. non mi sembra un buona idea.
          poi se per tuffo trimix parliamo di un tuffo di 60 minuti allora bon ne possiamo anche parlare
          ma dopo un tuffo da 120 minuti e passa e già tanto che scarico il gommone.........
          http://profondeemozioni.blogspot.com...V5SQJ1vZvQ6WZR
          http://profondeemozioni.blogspot.com/

          Commenta

          Riguardo all'autore

          Comprimi

          Enri. Per saperne di più su Enri.

          Statistiche comunità

          Comprimi

          Attualmente sono connessi 56 utenti. 2 utenti e 54 ospiti.

          Il massimo degli utenti connessi: 206 alle 19:35 il 07-09-2018.

          Scubaportal su Facebook

          Comprimi

          Sto operando...
          X