Stagna: Neoprene VS Trilaminato?

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Originariamente inviato da m.de_maria Visualizza il messaggio
    inverno+temperate: trilaminato
    inverno+ acque fredde: trilaminato
    ​estate+temperate: trilaminato
    Concordo! Io ho una Rofos 350 e ti assicuro che sono i soldi spesi meglio nella subacquea. Con due sottomuta fai praticamente tutto l'anno. Mi sono immerso in lago a 9 gradi e nel Mediterrareo fino a 23 gradi. Comoda da indossare e asciuga velocemente. Per l'inverno ho preso un sottomuta della Rofos in polartec equivalente ad un 400 grammi e per l'estate ho un sottomuta della Mares da 100 gr. Per le stagioni intermedie cambio semplicemente l'intimo termico.
    Sto parlando di immersioni di massimo 60 min circa.

    Commenta


    • #17
      mi accodo, ma più che altro per leggere.

      Io, comunque, ho una neoprene jdry fatta su misura, antitaglio e con garanzia totale di due anni (che copre anche danni provocati dall'utilizzatore). E' la mia prima stagna per cui non ho metri di paragone salvo il fatto che stia diventando nel diving/associazione in cui faccio buona parte delle immersioni la muta standard sia per i proprietari/istruttori che per molti soci e tutti sono felici, asciutti e caldi.
      Di contro gli altri, non passa domenica in cui uno non se ne esce con "oggi mi colava acqua dal collo", "oggi entrava dai polsini", "oggi dal sedere", ecc. Penso, però, che la cosa sia legata ancora alla gioventù di queste mute, nel senso che buona parte sono nuove, per cui si comportano meglio delle altre datate che cominciano a presentare perdite.
      Quello che ho visto è che io ci patisco il caldo, specie con il sottomuta mares xr (tant'è che ho dovuto cambiarlo con un lavacore perché ero fradicio di sudore ogni volta). Di contro un amico con una stagna trilaminato scubapro e lo stesso sottomuto ogni volta usciva tremante (ok è una cosa soggettiva, ma io sudavo) e all'uscita dai tuffi tecnici quelli con le neoprene come la mia uscivano tranquilli, gli altri con le trilaminato... freddi (magari avendo pure gli scaldini).
      Quello che non mi piace per niente del neoprene della mia stagna, invece è il modo in cui varia l'assetto negli ultimi 3 metri: si espande veramente molto: pur essendo un 5mm si espande molto di più del 7 mm della semistagna, pur lasciandola collassata e con valvola aperta (ovviamente una stagna ha più neoprene di una semi). Sono certo che con una trilaminato potrei togliere diversi kg e vedo che quasi tutti quelli che hanno preso quel modello hanno dovuto aumentare di un paio di kg i piombi, rispetto alle neoprene che usavano in precedenza.

      Commenta


      • #18

        Originariamente inviato da darkfire Visualizza il messaggio
        mi accodo, ma più che altro per leggere.
        Penso, però, che la cosa sia legata ancora alla gioventù di queste mute, nel senso che buona parte sono nuove, per cui si comportano meglio delle altre datate che cominciano a presentare perdite.
        Può essere....

        Originariamente inviato da darkfire Visualizza il messaggio
        Di contro un amico con una stagna trilaminato scubapro e lo stesso sottomuto ogni volta usciva tremante (ok è una cosa soggettiva, ma io sudavo) e all'uscita dai tuffi tecnici quelli con le neoprene come la mia uscivano tranquilli, gli altri con le trilaminato... freddi (magari avendo pure gli scaldini).
        Questo è normale. Con il medesimo sottomuta, è normale che il neoprene faccia più caldo visto lo spessore Con il trilaminato il sottomuta si usa anche d'estate

        Originariamente inviato da darkfire Visualizza il messaggio
        Quello che non mi piace per niente del neoprene della mia stagna, invece è il modo in cui varia l'assetto negli ultimi 3 metri: si espande veramente molto: pur essendo un 5mm si espande molto di più del 7 mm della semistagna, pur lasciandola collassata e con valvola aperta (ovviamente una stagna ha più neoprene di una semi). Sono certo che con una trilaminato potrei togliere diversi kg e vedo che quasi tutti quelli che hanno preso quel modello hanno dovuto aumentare di un paio di kg i piombi, rispetto alle neoprene che usavano in precedenza.
        Peculiarità tipica della muta in neoprene, anche se ormai con il neoprene precompresso questo fenomeno dovrebbe essere ridotto.
        YouTube

        Commenta


        • #19
          Io usavo una DS in neoprene, che ora tengo come "scorta", ho comprato usata una DUI in neoprene, mi ci trovo benissimo; secondo me alla lunga quelle in neoprene restano più robuste e facilmente riparabili.
          Niente di quello che ho scritto è vero, sono uno che dice sempre bugie.

          cit: "meno male che c'e' qualcuno che ha la scienza e sa come van fatte le cose..."

          Commenta


          • #20
            Originariamente inviato da Lorescuba Visualizza il messaggio
            Io usavo una DS in neoprene, che ora tengo come "scorta", ho comprato usata una DUI in neoprene, mi ci trovo benissimo; secondo me alla lunga quelle in neoprene restano più robuste e facilmente riparabili.
            Eccetto per il fatto che il neoprene è più facile da riparare,

            da neofita (ed ignorante) avrei detto che il neoprene fosse sicuramente più comodo in acqua e morbido ma più soggetto ad usura, mentre il Trilaminato più durevole ma più rigido.

            Curiosità con il trilaminato invece come ti sei trovato?


