Acquari che rapporto avete

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Acquari che rapporto avete

    Ciao a tutti,
    oggi stavo riflettendo sugli Acquari e ancora non mi riesco a rendere effettivamente conto se sono una cosa negativa oppure non dico positiva ma un po meno negativa :-D
    In particolare mi piacerebbe capire come gli animali arrivino in questi posti e, se dietro tutto il marketing ci sia veramente un supporto allo studio della vita marina e\o al recupero di animali o se sono solo favolette per allegerire la coscienza ai visitatori.
    Ad esempio volendo considerare l'acquario di Genova o l'oceanografico di Valencia, voi che idea vi siete fatti?
    Grazie a chi vorrà rispondermi

  • #2
    Intanto mi rispondo da solo con un po’ di documentazione http://www.naominavigates.com/dolphins-captivity/

    Commenta


    • #3
      Ciao, io non li sopporto, che siano di Genova o da salotto. Possono meravigliare, essere belli e ben fatti, ma li trovo sbagliati per principio.

      Commenta


      • #4
        Sono molto creativi ed estroversi, ma preferisco i Sagittario o Capricorno.

        Commenta


        • #5
          ahaah me la sono cercata npole

          Commenta


          • #6
            Mi chiedo se chi li visita, spesso accompagnato da bambini, sia attratto da quel mondo che vede al di la del vetro, oppure, proprio perchè protetto da quel vetro, li consideri una realtà aliena, lontana dalla vita di tutti i giorni e dalla quale tenersi lontani.

            Purtroppo il paragone con i giardini zoologici mi fa propendere per la seconda ipotesi.

            Commenta


            • #7
              Sinceramente quando ho letto il titolo pensavo all'acquario di casa perchè da bambino ho avuto dei pesciolini rossi .
              Parlando più seriamente posso dire la mia esperienza , ero un adolescente e andai a vedere il museo oceanografico di Monte Carlo e rimasi colpito da tutte le cose che ho visto li dentro (le ricordo ancora come fosse ieri) poi anni dopo sono stato all'inaugurazione dell'acquario di Genova e rimasi un pò deluso non mi aveva dato le stesse emozioni di quello di Monte Carlo ma il museo era appena aperto e non era ancora completato e quindi ho pensato che comunque non era giusto fare un paragone con quello di Monte Carlo.
              Sono passati tantissimi anni e sono tornato a Monte Carlo il museo fu una delusione ,
              lo ricordavo diverso, e allora mi sono messo a riflettere su che differenza c'era tra la prima volta e la seconda ,
              il museo era si certamente un pò cambiato (è normale che negli anni qualcosa cambi negli arredamenti / esposizioni) ma c'era ancora tutto quello che ricordava la mia memoria per quanto riguardava fossili scheletri attrezzature subacquee ecc... ma dei pesci non ricordavo molto anzi gli acquari che mi erano sembrati enormi ora li vedevo molto più piccoli.
              Questo mi ha fatto pensare / propendere per il fatto che sia più una cosa per bambini se non sono affiancati da un museo serio, ma che purtroppo sono anche indispensabili.
              Con tutte le tecnologie video e computer che si hanno adesso si può far vedere qualsiasi cosa,
              ma spiegare per esempio quanto è grande una balena facendo vedere un video e invece vedere come, è capitato a me, lo scheletro di una balena appeso al soffitto del museo e di fianco ad esso il calco di una piovra (non ricordo di che anno era e dove l'avevano trovata) che con i tentacoli chiusi era lunga come la balena è impressionante, non c'è realtà virtuale che può reggere il paragone quindi penso che siano due cose che non si possono separare (acquario e museo).
              Infondo anche far vedere un cavallo a un bambino in tv o andare in una fattoria a vederlo cambia molto la percezione nel bimbo.

              Commenta


              • #8
                ciao polpotto
                personalmente sono contrario all'idea di 'andare a vedere i pesci' senza bagnarsi.

                Però,
                se gestiti da università e istituti di ricerca, hanno i loro perché oltre allo show, soprattutto su quegli aspetti della vita delle specie marine che sono quasi impossibili da monitorare in natura,
                come il ciclo riproduttivo, per esempio.

                Per esempio la partenogenesi (immacolata concezione) di alcune specie di squali e razze non sarebbe mai stata accertata su individui in libertà. In alcuni acquari è stato possibile confermarla per alcune femmine in quanto non c'erano in giro maschi da anni. In natura sarebbe stato un po' arduo giungere a certe conclusioni

                Ci sono acquari, come quello di Genova e di Monterrey (per dirne due) che sono dei veri e propri laboratori. Si sostengono anche grazie ai biglietti d'ingresso e forniscono dati scientifici di grande importanza.

                Ma se lo show deve essere fine a se stesso, anche se vagamente didattico, no: secondo me non ha senso.
                Molti sostengono che un acquario avvicina le persone al mare, io non ne sarei convinto: tra documentari e video su youtube ce n'è di che incuriosire le persone.
                Il concetto di 'tutto a portata di mano' - compresi i grandi felini nei salotti di Dubai - lo trovo terrificante.
                BLOG
                https://claudiodimanaoblog.blogspot.com/

                Commenta


                • #9
                  Non posso negare che anni fa sono andato a quello di Genova .
                  Mi ha rattristato un pesce luna che cercava di nascondersi il più lontano possibile dalle vetrate .
                  Poi leggendo e vedendo documentari , mi sono reso conto quanto queste creature possano soffrire per l'egoismo umano !

