Immersione senza usare il GAV una volta fatta la discesa

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #31
    Dopo averne chiesto il permesso ai diretti interessati,posto i video che ho realizzato sabato 13 Ottobre a Paraggi,dell'immersione senza GAV di Sbiriguida ,Rana e il sottoscritto (che faceva le riprese). I filmati mostrano gli assetti tra 26 e 5 mt senza problemi....se togliamo un poco di inesperienza,visto che per Sbiriguda era la prima volta in assoluto!

    Commenta


    • #32

      Commenta


      • #33
        Esperienza per me eccezionale... ringrazio di nuovo Rana e Unicorno

        Commenta


        • #34

          Commenta


          • #35

            Commenta


            • #36

              Commenta


              • #37
                Nel complesso,immersione divertente e gestibilissima.Io avevo un mono da 15 lt ,una semistagna da 6,5mm e 1,5 kg di zavorra,e nonostante questo,riuscivo a gestire tutto benissimo sino a 3 mt di profondità.Lo stesso,non avevo alcun problema a 26 mt,dove risultavo perfettamente equilibrato,e potevo stare immobile senza pinneggiare a quota costante. Da ripetere appena possibile.

                Commenta


                • #38
                  Sembra una gran cosa! Bello!
                  “Call me Ishmael. Some years ago - never mind how long precisely - having little or no money in my purse, and nothing particular to interest me on shore, I thought I would sail about a little and see the watery part of the world."

                  Commenta


                  • #39
                    Sabato ho passato una bellissima mattinata a Paraggi, con amici vecchi e nuovi

                    ​Grazie Unicorno che mi ha affiancato ed aiutato.

                    Grazie a Sbiriguda che si è rivelato essere una persona di poche parole, senza eccessi, interessato ma allo stesso tempo prudente nell'approccio.

                    Mi ha fatto piacere conoscerlo, mi ha fatto piacere affiancarlo in questa prova.

                    Ben venga se ci saranno altre occasioni


                    Cordialmente
                    Rana

                    Commenta


                    • #40
                      I filmati valgon più di mille parole...complimenti

                      Inviato dal mio LG-M250 utilizzando Tapatalk

                      Commenta


                      • #41
                        Originariamente inviato da unicorno Visualizza il messaggio

                        Perdonate la franchezza, ma io in questo video osservo un sub (muta nera) che ne trascina un altro che ha un assetto molto positivo che non lascia presagire niente di buono per la risalita. Sembra una pubblicità per incentivare l'utilizzo del GAV....
                        Fabrizio

                        Commenta


                        • #42
                          Originariamente inviato da baldinotti Visualizza il messaggio
                          Perdonate la franchezza, ma io in questo video osservo un sub (muta nera) che ne trascina un altro che ha un assetto molto positivo che non lascia presagire niente di buono per la risalita. Sembra una pubblicità per incentivare l'utilizzo del GAV....
                          Ciao Baldinotti.
                          La franchezza è sempre una bella cosa permette di chiarire aspetti che altrimenti rimarrebbero sospesi e lasciati alle interpretazioni più varie.

                          Hai ragione - tranne per i tuoi "presagi" nefasti che spero di dipanare con questo mio intervento.

                          Ho fatto provare tante persone dal 2012, anno in cui abbiamo messo in rete (io insieme all'amico che mi ha insegnato il senza gav) la dispensa "Immersione Pura - La sostenibile leggerezza della semplicità" che cercava di spiegare questa tecnica - quasi dimenticata, se non del tutto dimenticata dalle didattiche (tutte).

                          Ho potuto notare come a differenti gradi di acquaticità si legava la capacità di essere più o meno immediati nella tecnica.

                          La persona che ha fatto le riprese "Unicorno" è stata una persona che ho conosciuto circa due anni fa in occasione di una prova senza gav, sempre a Paraggi.
                          Nel caso suo mi sono trovato davanti a un subacqueo vecchia scuola che aveva di suo una buona acquaticità e tanti anni si subacquea (tante immersioni) quindi esperienza.
                          Nel suo caso c'è stata subito immediatezza, lui aveva di suo i movimenti corretti con le pinne, la postura ecc, ecc, nel suo caso è bastato solo calibrare la zavorra (in quell'occasione usò vado a memoria 2 Kg usando una semistagna - ad Unicorno correggermi se sbaglio).
                          Impostato svolse tutta l'immersione senza che dovessi intervenire per "regolare", l'assetto - di fatto andava in autonomia, sia in discesa che in profondità e soprattutto nelle fasi finali dell'immersione.

                          Al contrario In questa circostanza (come in altre) mi sono trovato a dover far provare, per la prima volta, un subacqueo che è ancora alle prime esperienze.
                          Un subacqueo che è il prodotto delle didattiche moderne in cui l'acquaticità è optional spesso dimenticato, dato che lo spot pubblicitario inerente all'uso del gav è diventato necessità e obbligo in cui il gav diventa solo una comoda scorciatoia per non dover insegnare la corretta acquaticità.

