gas di viaggio immersioni trimix

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #31
    Ma nessuno che fa un check a 5-10m prima di fiondarsi a 200m?
    Io sinceramente in CA scendo con il 50 fino a 5/10m (dipende) mi fermo 2 minuti, e non succede niente, faccio un test generale di tutto (tutti gli erogatori, manometri, fruste, gav, stagna, fari, computer, profondimetro.....) e poi con la miscela di fondo parto. Ci vuole più a scriverlo che farlo.
    Sinceramente faccio così anche in aria, partendo ad aria.
    Concordo che partire in ipossico non è molto indicato perché l’ipossia non la controlli.

    Commenta


    • #32
      Originariamente inviato da GardaReb Visualizza il messaggio
      Ma nessuno che fa un check a 5-10m prima di fiondarsi a 200m?
      Io sinceramente in CA scendo con il 50 fino a 5/10m (dipende) mi fermo 2 minuti, e non succede niente, faccio un test generale di tutto (tutti gli erogatori, manometri, fruste, gav, stagna, fari, computer, profondimetro.....) e poi con la miscela di fondo parto. Ci vuole più a scriverlo che farlo.
      Sinceramente faccio così anche in aria, partendo ad aria.
      Concordo che partire in ipossico non è molto indicato perché l’ipossia non la controlli.
      Ok ma io i check li faccio quando monto equipaggiamento, e a pelo d'acqua prima di scendere.
      In circuito aperto non posso pensare di fermarmi due minuti a x metri a controllare ulteriormente.
      Il piano e i tempo di fondo include solitamente anche la discesa, quindi prima scendo e più tempo ho per fondo.
      In superficie ricontrollo tutto quello che ho controllato a secco.
      Ti porto esempio di qualche settimana fa , pronti a scendere per un tuffo al lago ai controlli di superficie al mio buddy nn andava torcia primaria.
      Davanti a noi 110minuti di runtime, siamo venuti via, il lago non scappa.
      In sintesi i controlli in superficie vanno sempre fatti , farli anche sotto ....non so. Al massimo un ulteriore ok a scendere e via......
      http://profondeemozioni.blogspot.com...V5SQJ1vZvQ6WZR
      http://profondeemozioni.blogspot.com/

      Commenta


      • #33
        Il check a secco è una cosa, a pelo d'acqua un’altra, a 6m un’altra ancora. Col Reb è imprescindibile quella a 6m, anche se ho visto gente partire dalla sup., in CA consigliatissimo per me.
        Ma fermarti a ppo2 e ppn2 a 0,8 cosa vuoi che faccia per 2 min? A livello azoto è come se fossi in aria a 0m e per cns cosa vuoi accumulare?
        Io scendo quasi sempre da solo e quindi per me certe procedure sono ormai il Vangelo.

        Commenta


        • #34
          Si in reb anche il mio buddy si ferma sempre, fa tutto con calma non ha fretta....io in confronto sembro un apneista. Io sinceramente se devo fare tuffo fondo in acqua libera faccio tutto a secco e poi in superficie e poi scendo veloce. Se invece devo fare immersione in grotta facciamo i controlli a secco, in superficie, a 3 mt, e poi ci diamo anche un check quando arriviamo alla main line, però alla fine le grotte che sto facendo io sono lunghissime ma poco profonde, siamo sul bar al minuto, quindi abbiamo tutto il tempo.

          Commenta


          • #35
            Originariamente inviato da cesare Visualizza il messaggio
            tutto giusto, per me, m.demaria…...in caso corrente o mare ean 50 o 50/ che sia, sennò ipoquelcheè...unica differenza,sempre per me,.....no snorkel, ara o reb che sia...anche con reb, se corrente soprattutto, ean 50 in bocca, reb dopo….
            Con CA, se il mare non lo permette, anch'io erogatore invece di Snorkel, col reb preferisco rimanere nel circuito impostando 0.50 ppO2, così attivo bene il filtro. Questo anche a Calafuria dove magari scooteri qualche minuto per uscire dalla baia.
            TSA Trimix Instructor 70 m.
            OWI SSI

            Commenta


            • #36
              Originariamente inviato da RANA Visualizza il messaggio
              Ciao M.de_Maria.



              Leggo sempre con interesse i tuoi interventi, anche questo ma pur riconoscendo la tua esperienza e la mia non esperienza, non riesco a condividere.
              Senza polemica sia chiaro, premetto che parlo da profano e accetto e sono conscio che posso sbagliare.

              In alcune cose, per me, è una questione di metodo.
              Nel fare, nella troppa confidenza con il fare, con l'essere bravo, si annidano spesso, statistica alla mano, gli incidenti più banali.

