Sta scomparendo il riccio di mare in Sardegna ?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Tonnetto
    ha risposto
    Originariamente inviato da blu dive Visualizza il messaggio
    Le regole, ricci compresi, ci sarebbero già, ma se non si fanno controlli è inutile complicare ancora le cose con altri divieti. In Italia ciò che non si sa controllare (o non si ha voglia di farlo) viene vietato: e che palle!
    Proprio perché l'Italiano medio non si sa controllare e diventa "responsivo" solo se minacci di toccargli il portafoglio sono secondo me necessarie queste azioni.

    Giusto perché siamo a tema, questa è una notizia di oggi: https://www.unionesarda.it/articolo/...JbyNaLaBJ9B0OA

    Lascia un commento:


  • blu dive
    ha risposto
    Originariamente inviato da Tonnetto Visualizza il messaggio

    Concordo, ma solo in parte.

    Io non mangio ricci 5, ma questo non ha risolto il problema e non penso lo risolva visto che io vedo cosa c'è sotto al mare, il restante 97% della popolazione non conosce la gravità del problema, ma sopratutto, fintanto che l'atto stesso di praticare certi tipi di pesca, è legale non c'è niente da fare,
    vero serve una presa di coscienza da parte delle persone, ma servono anche regolamentazioni serie istituzionali. In i pescatori continueranno a pescare pur di sbarcare il lunario (hanno anche loro famiglia), e qualcuno a cui vendere il pescato stai tranquillo che lo trovano comunque.... si chiama spirito di sopravivenza.

    Il problema non si risolve con buoni propositi ma con azioni concrete da parte di istituzioni internazionali in quanto i politici pur di prendere qualche voto in più non faranno mai proposte impopolari.

    Vale per il riccio, così come per qualsiasi altro tipo di sfruttamento di specie selvagge, per non parlare della pesca industriale...

    Per conoscenza...il mediterraneo uno dei mari più sovra-pescati al mondo ...e non credo che sia colpa di qualche orata o qualche spigola o qualche cefalo che prendo in pescheria, una volta alla settimana, ad essere la causa del problema...

    Pensiamo invece alla questione dei surgelati o del pesce in scatola... si pesca sempre e comunque anche se non c'è la richiesta immediata, mentre le pescherie stanno chiudendo... ma seriamente il problema è la vendita del pesce fresco? Non scherziamo!!!

    ...se si iniziasse a regolamentare veramente la pesca industriale partendo dall'imposizione di non poter dedicare a questo tipo di attività più di un tot delle proprie quote pesca sarebbe già un inizio forte, e sopratutto ci sarebbe più pesce in mare.

    Tonnetto
    Le regole, ricci compresi, ci sarebbero già, ma se non si fanno controlli è inutile complicare ancora le cose con altri divieti.
    In Italia ciò che non si sa controllare (o non si ha voglia di farlo) viene vietato: e che palle!

    Lascia un commento:


  • Tonnetto
    ha risposto
    Originariamente inviato da nello Visualizza il messaggio



    La mia opinione personale è che finchè ci sarà richiesta i ricci veranno pescati sia legalmente che illegalmente .
    La stessa cosa possiamo vederla per i Datteri , Uccellagione , Squali , Tonni , ecc ecc
    Dobbiamo metterci in Testa che se veramente ci teniamo a Tutelare il Mare TUTTI dobbiamo fare delle scelte che possono sembrare drastiche , ma dobbiamo farlo altrimenti...

    Per la cronaca non mangio Animali Marini da almeno 4 anni .
    Concordo, ma solo in parte.

    Io non mangio ricci 5, ma questo non ha risolto il problema e non penso lo risolva visto che io vedo cosa c'è sotto al mare, il restante 97% della popolazione non conosce la gravità del problema, ma sopratutto, fintanto che l'atto stesso di praticare certi tipi di pesca, è legale non c'è niente da fare,
    vero serve una presa di coscienza da parte delle persone, ma servono anche regolamentazioni serie istituzionali. In i pescatori continueranno a pescare pur di sbarcare il lunario (hanno anche loro famiglia), e qualcuno a cui vendere il pescato stai tranquillo che lo trovano comunque.... si chiama spirito di sopravivenza.