                          Sia chiaro a tutti - Sbiriguda è una persona splendida, oltre che correttissima - si è messo in gioco con la massima attenzione, senza facili entusiasmi ma con spirito critico sia nei suo confronti, sia nei miei (come giustamente doveva - dato che non ci conoscevamo di persona).

                          Sbiriguda (correggimi se sbaglio) non ha tante immersioni, la sua acquaticità è ancora da sgrossare, deve imparare la propriocezione, i movimenti corretti delle varie pinneggiate, ecc, ecc.
                          Manifestava queste "lacune" anche nell'immersione con il gav - prima di provare senza gav - siamo scesi insieme - io e lui - lui con il gav e l'attrezzatura che usava normalmente ed io senza gav - in modo da permettere a me di capire con chi avevo a che fare dal punto di vista tecnico, e viceversa mostrare a lui cosa intendevo per immersione senza gav.

                          Come tutti noi - farà il suo percorso d'esperienze e arriverà a fare tutto (come anche tutti noi abbiamo dovuto fare) ma al momento da quello che ho potuto vedere la sua preparazione presenta dei buchi proprio nell'acquaticità, io queste lacune le imputo al modo in cui gli è stata fatta la didattica, non a lui.

                          Sbiriguda è una persona che impara velocemente, ma in questo caso non ha avuto nessuna formazione in tal senso, sott'acqua lui ha cercato di far suoi movimenti - come la gambata a rana - senza una guida, un gruppo di persone a cui rifarsi per imparare i movimenti corretti, ecc, ecc, e quello che ne esce è visibile nei filmati.
                          La pinneggiata non spinge, perché i movimenti sono scoordinati, perché la tecnica non c'è.
                          Senza la spinta, senza il necessario dinamismo che non vuol dire scoppiare di sforzo - ma saper muoversi correttamente e senza il controllo della postura dato dalla propriocezione, si è positivi perché non si riescono a gestire le forze dinamiche.

                          I filmati bisogna anche riferirli alla profondità (Unicorno ha fatto un bel lavoro a inquadrare il suo computer per mostrare la profondità).

                          Tutta l'immersione oltre i -12 metri Sbiriguda si è mosso in autonomia, il mio intervento è stato necessario alle quote sopra i -12 -10 metri.

                          Nel filmato anch'io ero senza gav e usavo come zavorra un solo chilogrammo, nonostante tutto non ho fatto nessuna fatica a compensare il "delta" positivo di Sbiriguda dato dalle sue difficoltà sopra descritte.

                          In conclusione, i filmati mostrano Sbiriguda affrontare il senza gav per la prima volta (tenetelo ben presente), non è una persona avventata e sicuramente c'era anche un po' di agitazione nell'affrontare una situazione completamente differente da quanto finora ha visto fare e gli è stato insegnato.
                          Nonostante tutto ha fatto l'immersione e ha potuto rendersi conto che alla fine dell'immersione anche se si è positivi non si pallona (il positivo è comunque controllabile e anche quando per vari motivi, per esempio un crampo, non fosse possibile controllarla la risalita che ne seguirebbe non è repentina), ha potuto capire quanto margine di miglioramento può avere quando affinerà la corretta acquaticità.
                          Penso che l'esperienza che ha fatto sia stata positiva ma qui mi fermo e lascio a lui esprimere il suo giudizio in merito.

                          Io penso che questa tecnica sia un favoloso strumento didattico per imparare in maniera corretta l'acquaticità necessaria anche nelle immersioni con il gav.
                          Questa tecnica ti spinge a dover trovare i movimenti corretti, ti spinge ad affinare la sensibilità alla propriocezione (percezione di se stessi in acqua), ti porta a padroneggiare quelle forze dinamiche che aggiungono sicurezza anche e soprattutto nelle immersioni con il gav.
                          Questa tecnica spezza la dipendenza con la zavorra.

                          Noi (quelli che svolgono immersioni senza gav) non abbiamo inventato nulla, questa è una tecnica propria dei tempi in cui non esisteva il gav, è una tecnica che tanti chiamano e considerano "obsoleta", "vecchia" non più all'altezza dei giorni nostri - eppure io penso che nulla sia più attuale - soprattutto nella subacquea che tutti noi vediamo oggi.
                          Questo modo di andare sott'acqua (il senza gav), permette di riportare i subacquei al corretto rapporto con la zavorra, con loro stessi in termini di movimenti, sensazioni e capacità.