              Credimi capisco quello che hai scritto, dico solo che imporsi delle procedure serve anche a "ribadire" - "ricordare" - "sottolineare" continuamente nel fare la presenza di alcune problematiche che se banalizzate e date per scontate - proprio per il "fare" disinvolto - si rischiano di dimenticare, sottovalutare - magari in condizioni critiche e .......



              Tu m'insegni (scusa questa espressione che detesto quando la usano con me e per tanto mi spiace usarla con gli altri) che i cambi gas sono momenti ben "codificati" con procedure atte e finalizzare a non commettere errori nella gestione delle varie miscele.
              Penso che entrambi siamo a conoscenza di incidenti (rari ma ci sono stati) avvenuti proprio per cambi sbagliati.
              Non condivido la tua espressione: "Meglio fare altro".
              E' per me un approccio semplicistico a problemi reali.
              Le procedure servono a ricordarci costantemente di prestare consapevolezza ai problemi per cui sono poste.
              Posso derogare a qualche procedura ?



              Si - penso che si possa derogare in questo caso alla "procedura" ma, secondo me, è importante avere ben chiaro che se si deroga ci deve essere un atteggiamento "rispettoso" nel senso che si deve essere consapevoli che si sta facendo qualcosa che non è la normalità e per tanto il livello di attenzione e consapevolezza deve essere alto.
              Se la deroga diventa norma e comportamento scontato, tanto in pochi secondi sono a -6 metri, per me ci si espone al rischio di "sbagliare".

              Purtroppo incidenti con miscele ipossiche si sono verificati, quelle persone non erano degli sprovveduti ma al contrario erano preparati, forse troppo sicuri di se stessi.
              Faccio oggi, faccio domani, non è mai successo nulla, dai e dai, e .......... poi sono svenuti.

              Ripeto non discuto il fatto che parti con l'ipossico, ci sta, in questo non entro nel merito ma non condivido dire che questo "modus operandi" debba essere la normalità.
              Al contrario come istruttore è per me importante insegnare standard che possano colmare anche le insidie della troppa confidenza con il fare.
              Per questo dico che è importante imporsi una miscela di superficie e poi passare all'ipossico questa è la procedura.
              Si può derogare ?
              Si ma in questo caso è importante capire se ci sono effettivamente i presupposti o è meglio non farlo.
              In questo modo si mette sempre in primo piano i problemi e non si danno per scontato.

              Cordialmente
              Rana


              Qui non si deroga a nessuna procedura: scendere con ipossico è LA MIA PROCEDURA. Mi gratto le palle, prendo il sole, nuoto e controllo in superficie col EAN50 o snorkel. Quando comincio a sgonfiare il gav prendo il 10/70 e scendo. Tutto il resto sono seghe mentali da internet.
              Come istruttore ritengo che un cambio in discesa dia più problemi che vantaggi.
              Svenuti in superficie con CA per miscele ipossiche? mi citi qualche esempio? grazie!
              Saluti.
              TSA Trimix Instructor 70 m.
              OWI SSI

              Commenta


              • #37
                Originariamente inviato da m.de_maria Visualizza il messaggio

                Qui non si deroga a nessuna procedura: scendere con ipossico è LA MIA PROCEDURA. Mi gratto le palle, prendo il sole, nuoto e controllo in superficie col EAN50 o snorkel.
                ecco questa è la risposta giusta ... la stessa cosa che stiamo comunque dicendo sia io che Rana. Non è tanto il mettere la testa sotto il pelo dell'acqua e iniziare la discesa già in ipossico ma il cazzeggiare in superficie che è pericoloso

                Commenta


                • #38
                  Non entro nel merito delle scelte di ognuno e ci mancherebbe , quello che mi sento di dire che non in un tutte le didattiche questo aspetto viene trattata con la giusta attenzione.

                  ok a partire con 10/70 ma se proprio devo respirare in superficie mi attrezzo con ean50 o snorkel anche se francamente penso si riesca a fare tutto senza, ma a parte questo, il mio punto da allievo non da istruttore è che durante un corso ipossico devi mettere cmq un giusto peso su questa fase delicate dell'immersione.
                  Poi ognuno post corso, si organizza come meglio crede ci sta tutto.

                  Però di gente con 12/60 in bocca in superficie io ne ho vista soprattutto tra gli amici dir oriented.........
                  Esempio :mare formato, caso mai decidi di vestire 3/4 stage in acqua ,anziché dalla barca, sono fasi concitate .........
                  poco focus durante i corsi???
                  per quanto mi riguarda si, almeno questa è la mia esperienza diretta
                  Ultima modifica di paolinus; oggi, 12:39.
                  http://profondeemozioni.blogspot.com...V5SQJ1vZvQ6WZR
                  http://profondeemozioni.blogspot.com/

                  Commenta


                  • #39
                    Originariamente inviato da paolinus Visualizza il messaggio
                    gente con 12/60 in bocca in superficie io ne ho vista soprattutto tra gli amici dir oriented.........
                    poco "oriented", più wannabe!