    Il problema non si risolve con buoni propositi ma con azioni concrete da parte di istituzioni internazionali in quanto i politici pur di prendere qualche voto in più non faranno mai proposte impopolari.

    Vale per il riccio, così come per qualsiasi altro tipo di sfruttamento di specie selvagge, per non parlare della pesca industriale...

    Per conoscenza...il mediterraneo uno dei mari più sovra-pescati al mondo ...e non credo che sia colpa di qualche orata o qualche spigola o qualche cefalo che prendo in pescheria, una volta alla settimana, ad essere la causa del problema...

    Pensiamo invece alla questione dei surgelati o del pesce in scatola... si pesca sempre e comunque anche se non c'è la richiesta immediata, mentre le pescherie stanno chiudendo... ma seriamente il problema è la vendita del pesce fresco? Non scherziamo!!!

    ...se si iniziasse a regolamentare veramente la pesca industriale partendo dall'imposizione di non poter dedicare a questo tipo di attività più di un tot delle proprie quote pesca sarebbe già un inizio forte, e sopratutto ci sarebbe più pesce in mare.

    Tonnetto

    Lascia un commento:


  • nello
    ha risposto
    Originariamente inviato da Mercurio90 Visualizza il messaggio
    [

    Quindi il problema erano
    Originariamente inviato da Tonnetto Visualizza il messaggio

    Sono ormai anni, che buona parte della popolazione acclama il divieto
    con petizioni e movimenti popolari,
    La mia opinione personale è che finchè ci sarà richiesta i ricci veranno pescati sia legalmente che illegalmente .
    La stessa cosa possiamo vederla per i Datteri , Uccellagione , Squali , Tonni , ecc ecc
    Dobbiamo metterci in Testa che se veramente ci teniamo a Tutelare il Mare TUTTI dobbiamo fare delle scelte che possono sembrare drastiche , ma dobbiamo farlo altrimenti...

    Per la cronaca non mangio Animali Marini da almeno 4 anni .


    Lascia un commento:


  • Mercurio90
    ha risposto
    https://www.galluraoggi.it/cronaca/p...novembre-2019/

    Quindi il problema erano 200 persone che una volta a settimana si facevano 50 ricci.....non sono 200, vogliamo dire che sono 500 persone.... Gli sportivi poi non vanno tutte le settimane.....diciamo 1 massimo 2 volte al mese? In pratica tutti i ricci degli sportivi di tutta la stagione, sono i ricci di 2 settimane di un professionista. Bravissimi, avete proprio risolto il problema.

    P.s. i bracconieri aperto o chiusa se ne fregano, loro vanno comunque. Hanno tolto la possibilità alle brave persone di passare una giornata bella giornata di mare.

    Lascia un commento:


  • Tonnetto
    ha risposto
    Originariamente inviato da Steinoff Visualizza il messaggio
    Che tristezza... non vorrei sembrare drastico ma di fronte a situazioni estreme come questa si dovrebbe vietare completamente la pesca del riccio, con leggi di emanazione nazionale, non delibere comunali
    Sono ormai anni, che buona parte della popolazione acclama il divieto
    con petizioni e movimenti popolari, vedi [Link],
    ma solo quest'anno alcuni comuni come Sant'Antioco o Calasetta hanno iniziato a prendere coscienza del problema con le prime azioni [Link],
    che però sono state bloccate dalla Regione Sardegna [Link]
    altri invece come il comune di Buggerru continuano a proporre sagre locali che non fanno altro che dare il colpo di grazia alla risorsa [Link].

    In regione invece tutto tacce, sono consapevoli del problema, ma non hanno abbastanza palle per prendere provvedimenti.

    Il problema comunque è noto, già nel 2016, si cercavano soluzioni sostenibili al problema come l'acqua coltura [Link] e già allora si parlava di prossimo punto di non ritorno, visto che i prelievi erano troppo superiori alla disponibilità. Ora a tre anni di distanza, se entri in acqua capisci che siam messi proprio male.

