ScubaZone n. 39

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • ScubaZone n. 39

    https://www.scubazone.it/mag/scubazone-n-39/


    Sommario di ScubaZone n.39

    • DESK
      • Un adeguamento necessario di Marco Daturi
    • NEWS
    • BIOLOGIA
      • Fotografare cosa, fotografare dove (II parte) di Massimo Boyer
      • Meduse Mediterranee di Francesco Turano
      • Il misterioso Carassio di Adriano Marchiori e Massimo Boyer
    • VIAGGI
      • Madagascar, rotta a sudovest di Luigi Del Corona e Cristina Ferrari
      • Gli angeli custodi di Sharm El Sheikh di Ornella Ditel
      • Nosytour: il viaggio subacqueo 2.0
      • Maldive di Paolo Fossati
      • I top Tours di Albatros Top Boat Indonesia: Thalassa Dive Resort – Manado e Lembeh
      • Bimini e Tiger Beach
    • IMMERSIONI
      • La notte dei 700 squali di Laurent Ballesta
      • Scirè, l’ultima missione (parte II) di Cesare Balzi
      • Nella miniera sommersa di Alessio Tenenti
      • La secca della Formica di Santa Flavia (PA): “l’Isola sommersa del corallo nero” di Giovanni Laganà
    • RIFLESSIONI
      • Solo vs. Team diving di Mark Powell
    • VIDEO/FOTO SUB
      • Flash YS-D2J l’ultima generazione
      • Muck dives 1 di Claudio Ziraldo
      • Galathea 2018, cronache dalla giuria di Massimo Boyer
    • ATTREZZATURA
      • Subea, la nascita di un marchio di Massimo Boyer
      • Case history: Garmin Descenttm MK1 di Marco Daturi
      • Gav Aqua Lung Outlaw: prima prova di Marco Daturi
      • Computer Scubapro G2: prime impressioni di Marco Daturi
    • SALUTE
      • Il morso di un leone marino di Marty McCafferty
    • OPERATORI
      • Qualche numero su l’AMP di Ustica di Alessandro Ruju, Giovanni Laganà e Alice Marchetto
      • Diving Biodivers a Porto Azzurro: immersioni, biologia marina, educazione ambientale di Chiara Luciani
    • RELAX
      • LIBRI – La scienza del respiro recensione a cura di Massimo Boyer
      • 3 cernie da un milione di dollari di Claudio Di Manao
      • FUMETTI – di Beatrice Mantovani








    ScubaZone n. 39 ScubaZone è il vostro magazine di subacquea e lifestyle, nella doppia versione, cartacea e digitale. Il magazine di subacquea più letto in
    nello

  • #2
    Forse sarebbe il caso di aprire un serio dibattito sullo skark feeding invece di pubblicizzare acriticamente quel tipo di immersioni.
    www.liberisub.it
    Boicottate le mute cilicio industriali ed artigianali fatte con materiali scadenti e confezionate in modo approssimativo: le buone mute possono esistere http://www.poverosub.com/forum5/viewtopic.php?t=29273

    Commenta


    • #3
      Bene, vedo che anche Scubazone si è adeguato al fatto che se non metti da qualche parte, in bella vista, un marcatore direzionale da speleosubacquea non sei degno di attenzione da parte del pubblico.
      www.filoariannadive.com

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da reato Visualizza il messaggio
        Bene, vedo che anche Scubazone si è adeguato al fatto che se non metti da qualche parte, in bella vista, un marcatore direzionale da speleosubacquea non sei degno di attenzione da parte del pubblico.

        Ciao, in realtà le due line arrow sono il logo di ScubaZone dalla nascita, uno per la S e uno per la Z... e la speleo era ben presente dall'inizio, forse ora meno.
        http://www.daturi.com

        Commenta


        • #5
          Eeeeee... me ne sono accorto solo adesso!!!!
          Sarà che presto più attenzione a pubblicazioni tipo Playboy piuttosto che alle riviste di subacquea...
          www.filoariannadive.com

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da reato Visualizza il messaggio
            presto più attenzione a pubblicazioni tipo Playboy
            MIII quanto sei antico!

            "Non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza!" [Arthur Bloch]
            "Chi semina raccoglie, ma chi raccoglie si china...
            ... e a quel punto è un attimo..." [ignoto]

            Commenta


            • #7
              Ah, quella è roba sempre di moda.
              www.filoariannadive.com

              Commenta


              • #8
                Bel numero, come sempre del resto. Grazie.
                “Call me Ishmael. Some years ago - never mind how long precisely - having little or no money in my purse, and nothing particular to interest me on shore, I thought I would sail about a little and see the watery part of the world."

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da M. Visualizza il messaggio
                  Forse sarebbe il caso di aprire un serio dibattito sullo skark feeding invece di pubblicizzare acriticamente quel tipo di immersioni.
                  In realtà l´articolo era estremamente interessante (oltre al fatto che viene scritto esplicitamente che non fanno skark feeding, ma ricerca.)
                  L´immagine di copertina è favolosa,oltre alle altre immagini delle cernie!

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da Schiccia Visualizza il messaggio
                    (oltre al fatto che viene scritto esplicitamente che non fanno skark feeding, ma ricerca.)
                    Mi riferivo all'articolo su Fuvahmulah dell'altro numero, e alle Bahamas di questo. Nessuna ricerca, anzi l'ecosistema viene pesantemente alterato.
                    www.liberisub.it
                    Boicottate le mute cilicio industriali ed artigianali fatte con materiali scadenti e confezionate in modo approssimativo: le buone mute possono esistere http://www.poverosub.com/forum5/viewtopic.php?t=29273

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da M. Visualizza il messaggio

                      Mi riferivo all'articolo su Fuvahmulah dell'altro numero, e alle Bahamas di questo. Nessuna ricerca, anzi l'ecosistema viene pesantemente alterato.
                      O...stiamo parlando di due articoli diversi....io mi riferivo a quello dei 700 squali (Pag. 40). Ricerca sulla riproduzione delle cernie. Tu a quello di Pag 38 di Bimini.
                      Per l´articolo di Bimini non posso che darti ragione.

                      Secondo me comunque dipende da Cosa spinge il singolo Sub ad andare in acqua. Vai per vedere gli squali o per vivere l´ambiente?
                      Io di mio non andrei mai a fare skark feeding perchè è una mancanza di rispetto verso gli animali stessi.
                      poi ogniuno fa quel che vuole

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da Schiccia Visualizza il messaggio
                        .io mi riferivo a quello dei 700 squali (Pag. 40)
                        Che è un comportamento del tutto naturale ...

                        Vai per vedere gli squali o per vivere l´ambiente?
                        Almeno a Fuvahmulah gli squali, tigre compesi, li vedevi lo stesso.

                        poi ogniuno fa quel che vuole
                        Brutto però vedere didattiche (ogni riferimento a Padi è voluto) ed altri soggetti avallare queste cose.

                        www.liberisub.it
                        Boicottate le mute cilicio industriali ed artigianali fatte con materiali scadenti e confezionate in modo approssimativo: le buone mute possono esistere http://www.poverosub.com/forum5/viewtopic.php?t=29273

                        Commenta

                        Riguardo all'autore

                        Comprimi

                        nello Per saperne di più su nello

                        Statistiche comunità

                        Comprimi

                        Attualmente sono connessi 29 utenti. 2 utenti e 27 ospiti.

                        Il massimo degli utenti connessi: 187 alle 19:54 il 05-01-2017.

                        Scubaportal su Facebook

                        Comprimi

                        Sto operando...
                        X