                    Commenta


                    • #40
                      Originariamente inviato da amrvf Visualizza il messaggio
                      poco "oriented", più wannabe!
                      Mmm perché dici così?
                      Non mi risulta usino gas di viaggio.....
                      Per la mix 12/60 vi ho dato anche un indizio
                      http://profondeemozioni.blogspot.com...V5SQJ1vZvQ6WZR
                      http://profondeemozioni.blogspot.com/

                      Commenta


                      • #41
                        Originariamente inviato da paolinus Visualizza il messaggio
                        Non entro nel merito delle scelte di ognuno e ci mancherebbe , quello che mi sento di dire che non in un tutte le didattiche questo aspetto viene trattata con la giusta attenzione.

                        ok a partire con 10/70 ma se proprio devo respirare in superficie mi attrezzo con ean50 o snorkel anche se francamente penso si riesca a fare tutto senza, ma a parte questo, il mio punto da allievo non da istruttore è che durante un corso ipossico devi mettere cmq un giusto peso su questa fase delicate dell'immersione.
                        Poi ognuno post corso, si organizza come meglio crede ci sta tutto.

                        Però di gente con 12/60 in bocca in superficie io ne ho vista soprattutto tra gli amici dir oriented.........
                        Esempio :mare formato, caso mai decidi di vestire 3/4 stage in acqua ,anziché dalla barca, sono fasi concitate .........
                        poco focus durante i corsi???
                        per quanto mi riguarda si, almeno questa è la mia esperienza diretta
                        Beh se hai 4 stage voglio vedere vestirti in barca! come fai a muoverti? tra l'altro normalmente due sono sul fianco e due di "naso" clippate al dring sul fianco, impossibile anche solo pensare di fare una capriola!
                        Lo scooter poi come prendi? Quando hai 4 deco e lo scooter normalmente prima ti metti lo scooter così se c'è corrente non rischi di finire chissà dove, poi il resto.
                        Ribadisco il concetto, il gas sprecato in superficie, anche solo il 50/20, non ritorna nelle bombole come per magia...
                        Ultima modifica di m.de_maria; oggi, 13:46.
                        TSA Trimix Instructor 70 m.
                        OWI SSI

                        Commenta


                        • #42
                          Originariamente inviato da m.de_maria Visualizza il messaggio
                          Qui non si deroga a nessuna procedura: scendere con ipossico è LA MIA PROCEDURA. Mi gratto le palle, prendo il sole, nuoto e controllo in superficie col EAN50 o snorkel. Quando comincio a sgonfiare il gav prendo il 10/70 e scendo.
                          Scusa, sbaglio o stiamo dicendo la stessa cosa ?

                          Originariamente inviato da m.de_maria Visualizza il messaggio
                          Tutto il resto sono seghe mentali da internet.
                          Non sono tanto seghe mentali da internet nel momento in cui chi legge può pensare di respirare una miscela ipossica quando è in superficie.

                          Un conto è dire: in superficie non respiro dall'erogatore con miscela ipossica - ma uso lo snorkel e/o l'ean 50 > poi > solo quando sono certo di scendere passo all'erogatore ipossico e scendo.

                          Un altro conto è dire: prendo l'erogatore in ipossico ed entro in acqua, tanto da li a poco scendo.
                          Questo comportamento è quello che io critico (fermo restando che posso sbagliare perché non ho esperienza in ipossico).

                          Sono due contesti diversi, molto diversi.

                          Originariamente inviato da m.de_maria Visualizza il messaggio
                          Come istruttore ritengo che un cambio in discesa dia più problemi che vantaggi.
                          Non discuto questo tuo approccio - perché hai chiarito bene il concetto, per me importante, di sottolineare comportamenti atti a evitare una possibile perdita di coscienza per ipossia.

                          Nel momento in cui affermi che in superficie tu usi lo snorkel e/o l'ean 50 hai disinnescato l'oggetto del discutere (del cordiale confronto tra me e te) dando una base plausibile ed accettabile alla tua scelta come istruttore.

                          Premesso che (questo lo sai ma permettimi di ribadirlo) l'istruttore non è libero di farsi gli standard a seconda di quello che ritiene corretto o meno.
                          Non ho nulla da eccepire a questa tua affermazione come istruttore, posso capire che come istruttore nel fare della tua esperienza possa riscontrare comportamenti che potrebbero essere "migliori" su questo non discuto ma non puoi applicarli arbitrariamente se la tua didattica non lo prevede.