            YouTube

            Commenta


            • #21
              Io ho una stagna in trilaminato....non ho avuto la possibilità di provare una in neoprene...per quanto riguarda la vestizione non c'è paragone...i miei compagni ci devono perdere tempo farsi aiutare.....io la vesto in gommone o all'ultimo secondo...penso in 20/30 secondi massimo....a secco ci potrei correre la corsa campestre talmente è comoda, in acqua con la giusta aria dentro non si sente minimamente....con il neoprene alcuni lamentano costrizione nei movimenti sia a terra che in acqua....di contro penso che quella in neoprene sia più semplice da usare....essendo più aderente si immette meno aria, si sposta meno aria si deve gestire meno espansione in risalita....comunque niente di ingestibile o estremamente difficoltoso

              Commenta


              • #22
                Il trilaminato l'ho usato solo un paio di volte, con mute "a noleggio". Non sono sufficienti a dare un parere. Però, con il trilaminato, se hai una perdita, devi controllare le bandellature interne, non sempre il buco è dove entra l'acqua. Con il neoprene di solito le cuciture sono spalmate e questo problema non c'è, ad esempio. La mia scelta, a parte la prima muta, comprata per tuffi rec, è stata solo per opportunità e non per una scelta precisa. Ma non mi sono mai pentito.
                Niente di quello che ho scritto è vero, sono uno che dice sempre bugie.

                cit: "meno male che c'e' qualcuno che ha la scienza e sa come van fatte le cose..."

                Commenta


                • #23
                  Il trilaminato è più versatile, perché non avendo alcuna protezione termica, lo puoi utilizzare praticamente tutto l'anno, cambiando solo il sottomuta. Inoltre è più comodo da indossare. Di contro è più costoso e il "feel" è diverso da ciò a cui si è abituato (umida). La galleggiabilità del trilaminato non cambia mai, anche se con le moderne mute in neoprene pre-compresso, il problema non si avverte più di tanto.
                  Io credo che in realtà la condizione che porti a scegliere l'una o l'altra muta (ammenoche' la scelta non sia dettata da fattori tecnici, e quindi sia obbligatorio usare il trilaminato) sia guidata dalla "sensazione addosso". Conosco persone che pur avendo provato diverse volte il trilaminato, sono sempre tornate al neoprene, perché la mancanza di elasticità del trilaminato fa sentire la muta addosso in modo molto differente, anche quando c'è sufficiente aria dentro.
                  Io personalmente uso una muta in trilaminato, una volta abituati, è come indossare un vestito... le uniche note negative sono: la zavorra e il caldo fuori dall'acqua nei periodi più caldi, questi due motivi sono sufficienti a farti ovviamente utilizzare una umida d'estate, ma dentro l'acqua non doversi più curare della temperatura anche se fai 3 tuffi al giorno, è un vantaggio non da poco.

                  Commenta


                  • #24
                    Originariamente inviato da npole Visualizza il messaggio
                    Il trilaminato è più versatile, perché non avendo alcuna protezione termica, lo puoi utilizzare praticamente tutto l'anno, cambiando solo il sottomuta. Inoltre è più comodo da indossare. Di contro è più costoso e il "feel" è diverso da ciò a cui si è abituato (umida). La galleggiabilità del trilaminato non cambia mai, anche se con le moderne mute in neoprene pre-compresso, il problema non si avverte più di tanto.
                    Io credo che in realtà la condizione che porti a scegliere l'una o l'altra muta (ammenoche' la scelta non sia dettata da fattori tecnici, e quindi sia obbligatorio usare il trilaminato) sia guidata dalla "sensazione addosso". Conosco persone che pur avendo provato diverse volte il trilaminato, sono sempre tornate al neoprene, perché la mancanza di elasticità del trilaminato fa sentire la muta addosso in modo molto differente, anche quando c'è sufficiente aria dentro.
                    Io personalmente uso una muta in trilaminato, una volta abituati, è come indossare un vestito... le uniche note negative sono: la zavorra e il caldo fuori dall'acqua nei periodi più caldi, questi due motivi sono sufficienti a farti ovviamente utilizzare una umida d'estate, ma dentro l'acqua non doversi più curare della temperatura anche se fai 3 tuffi al giorno, è un vantaggio non da poco.
                    concordo pienament.In estate ho un sottomuta da 100 gr sotto e mi torna benissimo

                    Commenta


                    • #25
                      Con quella in neoprene l'anno scorso in sardegna usavo braghette da bagno e maglietta da calcetto come sottomuta...Se lo fai con il trilaminato quando esci sembra che ti hanno frustato per i segni che ti trovi addosso.
                      Niente di quello che ho scritto è vero, sono uno che dice sempre bugie.

                      cit: "meno male che c'e' qualcuno che ha la scienza e sa come van fatte le cose..."

                      Commenta


                      • #26
                        Originariamente inviato da Lorescuba Visualizza il messaggio
                        Con quella in neoprene l'anno scorso in sardegna usavo braghette da bagno e maglietta da calcetto come sottomuta...Se lo fai con il trilaminato quando esci sembra che ti hanno frustato per i segni che ti trovi addosso.
                        Col trilaminato puoi usare l'intimo tecnico e non ti resta nessun segno da sfregamento... ma non ha comunque senso. Io l'ho fatto una volta ed è come entrare in acqua senza muta (parlando di temperatura). Anche nelle acque caldissime utilizzerai comunque un sottomuta che avrà uno spessore che consenta di trattenere un minimo di calore. Il problema non si pone.

                        Commenta

                        Riguardo all'autore

                        Comprimi

                        Tonnetto Per saperne di più su Tonnetto

                        Statistiche comunità

                        Comprimi

                        Attualmente sono connessi 26 utenti. 2 utenti e 24 ospiti.

                        Il massimo degli utenti connessi: 187 alle 19:54 il 05-01-2017.

                        Scubaportal su Facebook

                        Comprimi

                        Sto operando...
                        X