                  Non parliamo poi di quelle strutture che sfruttano i delfini ed altri cetacei per far divertire il pubblico.
                  Dove vengono costretti ad esibirsi per fame



                  Originariamente inviato da polpotto Visualizza il messaggio
                  l'acquario di Genova
                  Che fa farte di https://www.costaedutainment.it/

                  Leader in Italia nel settore dell’edutainment, Costa Edutainment gestisce il sistema integrato AcquarioVillage di Genova che comprende l’Acquario di Genova, il Galata Museo del Mare con il sommergibile S-518 Nazario Sauro, La città dei bambini e dei ragazzi, la Biosfera, l’ascensore panoramico Bigo, il Museo Nazionale dell’Antartide e, da maggio 2013, la mostra-percorso multisensoriale, in totale assenza di luce, Dialogo nel Buio. Sul territorio nazionale, Costa Edutainment gestisce dal 2000 l’Acquario di Cattolica, l’Acquario di Livorno, riaperto al pubblico dal 31 luglio 2010, e dal 1° settembre 2011, in collaborazione con Panaque srl, l’Acquario di Cala Gonone in Sardegna. In una logica di consolidamento della leadership nazionale e di rafforzamento su un territorio strategico quale la riviera romagnola, a ottobre 2013, Costa Edutainment ha acquisito Valdadige Futura SpA, società che controlla i due parchi di Oltremare e Aquafan di Riccione e a marzo 2014, ha preso in gestione Italia in Miniatura. Obiettivo dell’operazione è stata la creazione di Costa Parchi, un polo integrato su modello del network genovese che sfrutti la varietà della proposta dei quattro parchi romagnoli per strutturare un’offerta turistica ed edutainment in grado di creare un importante indotto sul territorio. La società è inoltre coinvolta direttamente in Civita Group, attraverso una partecipazione del 24%. Civita Group opera sul territorio per la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale italiano, con un fatturato annuo di circa 65 milioni di Euro attraverso la gestione delle strutture, circa 100 musei, di cui 5 delle 6 prime realtà italiane e organizzazione di mostre ed eventi. Attraverso le sue partecipate, Civita Group gestisce gli spazi commerciali dei Musei Vaticani, la Galleria degli Uffizi e il Corridoio Vasariano, la Galleria dell’Accademia e il Duomo di Siena. Costa Edutainment conta ad oggi oltre 13 milioni di visitatori all’anno gestiti direttamente o tramite le proprie partecipate."



                  Varie strutture tra cui Oltremare con il delfinario .
                  Che a pagamento organizza :ADDESTRATORE PER UN GIORNO .

                  P






                  nello

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da nello Visualizza il messaggio
                    Che fa farte di https://www.costaedutainment.it/

                    Leader in Italia nel settore dell’edutainment, Costa Edutainment gestisce il sistema integrato AcquarioVillage di Genova che comprende l’Acquario di Genova


                    No lo sapevo, grazie. Che fine ha fatto la parte scientifica?


                    Originariamente inviato da nello Visualizza il messaggio
                    Varie strutture tra cui Oltremare con il delfinario .
                    Che a pagamento organizza :ADDESTRATORE PER UN GIORNO .

                    P

                    Amen.
                    BLOG
                    https://claudiodimanaoblog.blogspot.com/

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da cidiemme Visualizza il messaggio

                      Che fine ha fatto la parte scientifica?
                      Direi scomparsa !

                      nello

                      Commenta


                      • #12
                        nello Quindi l'impressione che avevo è quella esatta, purtroppo.Grazie

                        Commenta


                        • #13
                          A proposito dell'acquario di Montecarlo, pur gestito da professionisti, vorrei ricordare che è stato protagonista di una delle più colossali figure di merda che la storia della biologia marina ricordi
                          https://www.ilgiornaledeimarinai.it/caulerpa-taxifolia

                          Commenta


                          • #14
                            Come tutte le cose, secondo me dipende da come si fa. Che sia quello di Genova o quello del salotto di casa, se viene allestito tenendo pienamente conto delle esigenze dei pesci che si andranno a ospitare, non ci sono problemi.
                            Ma se metti un pesce rosso in una boccia da 5 litri, o uno squalo bianco in una vasca di qualsiasi dimensione....
                            Poi gli spettacoli con delfini e orche, secondo me, andrebbero aboliti immediatamente

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da nello Visualizza il messaggio
                              Direi scomparsa !

                              E allora stiamo messi decisamente peggio degli americani, che brillano per uso e consumo della natura in chiave spettacolare.

                              https://www.montereybayaquarium.org/...our-priorities
                              Ultima modifica di cidiemme; 31-07-2019, 23:57.
                              BLOG
                              https://claudiodimanaoblog.blogspot.com/

                              Commenta

                              Riguardo all'autore

                              Comprimi

                              polpotto Per saperne di più su polpotto

                              Statistiche comunità

                              Comprimi

                              Attualmente sono connessi 57 utenti. 7 utenti e 50 ospiti.

                              Il massimo degli utenti connessi: 206 alle 19:35 il 07-09-2018.

                              Scubaportal su Facebook

                              Comprimi

                              Sto operando...
                              X