                          Puoi far presente alla didattica le tue posizioni e chiedere di valutare un cambio o una modifica dello standard ma fino a "quando" questo non è messo nero su bianco dalla didattica non puoi fare quello che ritieni giusto, salvo assumertene la responsabilità se un allievo si fa male.

                          Responsabilità che dal mio personale punto di vista è inaccettabile.

                          Dipende da quello che c'è scritto nello standard della tua didattica che io non conosco.
                          Se è ammesso il fatto di prendere l'erogatore in ipossico in superficie appena si è certi di sprofondare (iniziando l'immersione e portandosi rapidamente alla quota in cui la miscela diventa respirabile) - respirando nei momenti precedenti al "via alla discesa" con lo snorkel e/o l'ean 50.
                          Bene nulla in contrario.

                          Se non è specificato questo, ma è previsto il cambio alla quota in cui diventa respirabile la miscela ipossica, il tuo fare è elusivo di un ben determinato standard e che ti piaccia o meno ne sei direttamente responsabile di quello che potrebbe succedere.

                          Originariamente inviato da m.de_maria Visualizza il messaggio
                          Svenuti in superficie con CA per miscele ipossiche? mi citi qualche esempio? grazie!
                          Saluti.
                          Guarda esempi con nomi e cognomi non so farteli.
                          So che sono successi - me ne hanno parlato persone a cui do credito ma ammetto di non poterti dare nomi, cognomi, eventi.
                          Puoi non credermi e puoi benissimo considerare questa mia posizione come una leggenda metropolitana che io mi sono immaginato per dare credito alle mie parole.
                          Non c'è problema.
                          Perdite di coscienza ne ho viste tante nell'apnea e io stesso ne sono stato vittima da aver paura solo a sentila nominare.
                          L'ipossia è una brutta bestia, non ci ragioni, non hai avvisaglie dato che l'erogatore ti fornisce volume per ventilare e la ventilazione ti sottrae (giustamente) la CO2 togliendoti ogni avviso d'allarme.
                          Sei cosciente, ridi e scherzi in superficie - tutto nel tuo fisico funziona - poi una "pinneggiatina" più del dovuto e ....... tutto diventa un piccolo puntino bianco su uno schermo spento.

                          Io posso solo spiegare la meccanica fisica del perché respirare una miscela ipossica è pericoloso - più pericoloso della condizione dell'apneista, questo non respira ma proprio per questo la CO2 sale e con essa gli stimoli e le avvisaglie di uno stato ipossico prima che questo diventi ingestibile (perdita di coscienza).
                          Chi respira ipossico non ha questi segnali (la CO2 è regolare) ma il consumo metabolico è molto variabile da individuo a individuo e anche in tempi rapidi.
                          Sono rilassato il consumo metabolico è basso ma ... se entro in stress il consumo sale esponenzialmente ....... se respiri ipossico > perdi coscienza che piaccia o meno succede.

                          Cordialmente
                          Rana





                          Commenta


                          • #43
                            Originariamente inviato da m.de_maria Visualizza il messaggio

                            Beh se hai 4 stage voglio vedere vestirti in barca! come fai a muoverti? tra l'altro normalmente due sono sul fianco e due di "naso" clippate al dring sul fianco, impossibile anche solo pensare di fare una capriola!
                            Lo scooter poi come prendi? Quando hai 4 deco e lo scooter normalmente prima ti metti lo scooter così se c'è corrente non rischi di finire chissà dove, poi il resto.
                            Ribadisco il concetto, il gas sprecato in superficie, anche solo il 50/20, non ritorna nelle bombole come per magia...
                            Io salto dalla barca con 3 stage+16+16 e scooter in mano, ovviamente con staff sveglio che ti clippa le cose addosso che sa come muoversi,
                            due di fianco e uno dietro tra le chiappe, scooter in mano e jump.

                            Lo preferisco soprattutto quando c'è corrente entro in acqua pronto e non mi devo impicciare a vestire equipaggiamento.
                            Corrente intendo corrente che si fa fatica a contrastarla anche con scooter........
                            Questo con la barca, con il gommone mi vesto in acqua .
                            Se c'e molto moto ondoso due stage sul gommone le rimanenti le vesto in acqua.
                            Cerco di fare del mio meglio
                            Ultima modifica di paolinus; oggi, 14:17.
                            http://profondeemozioni.blogspot.com...V5SQJ1vZvQ6WZR
                            http://profondeemozioni.blogspot.com/

                            Commenta

                            Riguardo all'autore

                            Comprimi

                            paolinus Per saperne di più su paolinus

                            Statistiche comunità

                            Comprimi

                            Attualmente sono connessi 51 utenti. 4 utenti e 47 ospiti.

                            Il massimo degli utenti connessi: 206 alle 20:35 il 07-09-2018.

                            Scubaportal su Facebook

                            Comprimi

                            Sto operando...
                            X