                          In questi anni e anche negli ultimi mesi sono venuto a contatto con altre persone che eseguono correttamente il senza gav, persone che spesso si trovano a discutere ed anche ad essere tacitate da tanti "sedicenti" istruttori che parlano senza neanche sapere di cosa parlano quando esprimono giudizi sul senza gav, persone a cui non importa capire se quanto sentono affermare sia giusto o meno, importa solo "difendere" le loro certezze.

                          Io penso che sarà dura e ci vorrà tanto ma tanto tempo ma prima o poi il "senza gav" riuscirà a sfondare il muro di gomma, le leggende metropolitane, mostrando i suoi indubbi vantaggi anche solo come tecnica didattica per insegnare un corretto approccio all'acquaticità.

                          Non solo è un modo facile ed immediato per potersi immergere, ma è anche un formidabile strumento per insegnare.

                          Cordialmente
                          Rana

                          Commenta


                          • #43
                            Come dice Rana, il mio problema in realtà è la tecnica di base, l'immersione con o senza GAV mostrava il mio livello di esperienza e di tecnica piuttosto scarso e se vogliamo in questo caso c'era anche un po' di emozione. Proprio su suggerimento di Rana, mi sono appena iscritto (ieri) a un corso di apnea per migliorare i fondamentali. Le fasi di ingresso e di risalita sono le più importanti, e in quelle non posso dire di essere andato bene, così come nel consumo di aria. Ma quando si arriva verso 10 o 12 metri la sensazione è completamente diversa. In questo senso posso dire che mi è servita comunque l'esperienza, mi sono fatto un'idea. In questo video fatto da Unicorno non si vede lo stesso Unicorno, che ha parecchia esperienza come sub. Vedendo lui si vedrebbe l'immersione senza GAV fatta da un sub che ha il livello tecnico che serve, oltre a Rana che vedete già ovviamente
                            Ultima modifica di Sbiriguda; 17-10-2018, 19:29.

                            Commenta


                            • #44
                              Originariamente inviato da Sbiriguda Visualizza il messaggio
                              Proprio su suggerimento di Rana, mi sono appena iscritto (ieri) a un corso di apnea per migliorare i fondamentali....
                              Ottimo suggerimento
                              Fabrizio

                              Commenta


                              • #45
                                Originariamente inviato da baldinotti Visualizza il messaggio


                                Perdonate la franchezza, ma io in questo video osservo un sub (muta nera) che ne trascina un altro che ha un assetto molto positivo che non lascia presagire niente di buono per la risalita. Sembra una pubblicità per incentivare l'utilizzo del GAV....

                                Però i video bisogna guardarli bene e nel dettaglio...Apposta li ho messi tutti.
                                Sbiriguda è vero che ha un assetto piuttosto positivo,ma questo accade molto nel primo video,appena entrato in acqua,e che come è del tutto normale (andando "contro" a quanto appreso nella sua didattica) avendo poca zavorra e tenendo aria nei polmoni,era piuttosto positivo nei primi 10/12 metri.
                                Tuttavia se guardate bene il seguito,la sua situazione migliora,sia con la profondità che con il tempo.

                                La differenza la si può notare nell'ultimo video,quando stavamo per uscire.
                                Nonostante avesse consumato molta aria in bombola (e quindi fosse ben più leggero di quando è entrato ) riesce a tenere l'assetto abbastanza bene a meno di 5 mt dalla superficie...e se permettete non mi sembra affatto male come cosa!

                                Questo sta a signifcare che,nonostante la novità assoluta,la zavorra completamente diversa da quella che è uso adoperare,e senza l'aiuto del GAV,è riuscito ad adattarsi abbastanza in fretta.

                                Come noterete verso l'inizio dei video,RANA lo ha portato sin sul fondo,e lo ha abbandonato per vedere come andasse...Come potete notare ,al gesto interrogativo di RANA, faceva cenno che era a suo agio,e controllava l'assetto piuttosto bene,nonostante fosse in acqua senza GAV da non più di CINQUE MINUTI!

                                Comunque,ripeto,secondo me i miglioramenti li ha effettuati verso la fine,quando è tornato a pochissimi metri dalla superficie,e non solo non ha "pallonato" ma gha continuato a seguire RANA sino alla riva,senza emergere,nonostante avesse poco peso e poca aria in bombola.

                                Sono assolutamente convinto che alla prossima immersione,Sbiriguda andrà decisamente meglio,e non ci sarà nemmeno il bisogno di prenderlo per mano...

                                Commenta

                                Riguardo all'autore

                                Comprimi

                                Sbiriguda Per saperne di più su Sbiriguda

                                Statistiche comunità

                                Comprimi

                                Attualmente sono connessi 57 utenti. 2 utenti e 55 ospiti.

                                Il massimo degli utenti connessi: 1,037 alle 05:32 il 14-01-2020.

                                Scubaportal su Facebook

                                Comprimi

                                Sto operando...
                                X