    Manco le riserve di ripopolamento sono risparmiate. C'è pochissimo controllo, una buona percentuale di bracconaggio, e tanti illeciti da parte dei pescatori professionisti, che come dice Mercurio90, con sotterfugi riescono a superare di parecchio i loro massimali [Link].

    Sbiriguda Si si possono allevare, vedi il link sopra. Ma un riccio per diventare maturo, ovvero avere un diametro di almeno 5cm, necessità di 5 anni. Purtroppo però, con un tasso di crescita di 1cm all'anno, non si riesce a soddisfare la richiesta e la finiscono a pescare anche i ricci sotto taglia, sino a grattare il fondo.
    Ultima modifica di Tonnetto; 06-11-2019, 00:52.

    Lascia un commento:


  • Steinoff
    ha risposto
    Che tristezza... non vorrei sembrare drastico ma di fronte a situazioni estreme come questa si dovrebbe vietare completamente la pesca del riccio, con leggi di emanazione nazionale, non delibere comunali

    Lascia un commento:


  • Mercurio90
    ha risposto
    Originariamente inviato da Sbiriguda Visualizza il messaggio
    Domanda ignoranza… i ricci di mare possono essere allevati? Perché a quel punto si potrebbe contingentare il prelievo dei ricci in natura o anche abolirlo e consentire solo la vendita di ricci da allevamento
    Ci sono delle sperimentazioni in atto finalizzate al ripopolamento.

    Lascia un commento:


  • Sbiriguda
    ha risposto
    Domanda ignoranza… i ricci di mare possono essere allevati? Perché a quel punto si potrebbe contingentare il prelievo dei ricci in natura o anche abolirlo e consentire solo la vendita di ricci da allevamento

    Lascia un commento:


  • Tonnetto
    ha risposto
    Il problema dell'abusivismo è solo quota parte. La risorsa impiega 5 anni a diventare matura ma con i ritmi dei prelievi non c'è abbastanza tempo. Ed i ricci prelevati son sempre più piccoli. Se non questa anno, l'anno prossimo verrà prelevato l'ultimo riccio. È sotto gli occhi di tutti ma le amministrazioni regionali hanno deciso di voltarsi e non guardare in faccia al problema.

    Lascia un commento:


  • Mercurio90
    ha risposto
    Originariamente inviato da nello Visualizza il messaggio
    "Il Riccio di mare è in via di rapida rarefazione, in particolare nei mari sardi, a causa del pesante prelievo a fini gastronomici, tant’è che sempre più ristoratori, giustamente, li escludono dai propri menù. Imperversa il prelievo abusivo e non si contano i sequestri da parte delle Forze dell’ordine.

    La situazione è molto simile anche in altre località italiane."

    continua al link
    È una distruzione autorizzata. Il pescatore professionista può svuotare un'intera cala in maniera autorizzata. E non accontentandosi preleva anche oltre quanto è autorizzato. Io stesso ho fatto delle segnalazioni, e sono stati trovati doppi fondi nelle barche, furgoni stracolmi, ricci sottomisura. Però nell'ultima autorizzazione era importante togliere giornate agli sportivi che si fanno due ricci da mangiare in famiglia. Fatevi 2 conti di quanto possono incidere gli appassionati e quanto invece i bombolari

    Lascia un commento:


  • nello
    ha iniziato la discussione Sta scomparendo il riccio di mare in Sardegna ?

    Sta scomparendo il riccio di mare in Sardegna ?

    "Il Riccio di mare è in via di rapida rarefazione, in particolare nei mari sardi, a causa del pesante prelievo a fini gastronomici, tant’è che sempre più ristoratori, giustamente, li escludono dai propri menù. Imperversa il prelievo abusivo e non si contano i sequestri da parte delle Forze dell’ordine.

    La situazione è molto simile anche in altre località italiane."

    continua al link

Riguardo all'autore

Comprimi

nello Per saperne di più su nello

Statistiche comunità

Comprimi

Attualmente sono connessi 55 utenti. 7 utenti e 48 ospiti.

Il massimo degli utenti connessi: 1,037 alle 06:32 il 14-01-2020.

Scubaportal su Facebook

Comprimi

Sto operando...
X