Sonar portatile

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Sonar portatile

    Altro gadget fighissimo e inutile
    https://www.amazon.com/Vexilar-Inc-H...ywords=vexilar
    Questo tipo di sonar pare che venga usato nella subacquea e nell'apnea. E' simile a quello che si usare per individuare i pesci nella pesca. Non serve per individuare i pesci, non è abbastanza preciso. Potrebbe funzionare per identificare un dive buddy se ci si perde di vista in condizioni di scarsa visibilità. Ma soprattutto per orientarsi rispetto al fondale. Su questo pare che sia preciso invece.
    Qualcuno lo ha mai visto usare in Italia? In Liguria non ha molto senso, può darsi che usano aggeggi simili quelli che vanno nelle grotte

  • #2
    Ciao Sbiriguda,
    Ho avuto modo di usarlo.

    Anni fa (circa 12 anni più o meno - è un po di anni che esiste questo apparecchio) durante un corso immersione profonda in aria tenuto al lago, a cui ho partecipato come istruttore (in totale di tre istruttori) mi è stato dato il compito di calare il trapezio.

    Dicesi trapezio: due cime zavorrate - che scendono parallele fino alla quota prevista per l'esercitazione, intervallate da sbarre orizzontali a determinate quote.

    Al lago si ha il vantaggio di poter partire da riva e trovare subito la quota "bersaglio", ma dovevamo predisporre il trapezio (che fungeva da palestra e da stazione decompressiva e per la gestione di eventuali emergenze - per farlo avevo a disposizione una barca di alluminio, l'aiuto della mia compagna e questo sonar portatile per trovare la quota esatta a cui calare (strumento che mi era stato prestato uno degli istruttori patito di tecnologia).

    Dovevamo calare a seconda dell'immersione a -45 / -50 / -55 metri.
    Era necessario conoscere la battimetrica altrimenti c'era il pericolo di calare e non avere fondo a sifficienza - oppure calare ed avere troppo fondo.
    Lo standard prevedeva un fondale a non più di 5 metri più profondo dalla quota bersaglio (questo per ragioni di sicurezza (male che vada l'allievo si sarebbe fermato sul fondo di certo non poteva scavare ).

    In quell'occasione lo strumento si rivelò fantastico misurava la profondità con estrema precisione e l'uso era veramente molto semplice.
    Si metteva in acqua la testa vicino al display puntando il fondo, si schiacciava il pulsante e si leggeva la profondità sul display.
    In tutte le prove che ho fatto ho riscontrato un ottima precisione nella misurazione della profondità.
    In quell'occasione si rivelò molto ma molto utile per localizzare la battimetrica esatta a cui calare il trapezio, programmare ed eseguire l'esercitazione.
    Giudizio personale un 10 pieno.

    Non ho avuto modo di usarlo sott'acqua per cui non so dirti nella pratica di un immersione l'utilità vera.

    Sono convinto, sulla base della mia esperienza, che questo strumento non permette di localizzare un subacqueo, emette un impulso acustico e registra il rimbalzo sul fondale - o, se usato in orizzontale il rimbalzo contro una parete, non penso che abbia una precisione tale da individuare l'eco della sagoma di un subacqueo sempre ammesso che sia possibile puntare un subacqueo con questo strumento - potrei sbagliare ma sono abbastanza sicuro.

    Come bombolaro non vedo un grande vantaggio nell'uso subacqueo relativo all'orientamento, penso che sia un "gadget" interessante qualora sia necessario conoscere con precisione la battimetrica.
    L'uso in orizzontale per orientarsi non mi convince.
    Personalmente l'orientamento subacqueo lo baso su altri aspetti e non ho mai sentito la necessità di un tale strumento, con questo ammetto che potrebbe comunque essere interessante soprattutto in immersioni esplorative - permetterebbe di capire se intorno a noi ci sono secche o cigliate, per esempio .

    Per un apneista penso che sia uno strumento molto interessante (dato che permette di sapere la profondità) anche se non l'ho mai visto usare dagli apneisti.

    Cordialmente
    Rana
    Ultima modifica di RANA; 08-01-2019, 12:52.

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da Sbiriguda Visualizza il messaggio
      Potrebbe funzionare per identificare un dive buddy se ci si perde di vista in condizioni di scarsa visibilità.
      Ne dubito... visto che implicherebbe l'essere in grado di puntarlo su di lui...

      Originariamente inviato da Sbiriguda Visualizza il messaggio
      Ma soprattutto per orientarsi rispetto al fondale. Su questo pare che sia preciso invece.
      Relativamente... credo che sia più utile fuori dall'acqua, che dentro, magari al barcaiolo per verificare la battimetrica in assenza di un ecoscandaglio a bordo,

      Originariamente inviato da Sbiriguda Visualizza il messaggio
      Qualcuno lo ha mai visto usare in Italia? In Liguria non ha molto senso, può darsi che usano aggeggi simili quelli che vanno nelle grotte
      Sinceramente non ne vedo l'applicazione se non per usarlo come si farebbe con il metro laser a secco, magari per scopi cartografici.
      YouTube

      Commenta


      • #4
        può essere usato per individuare il relitto/secca nelle vicinanze se il barcaiolo ha sbagliato ancoraggio?

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da guaivor Visualizza il messaggio
          può essere usato per individuare il relitto/secca nelle vicinanze se il barcaiolo ha sbagliato ancoraggio?
          ​Non penso.
          E' uno strumento che non ha la capacità di dare una definizione all'eco di ritorno e tracciare un profilo e/o un andamento del fondale.
          Manda un onda acustica e ne rileva l'eco contro qualcosa al semplice fine di calcolare la distanza tra la sorgente (lo strumento) e il punto di riflessione dell'eco (punto che è una superficie secondo me ampia e indefinita).

          Per intenderci è tanto come il sensore di parcheggio delle auto solo che è un pochino più preciso nella misura.

          Ovviamente si può pensare di mappare una zona con una serie di "ping" e registrare le quote fino a definire il fondale a tal punto da poter intravedere l'innalzamento del relitto ma questo uso è teorico nella pratica è improponibile e tremendamente complesso - i "ping" da rilevare sarebbero tantissimi e andrebbero contestualizzati su una cartina insomma ... - lo escluderei.

          Penso al limite che un uso interessante potrebbe essere sott'acqua - ipotizza di finire su un fondale piatto, mancando il relitto, questo strumento potrebbe permettere la localizzazione del relitto con una serie di ping in orizzontale cercando l'eco di ritorno contro la murata stessa del relitto.

          Diciamo che se ce l'hai e te lo porti dietro potrebbero esserci contesti in cui usarlo ma sinceramente io non lo comprerei mai per questo fine.

          Come ha detto Tonnetto, io lo acquisterei per un uso in superficie al fine di rilevare la profondità.

          Cordialmente
          Rana

          Commenta


          • #6
            Per curiosità c'è un computer della Dyve System, in realtà a produrre il computer è la "Ratio Dive Computers" società fondata da Dyve System che produce uno strumento che ha perfino il magnetometro.

            http://www.ratio-computers.com/it/ix...m_gps_tech.htm

            ​Riporto dal sito sopra citato:

            Magnetometro
            Stai forse cercando qualcosa di grosso e ferroso?

            L'iX3M è in grado di rilevare il campo magnetico terrestre e le sue variazioni elettromagnetiche provocate da materiali ferromagnetici




            Ecco se il problema è rilevare un grosso relitto sommerso in questo caso, ora capisco il perché di questo "gadget" inserito in un computer subacqueo.



            Cordialmente
            Rana


            Ultima modifica di RANA; 08-01-2019, 16:13.

            Commenta


            • #7
              Premesso questo io rimango tradizionalista.
              Confido di più nelle doti dei barcaioli bravi.

              Anni fa siamo andati a San Remo attratti da due relitti, il primo un BR20 (spero che la sigla dell'aereo sia corretta vado a memoria - era il relitto di un aereo) il secondo un relitto di una nave chiamata la nave dei gronghi dato che li si era stabilita diciamo una colonia di grossi gronghi.

              Siamo partiti, a un certo punto in mare aperto il barcaiolo, gira il timone, scoda la barca, corre alla plancetta di prua prende l'ancora e la lancia.
              Attende, verifica, dopo di che attacca un grosso pallone a segnalare la cima di discesa - dicendoci di prepararci - che eravamo giunti.

              Noi gli chiediamo se era sicuro, il relitto dell'aereo era grosso come due macchine non di più.
              Lui sorride e ci dice di fidarci.

              Scendiamo, con nostro stupore e molta sorpresa - costatammo che l'ancora era caduta nella cabina del relitto.

              Niente ecoscandaglio, niente GPS o magnetometro, solo tanta esperienza in mare e quel giorno un grosso colpo di "fortuna"


              Cordialmente
              Rana

              Commenta


              • #8
                Ahhhhh,.
                dimenticavo il computer che ho citato penso che riesca a sostituire anche il "bimbi" in cucina



                Cordialmente
                Rana

                Commenta


                • #9
                  Una volta si andava in mare usando le mire e nei casi piu' fortunati uno scandaglio rotante che dava la profondita' come punto luminoso. I piu' fortunati avevano uno scandaglio scrivente che costava qualche stipendio di un impiegato. Oggi con la cartografia e con il gps e' molto piu' facile ma le singole schermate dell' ecoscandaglio ricordano la storia dello strumento un versione mono, bidimensionale ed avolte tridimensionale. La tecnologia evolve. L'ecoscandaglio a punto e' diventato digitale e portatile e puo' essere utile. Non ci si ricorda piu' di come si faceva senza ...
                  In acqua torbida mi fiderei di piu' di una bussola e poiche' vado in acqua per divertirmi in quel caso me ne starei in poltrona
                  Ciao
                  Paolo
                  Paolo

                  Commenta


                  • #10
                    Io l'ho usato nella realizzazione della cartografia di una grotta.
                    www.filoariannadive.com

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da reato Visualizza il messaggio
                      Io l'ho usato nella realizzazione della cartografia di una grotta.

                      azzopè
                      sei un uomo di risorse, non avevo dubbi
                      ma adesso ci devi raccontare i dettagli, sta roba è intrigante.
                      BLOG
                      https://claudiodimanaoblog.blogspot.com/

                      Commenta


                      • #12
                        Non si tratta altro che di misurare determinate distanze da riportare poi, nella opportuna scala, nel rilievo.
                        www.filoariannadive.com

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da reato Visualizza il messaggio
                          Non si tratta altro che di misurare determinate distanze da riportare poi, nella opportuna scala, nel rilievo.
                          Mi sembra di capire che questo tipo di impiego ha senso, mentre usarlo in acqua durante un'immersione no

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da Sbiriguda Visualizza il messaggio
                            Mi sembra di capire che questo tipo di impiego ha senso, mentre usarlo in acqua durante un'immersione no
                            ​Io, non lo considero un "gadget" inutile.
                            Le cose inutili sono altre.

                            Questo non vuol dire che sento il bisogno di comprarlo, anzi, non me ne frega nulla averlo, non perché inutile di per se e in se, ma, per il solo fatto che a me non serve.

                            In passato come ho detto si è rivelato utile per un ben preciso scopo, in quell'occasione un istruttore ce lo aveva e ne ho potuto apprezzare l'utilità in quella specifica necessità.

                            Misura la distanza tra lo strumento e un punto in grado di riflettere l'onda sonora che emette, se questa sua funzione ha per te un significato perché risolve un problema che altrimenti sarebbe più complesso risolvere, questo strumento ha una sua importanza.
                            Se non hai questa necessità questo strumento è, per te, inutile.

                            Un teodolite per un geometra ha una sua ben specifica utilità, per un pasticcere un teodolite è uno strumento del tutto inutile, al contrario un'impastatrice planetaria ha per il pasticcere una sua utilità ma per il geometra non ne ha nessuna.

                            Quindi, mi chiedo, perché questo strumento ha suscitato in te tanto interesse ?
                            Hai un esigenza particolare tale per cui questo strumento si può rivelare utile ?
                            Se si, quale ?

                            A me non sembra uno strumento per orientarsi, con questo non escludo che tra i vari usi ci possa essere anche quello di poter fornire, in alcuni contesti, delle indicazioni su dove dirigersi o non dirigersi ma questo è un uso improprio che, per me, non giustifica l'acquisto.

                            Poi, uno può essere appagato dal semplice possesso dello strumento in se, in questo caso alzo le mani, se cosi, nulla ti vieta di toglierti lo sfizio ed acquistarlo e una volta che ce l'hai - giocarci e magari scoprire degli impieghi che a me sfuggono ma che possono essere interessanti.

                            Cordialmente
                            Rana

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da RANA Visualizza il messaggio

                              Quindi, mi chiedo, perché questo strumento ha suscitato in te tanto interesse ?
                              Hai un esigenza particolare tale per cui questo strumento si può rivelare utile ?
                              Se si, quale ?
                              In realtà questo oggetto non mi serve affatto. Mi incuriosiscono tutti i congegni meccanici ed elettronici, solo per capirne il funzionamento e l'utilizzo. In questo caso quello che mi colpisce è l'esistenza di un sonar portatile e di costo relativamente basso, tra l'altro per uso subacqueo cosa che lo rende tecnologicamente più complicato
                              Ultima modifica di Sbiriguda; 09-01-2019, 17:28.

                              Commenta

                              Riguardo all'autore

                              Comprimi

                              Sbiriguda Per saperne di più su Sbiriguda

                              Statistiche comunità

                              Comprimi

                              Attualmente sono connessi 50 utenti. 7 utenti e 43 ospiti.

                              Il massimo degli utenti connessi: 206 alle 20:35 il 07-09-2018.

                              Scubaportal su Facebook

                              Comprimi

                              Sto operando...
                              X